Gazebo fai da te

Iniziare i lavori di costruzione

Il gazebo è un elemento decorativo da poter aggiungere al proprio giardino per renderlo più originale ma anche più funzionale. Il gazebo può essere sia realizzato in legno (per adattarlo meglio ad ambienti esterni) e sia di ferro (per dargli una struttura più solida e resistente). Il gazebo può essere installato in diversi ambienti. Solitamente si sceglie un giardino, ma può essere applicato anche in altri esterni, come un terrazzo. Per costruire un gazebo fai da te bisogna innanzitutto richiedere una denuncia di inizio attività (DIA) all’ufficio tecnico comunale. Una volta ricevuta l’autorizzazione bisogna scegliere il luogo più adatto per sistemarlo e regolare a sua volta le dimensioni. Se il terreno sul quale si intende montare il proprio gazebo fai da te è soffice, è consigliato interrare i montati. Se il terreno invece è duro è necessario supportare i montati con del cemento.
Esempio gazebo fai da te legno

Adriatic S.R.L- Adriatic Sabbiera Conchiglia Cm 87X77X19 Solo Base Playset Giardino Gioco Estivo 276, Multicolore, 820197

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27€


Fase di lavorazione iniziale

Gazebo legno completato Per realizzare un gazebo fai da te in legno è necessario raccogliere prima tutte le informazioni necessarie prima di iniziare alla fase di costruzione. Il primo passo da fare riguarda ovviamente la preparazione di tutti i materiali da costruzione necessari alla costruzione del gazebo fai da te. Terminati i preparativi bisogna tracciare il perimetro del proprio gazebo con dei paletti e un martello, dopodiché scavare quattro buche profonde circa cinquanta centimetri in corrispondenza dei paletti. Una volta scavate le buche, bisognerà riempire ognuna di esse con un piccolo strato di ghiaia per favorire il drenaggio dell’acqua. Dopo aver terminato la preparazione delle buche bisognerà inserire al loro interno i quattro pali del gazebo. Inseriti i pali, si devono riempire le buche con del cemento e attendere circa 36 ore prima di riprendere i lavori.

  • Un modello di pergola I modelli attualmente in commercio di pergole e gazebo sono davvero tanti poiché si tratta di un arredo da giardino sempre più amato dalla clientela. La scelta della tipologia più adatta dipende essen...
  • Esemplare di gazebo in legno Gli spazi verdi esterni danno un grande valore aggiunto alla propria casa, qualunque siano le loro dimensioni; se sono abbastanza ampi vi si può installare un gazebo così da renderli pienamente fruibi...
  • Tende per gazebo Le tende per gazebo servono per proteggere dagli agenti atmosferici. Sotto il gazebo è possibile disporre un tavolo da giardino con le sedie, per poter consumare un pasto o una merenda all'aria aperta...
  • Casetta da giardino in legno Le casette da giardino attualmente in commercio vengono prodotte in legno, in materiale plastico resistente alle intemperie o in alluminio. Garantiscono una buona durata nel corso degli anni e consent...

Garden Games 6402, Vasca di Sabbia Esagonale, 1,5 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 86,11€


Gazebo fai da te: Completamento dei lavori

Giardino arredao Una volta solidificato il cemento nei pali del proprio gazebo fai da te, bisognerà andare a tagliare con un segaccio i due pali interiori a circa 260 centimetri e quelli posteriori a 230 centimetri da terra. Dopo quest’operazione bisogna fissare delle travi internamente ed esternamente ai quattro pali, fissandole utilizzando dei bulloni. Sulle travi bisogna poi fissare dei pannelli in policarbonato sempre utilizzando dei bulloni. Una volta montati i questi pannelli sia internamente che esternamente (lasciando un margine di 50 centimetri dal suolo), il proprio gazebo fai da te può considerarsi pronto ad essere arredato secondo i propri gusti, ad esempio con tavoli, sedie o divanetti. Dopo aver completato la struttura del gazebo, bisogna anche prendersene cura, per evitare un suo deterioramento. Nel caso dei gazebi di legno infatti, bisogna proteggere le travi dall’attacco di tarli, utilizzando un apposito liquido antitarli.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO