Pareti divisorie ufficio

Le pareti divisorie per ufficio: le tipologie

Per suddividere gli spazi interni di una casa, un ufficio oppure un ambiente commerciale si hanno a disposizione varie opzioni: ad esempio le pareti divisorie sono fisse oppure mobili. Nel primo caso possono essere in muratura, cartongesso, legno oppure vetro; nel secondo, invece, si caratterizzano per il fatto di essere estremamente versatili, funzionali e leggere. In questo modo la disposizione degli ambienti può essere modificata a proprio piacere con il minimo sforzo. Le pareti divisorie per ufficio sono state e rimangono ancora soprattutto quelle mobili: infatti sono strutture moderne e semplici, in grado di rendere più razionale e funzionale l'ambiente. Inoltre si possono inserire in zone ampie o di metratura ridotta. Infine in commercio si trovano tantissimi modelli, diversi tra loro per materiali e design.
Pareti divisorie ufficio

HOMCOM Porta Scorrevole Interna in Vetro Smerigliato e Satinato con Binario B2 e Maniglia per Bagno Cucina Studio Vetro 205x 102.5x 0,8cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 169,95€
(Risparmi 100€)


I modelli di pareti divisorie per ufficio mobili

Pareti divisorie trasparenti Le pareti divisorie per ufficio mobili sono in vetro, metallo, plexiglass, plastica, legno oppure vetroresina: in base alle dimensioni e materiale usato i costi cambiano in maniera anche notevole. La scelta deve tener conto anche della destinazione d'uso, dello stile dell'ambiente in cui vengono inserite e i propri gusti estetici. Infine in base ai modelli di pareti divisorie per uffici variano anche il livello di privacy, il comfort acustico, la resistenza, la stabilità e la manovrabilità delle soluzioni adottate. Ad esempio gli elementi in legno con rivestimento in compensato si adattano a qualunque contesto e stile, oltre a essere economici. Invece i pannelli in materiali come il vetro, il cristallo, il vinile, l'acciaio e l'alluminio sono più facili da pulire. Nei primi due casi sono trasparenti e quindi aumentano la luminosità complessiva.

  • Esempio di illuminotecnica L'illuminotecnica è una disciplina che si è specializzata, come dice il nome, nell'illuminazione di ambienti esterni o interni, domestici, pubblici o commerciali, sfruttando sia la luce artificiale ch...
  • Parete divisoria attrezzata Air Wildwood Lago Le pareti divisorie attrezzate sono elementi modulari molto apprezzati e sempre più diffusi sia all'interno delle case che negli uffici. Sono impiegate con la duplice funzione di organizzare lo spazio...
  • Tendaggi per ufficio Non sempre è facile scegliere le tende giuste per l' ufficio, che è il luogo dove si trascorrono mediamente 8 ore della giornata: ecco perchè è importante che questi elementi siano realizzati con mate...
  • arredo ufficio L'evoluzione del design e dell'architettura d'interni hanno portato a una innovazione anche nel campo dell'arredo di ambienti di lavoro professionali: è questo il caso delle pareti attrezzate ufficio....

Divertenti adesivi tribali per pareti divisorie per tende autoadesivi arte carta da parati soggiorno accessori per ufficio decorazione murale 58cmX64cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,65€


Pareti divisorie ufficio: Esempi di pareti divisorie per ufficio

Pareti divisorie per ufficio modulari possono avere un unico telaio oppure avere un aggancio snodato alla parete: in ogni caso sono manovrabili e si installano facilmente usando una chiave a brugola. Alcuni modelli sono anche dotati di ruote, così da poterli spostare rapidamente da un posto all'altro della stanza adibita ad ufficio. Vi sono poi le soluzioni scorrevoli oppure a soffietto, che consentono di ottimizzare gli spazi e di non ingombrare: in questo modo si possono installare le pareti divisorie per ufficio anche nei punti dove un battente sarebbe d'intralcio. I modelli in vetro sono particolarmente indicati negli ambienti moderni: sono soluzioni eleganti, che aumentano la luminosità e ampliano visivamente lo spazio. Anche i pannelli ruotabili e quelli componibili grazie a delle calamite non appesantiscono l'ambiente.



COMMENTI SULL' ARTICOLO