Costruire un pergolato

Per quale motivo dovresti costruire un pergolato

Il pergolato è una struttura che non protegge da vento o intemperie, e nemmeno copre particolarmente dal sole durante le calde giornate estive. Allora perché fare la fatica di costruirne uno? Perché il pergolato è una struttura che, pur in assenza di mura e un tetto, definisce uno spazio esterno senza chiuderlo o limitarlo. Sotto un pergolato, si è all'interno e all'esterno nello stesso momento, con la libertà di uscire e rientrare senza costrizioni, in piena libertà. Nel periodo rinascimentale, i pergolati erano spesso utilizzati nei grandi giardini dei nobili per coprire i sentieri o reggere le viti; al giorno d'oggi, sono uno strumento di design utile a segnare un percorso (rendendolo anche grazioso decidendo di decorarlo con piante rampicanti o vasi di fiori) o uno spazio definito all'interno del giardino, dove sedersi a prendere il tè d'estate.
Pergolato arredo

New Plast 0960 - Tricloro in Pastiglie da 200 g per Acqua Piscina, Formula 5 Azioni, Barattolo 1 kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,46€


Costruire la struttura di base

Schema costruzione Tanto per cominciare, è necessario che prendiamo le misure dello spazio in cui vogliamo costruire un pergolato: servirà fissare i quattro angoli in cui posizionare i montanti, fondamentali per reggere la struttura. Questi dovranno essere idealmente di circa 15x15cm e ad equa distanza, fissati nel terreno scavando per ogni montante una buca di 50-60cm, in cui posizionare il pilone e fissarlo poi con cemento. Una volta verificato che i montanti siano perpendicolari al terreno, è il momento di aggiungere le travi superiori, normalmente di 5x20cm, da montare perpendicolari ai montanti, in modo che ne colleghino la parte esterna andando a formare un quadrato e tenendoli insieme. Un'altra serie di travi, 5x15cm, andrà invece a formare la parte superiore: le disporremo a graticcio sopra le travi sottostanti, fissandole con dei chiodi piantati a sbieco. Queste saranno per convenzione a distanza di 45cm l'una dall'altra, e sporgeranno frontalmente di circa 60cm.

  • Esempio di pergola da giardino La pergola è un elemento molto usato per arredare il giardino e gli altri spazi esterni, proprio come la tettoia: entrambe le strutture hanno il compito di realizzare un angolo relax riparato dal vent...
  • Semplice pergolato in legno fai da te Il pergolato in legno fai da te è una struttura comoda ed economica per arredare il proprio giardino in modo del tutto naturale. Sempre più persone decidono di realizzare tale soluzione con le proprie...
  • seduta da giardino Se l'arredamento per la casa è fondamentale per consentire di avere il massimo dei comfort a chi la abita, stessa cosa vale per il giardino. Fra gli oggetti da giardino che non dovrebbero mai mancare ...

Allibert Set di mobili da Balcone Iowa Balcony

Prezzo: in offerta su Amazon a: 142,45€


Costruire un pergolato: Messa a punto e rifiniture

Pergolato giardino Una volta finito di assemblare la struttura di base, è necessario verificare che tutte le travi siano fissate correttamente. Si potrà allora cominciare con le decorazioni del nostro nuovo, fantastico pergolato. Le opzioni per renderlo un luogo grazioso ed accogliente sono svariate: la più comune e gettonata di tutte è senz'altro l'aggiunta dei rampicanti. Le piante favoriscono la combinazione perfetta del pergolato con l'ambiente del giardino, senza contare che se scegliessimo dei rampicanti fioriti, questi ravviverebbero e colorerebbero le nostre giornate primaverili. Un'ottima idea, sempre per la bella stagione, è attrezzare il pergolato con delle sedie o, perché no, anche con dei tavoli da esterno, così da poterlo utilizzare come punto di ritrovo per un pomeriggio con gli amici o semplicemente per riposarsi in tranquillità la sera. Se volete ottenere un effetto più raffinato, è possibile anche dipingere il pergolato con una vernice per legno del colore che preferite, così da renderlo assolutamente unico. Alla fine di tutto, capirete che costruire un pergolato è stata un'ottima idea!



COMMENTI SULL' ARTICOLO