Piano cottura in vetroceramica

Che cos'è il vetroceramica

Il vetroceramica è un materiale composito caratterizzato da piccoli cristalli immersi in una massa vetrosa. A seconda della composizione della massa vetrosa, si possono ottenere delle vetroceramiche con proprietà e caratteristiche differenti, da poter impiegare in settori diversi come: quello dell'ottica, dell'elettrico e del meccanico. Il vetroceramica gode di un'alta resistenza meccanica che si può migliorare con dei trattamenti chimici, un'alta resistenza al calore infatti non subisce deformazioni neanche a 600 gradi. È molto resistente alle sostanze corrosive, non è soggetta a dilatazioni termiche, è molto rigida rispetto al vetro ed è infrangibile. La vetroceramica è un materiale eco-compatibile, semplice da pulire per l'assenza di porosità. Grazie a tutte queste sue caratteristiche questo materiale composito viene impiegato soprattutto per la produzione di piani cottura in vetroceramica.
Piano cottura in vetroceramica a 4 fuochi

Cappa cucina rustica mod.Stock 90 parete - in legno grezzo da verniciare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 219€


I piani cottura in vetroceramica

Piano cottura in vetroceramica a gas I piani cottura in vetroceramica sono composti da 3 o 5 fuochi e i comandi non si trovano a vista ma sono integrati nella lastra. Nei piani cottura moderni basta solo sfiorare il touchscreen per azionarli. Rispetto ai piani cottura tradizionali quelli in vetroceramica disperdono minor calore, quindi si traduce in un risparmio dei tempi di cottura; inoltre garantiscono una maggiore sicurezza vista l'assenza delle fiamme. Assicurano un'assenza di rischi dovuti a eventuali perdite di gas, possono essere integrati da dispositivi elettronici come timer, sistemi di sicurezza. Il piano cottura in vetroceramica è facile da pulire, rende la cottura più omogenea, riduce il pericolo di ribaltamento delle pentole, e poi è considerato un elemento di design. Però con questo tipo di piano cottura non è possibile utilizzare qualsiasi tipo di pentolame e i suoi costi sono alquanto elevati.

  • Un fuoco dei piani cottura a gas Al giorno d'oggi sono sempre più numerose le famiglie che in casa adottano una cucina componibile. La cucina componibile, infatti, permette di risparmiare molto spazio, visto che le dimensioni delle a...

Mai & Mai Design Lavabo da Appoggio, Lavandino Bagno Rettangolare 45,5x31x10cm Brüssel118C in Ceramica con Nano Rivestimenti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 79,99€


Le tipologie di piani cottura in vetroceramica

Piano cottura in vetroceramica elettrico Sia che il piano cottura sia incassato o appoggiato il suo funzionamento è sempre lo stesso, ma può cambiare il tipo di alimentazione. Nei piani cottura in vetroceramica elettrico radiante e alogeno, la piastra viene riscaldata tramite delle lampade alogene infrarosse poste sotto il vetro. Le lampade rispetto alla resistenza scaldano prima e consumano di meno. Con l'alimentazione alogena è necessario utilizzare del pentolame col fondo opaco, per evitare di riflettere la luce delle lampade. Nei piani cottura in vetroceramica a induzione, attraverso delle bobbine poste sotto la lastra si viene a creare un campo magnetico che riscalda il fondo della pentola, velocizzando la cottura del cibo e riducendone i consumi. Nei piani cottura in vetroceramica alimentati a gas i fuochi sono posti come nei classici piani cottura in acciaio inox, ma il piano è appunto in vetroceramica e non di acciaio.


Piano cottura in vetroceramica: Pulizia e manutenzione

Piano cottura in vetroceramica con comandi touch control La pulizia dei piani cottura in vetroceramica è molto semplice vista l'assenza di griglie e piattelli. Per loro pulizia è necessario non utilizzare prodotti troppo aggressivi come gli anti-calcare, sgrassatori o spugnette abrasive perchè potrebbero danneggiare il piano. Si consiglia di usare un panno umido in acqua calda e aceto. Per lo sporco più ostinato, è necessario disporre di un raschietto per il vetro che solitamente lo si trova in dotazione con il piano cottura. Per questo genere di sporco è utile far riscaldare leggermente il piano affinché le incrostazioni si ammorbidiscano, per poi rimuoverle. La pulizia del piano cottura in vetroceramica deve essere molto precisa e accurata, al fine di rimuovere ogni residuo di cottura per evitare che possa bruciarsi al riutilizzo della piastra stessa.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO