Guerrilla gardening

Conosciamo meglio il fenomeno

Era il 1973 quando a New York il gruppo attivista Green Guerrilla trasformò in un giardino fiorito un terreno privato in stato di abbandono: nasceva così il guerrilla gardening, che da una decina d'anni ha preso piede anche in Italia grazie ad un gruppo di milanesi. Come dice il termine stesso, il fenomeno riguarda la coltivazione di fiori, piante e alberi, ma si tratta di azioni fatte a sorpresa, senza le necessarie autorizzazioni. In genere sono gruppi ambientalisti ad organizzare i cosiddetti "attacchi verdi", atti dimostrativi con cui rivendicare un futuro più pulito per il pianeta. Spesso gli autori di questi particolari attacchi sono esperti di giardinaggio che con il loro impegno abbelliscono e riqualificano il territorio, agendo contro il degrado e la sporcizia in cui versano alcune zone delle nostre città. In genere questa insolita forma di giardinaggio viene organizzata di notte, sia per evitare problemi con le autorità, sia per ottenere l'effetto sorpresa al mattino! Più raramente l'attività viene messa in piedi alla luce del sole, cercando di coinvolgere la comunità nel progetto.
Guerrilla gardening

Chenci® Forbici da Innesto Atrezzi del Giardino Potatura Cesoie Professionale Utensile Innesto con Custodia di Trasporto Macchina Innesto Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,99€


Come realizzare un attacco verde

Immagine stilizzata Se l'intervento di guerrilla gardening vuole avere un futuro, serve un certo impegno nella sua organizzazione: una volta scelto e ripulito il terreno adatto allo scopo, si deve decidere quali piante farvi crescere, tenendo conto del tipo di terreno e del clima, preferendo quelle più resistenti. Dopo una perlustrazione della zona, si pianifica la missione segreta in cui la squadra di giardinieri entrerà in azione, utilizzando i materiali necessari: attrezzi, terriccio, fertilizzante, acqua per annaffiare, naturalmente semi e piante. Per assicurarsi il successo dell'opera, nei giorni successivi si deve ritornare sul posto per proseguire il lavoro oppure incaricare qualcun'altro di prendersene cura. Terminato l'attacco verde, è importante lasciare tutto pulito e in ordine in modo da dare un'immagine positiva alla missione. Se invece l'attacco è concepito come un mero atto simbolico di protesta, diventa più semplice da realizzare, ad esempio usando le bombe di semi. Oltre ai semi delle piante che vogliamo far cresere, contegono terriccio e fertilizzante e sono avvolte nel giornale e imbevute d'acqua. Basta scegliere un terreno abbandonato dove lanciare le bombe e il gioco è fatto.

  • Giardini inglesi castello I giardini inglesi sono stati ideati per la prima volta nel corso del 1700 in Inghilterra. Questo tipo di giardino è basato sull’accostamento di elementi naturali (grotte, ruscelli, alberi secolari e ...
  • Angolo giardino mediterraneo I giardini mediterranei si riconoscono per la loro grazia disimpegnata, un’eleganza un po’ casual e uno stile che spicca per la sua morbidezza e la sensazione di rilassamento che emana. Questi giardin...
  • Recinzione country in legno Se si possiede un giardino al quale si vuol lasciare un bell’aspetto e al tempo stesso si desidera mantenerlo in sicurezza si può utilizzare una recinzione in legno. Sia che si tratti di una palizzata...
  • Giardino meditteraneo di lusso con limoni La progettazione del giardino è una fase delicata che richiede un minimo di conoscenza del settore. Anche per questo, soprattutto per realizzazioni complesse, è comune rivolgersi a ditte specializzate...

creatività per Bambini 6147 Coltivare Piante e Una Pizza Garden Kit

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,43€


Guerrilla gardening: Strumento di propaganda politica

Gardening strada Oggi in Italia esistono diversi gruppi indipendenti di guerrilla gardening, tanto che si organizzano anche raduni e giornate dedicate al fenomeno. In questo il web gioca un ruolo fondamentale, sia come amplificatore del messaggio ambientalista che come mezzo per scambiarsi esperienze e successi: infatti gli attacchi verdi vengono rigorosamente documentati da foto dell'area interessata prima e dopo l'intervento. Talvolta però i gruppi di guerrilla gardening non si limitano a esprimere la loro visione su come rendere il pianeta più bello e più pulito, magari mettendo a posto un'aiuola, ma si occupano di organizzare vere azioni di protesta politica: in questi casi, l'attacco verde non fa parte di un progetto sul territorio a lungo termine ma diventa soprattutto uno strumento di propaganda che può anche creare problemi di ordine pubblico. Comunque la si pensi, il fenomeno getta luce sulla questione politica dell'incuria che spesso affligge gli spazi verdi e non solo quelli, mentre a livello globale fa riflettere sul complesso equilibrio tra uomo e natura e sul problema della sostenibilità dei nostri modelli di vita.



COMMENTI SULL' ARTICOLO