Materiali edili

I materiali edili

L'edilizia esiste da tantissimo tempo anche se quella del passato non è quella a cui siamo abituati oggi. Con questo termine di intendono tutte le tecniche che si utilizzano per costruire gli immobili e similari. I materiali edili vengono impiegati per costruzioni di tipo edilizio e per realizzare strade, dighe, ponti. Questi materiali possono essere di tipo naturale o artificiale e sono di differenti tipologie anche in base alla destinazione d'uso. Quando si parla di materiali edili si possono distinguere tre differenti proprietà: meccanica, fisica e chimica. La prima riguarda la capacità di resistere alle pressione di determinate forze, la seconda alla temperatura e al fuoco, la terza alle materie che li compongono. In particolare si tratta di caratteristiche come la densità, la durezza, la resistenza o la lavorabilità. Tutti parametri differenti a seconda del materiale preso in considerazione.
Esempio di edilizia urbana

Frese a tazza per edilizia standard, per la foratura di materiali edili Ø 16

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,33€


I materiali leganti

Il cemento, uno dei principali leganti I materiali leganti fungono da collante nei lavori edili. Per giungere ad assolvere questa importante funzione, questi materiali edili devono essere mischiati con acqua. Il cemento è uno dei leganti maggiormente utilizzati. Vi sono, poi, il gesso e la calce utilizzati principalmente per lavori di rifinitura. I leganti possono essere di tipo aereo (l'indurimento avviene con l'aria) o idraulico (con aria o acqua). Mediante la cottura della pietra calcarea si ottiene la calce. Il gesso, invece, si realizza cuocendo le relative pietre da gesso. Il gesso vero e proprio ha una presa rapidissima. La sua variante più fine (scagliola) viene usata per intonacare e indurisce in mezzora. Il cemento nasce cuocendo calcare, marna e argilla. Molto usato quello a presa rapida che asciuga in pochissimi minuti.

  • Gettata di calcestruzzo per edilizia Il calcestruzzo, chiamato nel linguaggio comune cemento armato e nell'edilizia conglomerato cementizio armato, viene impiegato come materiale da costruzione. Gli usi principali riguardano la realizzaz...
  • Secchio muratore in metallo Dai secchi in rame o lamiera stagnata si è passati al secchio in plastica con il manico in metallo. Ed è proprio il classico secchio da muratore che viene usato da carpentieri, operai o muratori per c...
  • Ambiente con travi in legno Il legno è stato il materiale da costruzione più utilizzato dall'uomo nel corso di ogni epoca storica. Anche oggi, nonostante la grande proliferazione di nuove soluzioni edilizie, gli edifici realizza...
  • fontana da giardino Bonfante Se stai cercando un grande negozio al quale affidarti per il lavoro di rifacimento del tuo giardino, Bonfante è il punto vendita che fa per te. Dalle fioriere, alle rocce naturali, fino al prato sinte...

Wetekom - Igrometro per legno e altri materiali edili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,49€


Le malte e i calcestruzzi

Colata di calcestruzzo Le malte sono costituite miscelando il cemento, l'acqua e la sabbia. In alcuni casi al cemento si può sostituire la calce o possono esserci entrambi. Normalmente si utilizza per intonacare o unire tra loro altri materiali. Ma non è questa la sua unica funzione. Essa infatti va a compensare quelli che sono i punti deboli tra le pietre (o i mattoni) che costituiscono una costruzione permettendo la distribuzione del carico su tutta la superficie. Il calcestruzzo, invece, è formato da un composto di cemento, acqua e sabbia (che può essere anche ghiaia). A volte a questi componenti si aggiungono anche composti di origini minerali che servono a dare differente consistenza al calcestruzzo. Questo materiale resiste bene alle compressioni e ad ogni agente atmosferico. Per questo è perfetto, ad esempio, per le dighe. E', poi, molto economico ed i materiali che lo compongono sono facilmente reperibili.


Materiali ceramici e lapidei

Piccola lastra di granito Per materiale lapideo si intende principalmente la roccia. Tra i materiali lapidei, ad esempio, vi sono il granito, il marmo e il tufo. Il granito è caratterizzato da strutture cristalline. E' molto resistente e viene impiegato specialmente per i pavimenti e per realizzare ripiani per cucina. Il marmo è adatto per scolpire, per rivestire gli esterni degli edifici o realizzare mobili da bagno. Il tufo, invece, viene adoperato in piccoli blocchi principalmente per sostituire i blocchi di cemento nella realizzazione di una parete portante. Il materiale ceramico è ottenuto cuocendo materie prime di tipo inorganico. Sono sempre tra i materiali edili più resistenti al calore e sono ottimi isolanti. Vi si realizzano pareti, piastrelle e sanitari. Tra i materiali ceramici utilizzatissimi sono i laterizi (mattoni e tegole) usati per murature e rivestimenti.


Materiali metallici

Tra i materiali edili sono immancabili i cosiddetti materiali metallici, ovvero tutti quei metalli che vengono impiegati in edilizia per i più disparati scopi. Ne fanno, ad esempio, parte le leghe di ferro, ovvero l'acciaio e la ghisa. L'acciaio è un materiale molto resistente e flessibile, nonostante il fatto che può risultare sensibile alla corrosione se non trattato adeguatamente. Viene usato per armare il calcestruzzo o realizzare telai e cancelli. La ghisa veniva usata fino a qualche anno fa nella realizzazione dei ponti. Oggi vi si produce principalmente l'acciaio. Il rame è un materiale che si deforma facilmente. Viene usato per produrre maniglie o realizzare elementi come le grondaie. L'alluminio (che comprende anche le relative leghe) è facile da lavorare e resistente alla corrosione. Si usa per realizzare serramenti.


Materiali edili: Vetri e materiali polimerici

lastre policarbonato I vetri sono tra i materiali edili più fragili che esistano anche se questa caratteristica viene smussata non poco in base alle tecniche con cui viene lavorato. E' inoltre un materiale che permette il completo passaggio della luce. Normalmente utilizzato per realizzare i vetri delle finestre, esistono delle varianti come ad esempio il vetrocemento. Si tratta di una particolare tipologia di mattoni in vetro con cui è possibile ad esempio dividere tra loro due ambienti ma lasciando che gli stessi condividano la stessa fonte di luce. I materiali polimerici sono anche detti materiali plastici. Sono materiali edili ricavati principalmente dal petrolio. Ve ne sono tre differenti tipologie: il termoplastico che diventa molle alle temperature elevate ma altrimenti è resistente, il termoindurente che è molto rigido e la gomma, capace di tornare alle forme originarie anche dopo essere stata sottoposta alle più incredibili sollecitazioni.



COMMENTI SULL' ARTICOLO