Rivestimento tetto

Le funzioni del tetto è principalmente quella di isolare, proteggere, ventilare e impermeabilizzare l'intera struttura edile. Infatti, il rivestimento del tetto permette di aumentare il comfort (mantenendo le pareti fresche in estate e calde in inverno) e di ridurre la fuoriuscita di calore ed i consumi energetici. Inoltre, protegge gli ambienti interni dagli eventi atmosferici: per questo motivo, si devono utilizzare materiali di alta qualità certificata (sia per le materie prime che per la lavorazione) e controllati per garantire ottime prestazioni. La buona qualità del rivestimento del tetto, inoltre, consente di smaltire in maniera ottimale il calore che si accumula nello spazio sotto le tegole: non solo si mantiene il sottotegola asciutto e si ha uno scioglimento controllato della neve, ma una buona ventilazione garantisce che il rivestimento del tetto duri a lungo nel tempo.

Il rivestimento del tetto consente di raggiungere differenti condizioni di comfort (luminosità, ... continua


Articoli su : Rivestimento tetto


1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Coibentazione tetti

    Lavori di coibentazione di un tetto Tramite la coibentazione tetti si provvede all'isolamento dell'ambiente. Per la sua realizzazione sono anche previste agevolazioni fiscali importanti.
  • Coibentazione tetto

    Lavori isolamento tetto La coibentazione tetto è forse quella più importante tra tutte le superfici perimetrali per assicurare il massimo confort all'interno dell'abitazione.
  • Copertura leggera tetto

    Esempio di copertura del tetto La copertura leggera del tetto impiega tegole in pvc, vetroresina, plastica o acciaio. Sono moduli leggeri e molto belli dal punto di vista estetico.
  • Copertura tetto in legno

    Tetto in legno in costruzione Utilizzare una copertura tetto in legno è una scelta ecologica, perché si utilizzano materie prime derivanti da fonti rinnovabili.
  • Copertura tetto ventilato

    Copertura tetto ventilato La copertura tetto ventilato adotta una camera di ventilazione che raffredda l'ambiente sottotetto. Inoltre aumenta il comfort abitativo generale.
  • Coperture coibentate per tetti

    Esempio di pannello coibentato per tetti Le coperture coibentate per tetti sono composte da lastre metalliche isolanti che a loro volta garantiscono un isolamento sia acustico che termico.
  • Coperture in legno

    tetto in legno Le coperture in legno si adattano perfettamente ai differenti stili e sono utilizzate sia per realizzare tetti sia verande o altre coperture esterne.
  • Coperture in legno lamellare

    Il legno lamellare Le coperture in legno lamellare, realizzate con un particolare procedimento, conciliano alla perfezione resistenza, longevità e bellezza estetica.
  • Coperture in pvc

    Copertura moderna in pvc Le coperture in pvc hanno avuto uno sviluppo recente per vari motivi,come quello economico poiché costano meno rispetto a quelle tradizionali.
  • Coperture in vetro

    Esempio di rivestimenti tetto Le coperture in vetro che possono essere installate sui muri tetto si differenziano per strutture e lavorazioni del vetro, forme, proprietà e prezzi.
  • Coperture industriali

    Copertura industriale con comignoli Le coperture industriali vanno scelte attentamente perché devono riparare dal freddo e dagli agenti climatici. Quali possibilità offre il mercato?
  • Coperture legno lamellare

    Copertura tetto lamellare in legno Le coperture in legno lamellare sono strutture ecologiche, atossiche e, dunque, rispettose dell'ambiente.
1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , temperatura ed umidità degli ambienti interni) in base alla forma ed ai materiali impiegati ed al modo in cui vengono posizionati. Infatti, si usano materiali da isolamento termico diversi a seconda del risultato che si vuole ottenere. Ad esempio, si ottengono i migliori risultati energetici combinando materiali come sughero e fibra di legno per l'estate e poliuretano e polistirene per l’inverno. Bisogna posizionare nella parte bassa del rivestimento del tetto i materiali di densità maggiore, dato che rallentano il passaggio del calore esterno agli ambienti interni.

Esistono molti tipi diversi di tegole e non esiste un rivestimento per tetto ideale in assoluto, ma le varie soluzioni devono essere adattate ad ogni singola situazione. Per scegliere il rivestimento del tetto migliore si devono considerare la zona geografica in cui si abita (e di conseguenza la presenza o meno di vento e/o di nevicate), la destinazione d'uso dell'immobile (residenziale, capannone industriale, ecc), il grado di inclinazione della falda del tetto, l'aspetto estetico che si vuole ottenere ed il peso della struttura.

Gli elementi che costituiscono il rivestimento del tetto appartengono a due categorie, le coperture a pannelli e le tegole. Nel primo caso si tratta di pannelli tagliati in fabbrica su misura ed adatte a coprire grandi superfici. Le tegole, invece, hanno dimensioni minori, sono realizzate in materiali diversi e ricoprono il manto del tetto in maniera particolare: sono attaccate a listelli ed assicurate con chiodi alla struttura del tetto, in modo che risultino sovrapposte tra loro. I pannelli possono essere in vetroresina, pvc, fibrocemento oppure sono realizzate come lamiere metalliche. Invece, le tegole possono essere in cemento, in laterizio (i più diffusi sono i coppi ed i monocoppi), oppure in altri materiali, quali il metallo, la pietra e lo zinco titanio.

Le tegole più usate sono quelle in laterizio ed in cotto: il loro utilizzo è datato già in epoca romana, in quanto sono realizzati in argilla, facilmente lavorabili e leggeri. Il loro impiego è consigliato nelle zone interessate da un clima mite con una piovosità medio-bassa: infatti, le tegole in cotto non devono essere usate in aree molto piovose, in quanto possono assorbire una quantità d'acqua che può arrivare al 20% del loro peso. Di conseguenza, aumenta il rischio di possibili infiltrazioni tra gli interstizi e, in inverno, quando l'acqua gela, si possono verificare episodi di rigonfiamento. In aree di montagna o caratterizzate da un clima fredda si consiglia invece l'impiego di tegole in cemento: immesse sul mercato dagli anni Sessanta, si caratterizzano per poter assorbire una minima quantità di umidità oppure acqua (soltanto il 2% del proprio peso), fatto che elimina il rischio che la tegola possa gelare.

In ogni caso, di recente sono state immesse sul mercato anche tegole in cotto sottoposte a trattamenti a base di coloranti e materiali speciali per ovviare al problema dell'assorbimento dell'acqua e per evitare che l'elemento possa gelare in inverno. Questa soluzione è estremamente utile, in quanto unisce le caratteristiche delle tegole in cemento con la leggerezza di quelle in cotto. Infatti, le singole tegole in cemento sono molto più pesanti di quelle in cotto, anche se le tegole necessarie per coprire un metro quadrato del rivestimento del tetto (qualunque sia il materiale) hanno un peso simile.