Le vasche Imhoff

Quale tipo di vasca Imhoff scegliere ?

Le vasche Imhoff sono disponibili in varie dimensioni e materiali aventi la caratteristica comune di essere impermeabili e di avere una vita utile superiore ai 25 anni. Nella scelta della vasca Imhoff influisce il numero di abitanti equivalenti che usufruiranno dell'impianto, poiché il dimensionamento delle vasche è determinato per legge in 0,5 metri cubi per abitante, ripartito in 0,1 mc per i liquidi e 0,4 per i fanghi solidi. Ossia se si prevede che vi siano 10 persone nelle unità abitative che utilizzeranno la vasca, questa dovrà avere una dimensione minima di 5 metri cubi (0,5 X 10). Stabilita la dimensione, si può optare per una classica vasca Imhoff in cemento armato vibrato, soprattutto se sarà posta in un punto in cui transiteranno automezzi, o in plastica o in vetroresina. infine, secondo il punto in cui saranno posizionate, si potranno scegliere coperchi pedonali (se posizionate in una area verde) o carrabili.
Vasca Imhoff in materiale plastico

Hengda® marciapiede, pavimentazione in ciottoli di pietra Stencil stampo per calcestruzzo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


L'installazione ottimale delle vasche Imhoff

Posa di vasche Imhoff in calcestruzzo Le vasche Imhoff hanno precisi riferimenti per la loro installazione: distanza minima di 1 metro dalle fondazioni dell'edificio e una distanza minima di 10 metri dal pozzo più vicino. La vicinanza ai punti di ingresso delle acque nere è una precauzione per avere i tubi di scarico condominiali quanto più puliti e con minori rischi di intasamenti. Durante la fase di scavo si devono prevedere delle pendenze per facilitare il deflusso delle acque chiarificate, senza dover installare delle pompe per l'evacuazione. Inoltre si devono evitare le infiltrazioni delle acque meteoriche all'interno delle vasche. Nella scelta dell'ubicazione delle vasche è importante scegliere un punto facilmente accessibile per le operazioni periodiche di manutenzione. Vanno quindi evitati luoghi seminascosti che in quella fase necessiterebbero di una serie di tubazioni per svuotare la vasca che andrebbero ad aumentare i costi manutentivi.

  • realizzazione vasca imhoff Le vasche imhoff, così chiamate dal suo inventore tedesco, sono dispositivi utilizzati per il trattamento dei liquami. L'utilizzo delle vasche imhoff si rende necessaria quando non ci si può collegar...
  • Classificazione delle acque reflue Le acque di scarico vengono distinte in acque bianche e acque nere. Se le prime non sono ritenute in alcun modo dannose per la salute pubblica, le acque nere sono invece quelle che contengono rifiuti ...

Mapei keracolor grigio cemento 113 FF- Malta cementizia ad alte prestazioni, idrorepellente, per la stuccatura di fughe fino a 6 mm. confezione da kg 5,00.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,49€


I riferimenti normativi attualmente in vigore

Norme per la salvaguardia delle acque I trattamenti delle acque reflue provenienti da utenze domestiche sono soggetti al D.Lgs.152/06 il quale fissa dei parametri per la riduzione degli agenti settici tramite sedimentazione. Le vasche Imhoff, nella citata legge, vengono definite come "elemento impiantistico di pretrattamento" delle acque di scarico, ossia un impianto di trattamento primario. Le acque chiarificate uscenti dalla vasca Imhoff dovranno avere una richiesta biochimica di ossigeno a 5 giorni (BOD5) ridotta di almeno il 20% ed i solidi sospesi dovranno essere pari ad almeno il 50%, Generalmente una vasca Imhoff in buone condizioni di uso e manutenzione può arrivare a ridurre almeno il 25% il BOD5. Per installare una vasca Imhoff deve essere fatta richiesta all'ufficio tecnico comunale, che, esaminata la richiesta presentata da un professionista, e preso atto del rispetto dei parametri di progetto alla normativa vigente, rilascia l'autorizzazione all'installazione.


Le vasche Imhoff: Manutenzione periodica

Spurgo vasca imhoff La manutenzione periodica delle vasche Imhoff va eseguita ogni 6/8 mesi. Con un autospurgo si aspira dapprima la parte liquida contenuta nella vasca e successivamente si passa a rimuovere i fanghi depositati sul fondo. I fanghi prelevati verranno condotti in appositi impianti dotati di letti di essiccazione per un successivo compostaggio. Con la vasca vuota è bene prevedere la pulizia delle pareti per rimuovere i residui grassi che hanno attecchito. In questa occasione si ispezionano le pareti e si attuano le riparazioni alle pareti che dovessero essere necessarie. Tutte le operazioni di svuotamento e pulizia delle vasche Imhoff sono da affidarsi a ditte specializzate con operatori professionali. I costi della manutenzione ordinaria delle vasche Imhoff, se queste sono all'interno di un condominio o servono più strutture abitative, vanno ripartiti in millesime e suddivisi tra i proprietari. Una corretta e periodica manutenzione delle vasche permette di aumentare la vita utile del manufatto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO