Sistema tetto

Quali sono le caratteristiche del sistema tetto

Il sistema tetto ha il compito di proteggere l’abitazione dagli agenti esterni, in particolare da quelli atmosferici e dai raggi solari: per questo motivo deve essere impermeabile all’acqua, evitare le dispersioni di calore durante l’inverno, garantire una buona ventilazione durante l’estate e resistere anche a forti folate di vento. Di conseguenza è bene che la copertura abbia un’ampiezza smorzata e consenta uno sfasamento temporale del picco dell’onda termica. In questo modo, utilizzando materiali isolanti e dalla massa adeguata, si ha una bassa trasmittanza termica dall’interno all’esterno e viceversa. Il sistema tetto presenta una struttura diversa a seconda della tipologia della copertura adottata e delle modalità di funzionamento. Sono presenti quattro tipi differenti di coperture, che adottano elementi specifici e garantiscono prestazioni più o meno alte. Le soluzioni appartengono alla categoria delle coperture non isolate ventilate, delle coperture non isolate e non ventilate, delle coperture isolate e ventilate e delle coperture isolate non ventilate. Le ultime due sono dette rispettivamente tetti freddi e tetti caldi.
Esempio di sistema tetto

Honeywell 1018013 Turbolite web assorbimento degli urti fettuccia con Twist lock Scaff e gancio, 2 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 133,53€


Alcuni tipi di sistema tetto e le caratteristiche

Sistema tetto ventilato Un sistema tetto che non è né isolato né ventilato non prevede l’adozione di uno strato di ventilazione e di elementi termoisolanti. Si tratta di una soluzione con un livello minimo di coibentazione, che può essere installata solo negli edifici agricoli oppure nelle strutture che non richiedono un isolamento termico. Invece una copertura non isolata ma ventilata prevede l’inserimento sotto l’elemento di tenuta di uno strato di ventilazione: in questo modo si riducono gli effetti del riscaldamento del tetto e degli ambienti sottostanti dovuto al forte irraggiamento solare dei mesi estivi. Anche questo sistema viene usato raramente negli immobili residenziali, a differenza di quanto accade per il tetto caldo e il tetto freddo. Nel primo caso la copertura isolata integra una barriera al vapore e uno strato termoisolante tra la struttura portante e il manto impermeabile. Il supporto può essere composto da materiali di vario genere, ad esempio un misto laterocemento, una base di calcestruzzo posato in opera o pannelli in legno. Invece un tetto freddo prevede anche l’inserimento di uno spazio di ventilazione tra la sovra copertura e lo strato isolante.

  • Struttura del tetto ventilato Il tetto ventilato si ha quando si crea un'intercapedine tra il manto di copertura che crea una sorta di barriera in cui avviene la circolazione dell’aria. In questo modo il tetto viene ventilato favo...
  • Tettoia realizzata in legno di notevoli dimensioni Le tettoie sono strutture che vengono utilizzate per coprire una parte all’aperto creando così degli spazi da utilizzare a seconda del caso e delle richieste. Esse possono essere di vario materiale te...
  • Vecchio tetto in tegole di ardesia I tetti tipicamente genovesi presenti in tutta la Riviera Ligure sono ricoperti da tegole in ardesia. L'ardesia estratta in Liguria conserva la sua colorazione nera satinata se adoperata in ambienti i...
  • Struttura tetto in legno ventilato Il tetto in legno ventilato è un sistema di copertura di un edificio che offre numerosi e consistenti vantaggi proprio a causa della sua struttura: innanzitutto migliora la durata di vita degli ambien...

Art Plast S70/BT Armadio basso in plastica, robusto, tortora/ecrú

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,9€


Sistema tetto: Che cos'è il sistema freddo

Isolante tetto Nel sistema tetto caldo in genere si applica il manto impermeabile sullo strato di materiali isolanti che funge da supporto: si tratta della tipologia di copertura più diffusa ed è quella più comune nel settore dell’edilizia industriale. Invece il tetto freddo prevede la posa del manto impermeabile direttamente sulla sovracopertura e, proprio per le sue caratteristiche tecniche e per i vantaggi che consente di ottenere, è sempre più adottato negli immobili residenziali, soprattutto se sono dotati di una struttura a falda. Nel sistema tetto freddo può anche essere inserito uno strato di tenuta al vapore: si tratta di quello più interno, posato direttamente sulla struttura portante. Fondamentali sono l’elemento termoisolante, l’intercapedine per la ventilazione dallo spessore costante e il manto di copertura. In questa categoria rientrano soluzioni come le coperture a falde ventilate sottoguaina, basate sulla posa delle tegole su listelli di legno. In questo modo si crea, tra il manto isolante e quello di finitura, una camera d’aria che consente di raffreddare la temperatura interna dell’immobile durante l’estate.



COMMENTI SULL' ARTICOLO