Giardinaggio fai da te

La passione per il giardinaggio fai da te

Il giardinaggio fai da te è un piacevole hobby che, oltre a produrre case, balconi e giardini gradevolmente ricchi di piante e fiori, serve anche a rilassare e a mantenersi attivi. Per praticare giardinaggio fai da te non è necessario avere grandi spazi, né tanto meno acquistare attrezzi costosi. Anche il cosiddetto "pollice verde" non è un requisito fondamentale, poiché basta un po' di passione e un minimo di esperienza, che si acquisisce in poco tempo, per ottenere risultati validi. Si può fare giardinaggio limitandosi alle piante verdi da appartamento, dilettandosi con le piante da fiore o semplicemente coltivando erbe aromatiche e qualche buona verdura in vaso o in un piccolo orto. Qualsiasi genere si scelga, e l'uno non esclude l'altro, il giardinaggio fai da te può diventare un momento di relax irrinunciabile, utile a ritemprare le energie e scaricare lo stress.
Giardinaggio fai da te

Guanti Antitaglio, Guanti da Lavoro, protezione livello 5, Guanti da cucina resistenti al taglio, Guanti giardinaggio,Fai da te, livello alimentare, certificato EN388, taglia universale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


Attrezzi e materiali per il giardinaggio fai da te

Attrezzi giardiniere Se l'attività di giardinaggio è relativa a vasi e fioriere, l'attrezzatura necessaria è piuttosto semplice. Sono sufficienti, oltre ai vasi e al terriccio, una paletta da giardiniere, un pianta bulbi, una cesoia per rami, un paio di guanti ed una forbice. Molto consigliata, ma non indispensabile, sarebbe una serra, anche piccola e anch'essa fai da te, per le semine e per proteggere piantine delicate nei periodi di gelo. Se si possiede un angolo di orto, sarà utile una vanga, un rastrello e magari una carriola, per facilitare il trasporto di terra, vasi, foglie e scarti. Se il giardinaggio fai da te sarà praticato solo per piante da tenere in casa, l'elenco degli attrezzi occorrenti è davvero minimo. Un buon assortimento di vasi di varie dimensioni è utile per sfruttare tutti gli spazi, gli angoli, le mensole e le ringhiere, perché è facile che la passione prenda e si vogliano coltivare più piante possibili. I vasetti di piccole dimensioni saranno utili quando subentrerà il desiderio di moltiplicare le proprie piante, mentre quelli più grandi e artistici serviranno per ospitare le piante adulte e rigogliose.

  • Pratico annaffiatoio Tra gli attrezzi manuali da procurarsi per prendersi cura del proprio giardino sono da menzionare i rastrelli e le forbici. I primi sono necessari per eliminare i sassi e le foglie secche e per lavora...
  • Mosaici fai da te nel giardino Sempre più persone scelgono di creare un giardino fai da te in modo facile ed anche economico. Sul web è possibile osservare innumerevoli ed originali esempi per arredare in modo altamente creativo il...
  • Un prato di casa verde e rigoglioso Una buona cura e la giusta dedizione possono venire in soccorso prevenendo le malattie del prato. Si consiglia infatti di non limitarsi a curare il prato solo nelle stagioni estive, bensì organizzare,...
  • Peonia in piena fioritura Le peonie sono piante per giardino appartenenti alla famiglia delle Peoniacee. Le specie di questo genere si dividono in due grandi gruppi: peonie erbacee e peonie arbustive (o legnose). Le peonie erb...

VERDELOOK Carriola in Acciaio zincato, Portata 100kg, per Trasporto Merce, Fai da Te e Giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,9€


Giardinaggio fai da te: Regole generali per la pratica

Pianta mani Ci sono delle regole generali quando si pratica giardinaggio, che sono valide per tutte le piante e il cui rispetto garantisce risultati ottimali. L'esperienza servirà poi ad applicarle nello specifico a ciascuna varietà e genere di vegetale. La prima, ovvia e scontata per chiunque si intenda almeno un po' di piante, è quella relativa al drenaggio dei vasi. Nessuna pianta, tranne le acquatiche, sopporta i ristagni di acqua vicino alle radici: per quanto alcune specie possano amare le annaffiature copiose, l'acqua stagnante non deve esserci e quella residua nei sottovasi va eliminata al massimo dopo mezz'ora dall'annaffiatura. Questo eviterà marciumi radicali e un gran numero di malattie fungine. Altro dettaglio che fa la differenza tra una pianta dall'aspetto florido ed una quasi avvizzita e spenta, o bruciata, è l'esposizione. Ogni specie proviene da un luogo di origine che ha determinato il suo adattamento. Se non si conoscono le esigenze della pianta che si sta trattando, conviene informarsi. Una pianta che ha necessità di molta luce non prospererà in un luogo semibuio, mentre quella che vuole la mezz'ombra seccherà se posta in pieno sole.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO