Tetti in rame

Le caratteristiche dei tetti in rame

Il rame è uno dei primi metalli che l’uomo ha utilizzato nella storia per produrre manufatti, tubature e coperture di tetti: esempi celebri del suo impiego sono le tegole che a lungo hanno protetto il Pantheon e il Baldacchino di San Pietro del Bernini. Nell’architettura contemporanea il rame sta prendendo piede soprattutto nella copertura dei tetti, passando sempre più da soluzione temporanea a struttura permanente, grazie allo spessore ridotto che lo rende molto leggero, alla versatilità e facilità di lavorazione, alla commistione di estetica e funzionalità, per dar vita a soluzioni progettuali innovative, sobrie ed eleganti. Il colore del tetto in rame dipende dalla lega usata nei pannelli di copertura: si può passare dal giallo dell’ottone al rossiccio del bronzo, passando per l’effetto dorato della lega rame-alluminio. Il Teatro Auditorium di Vicar in Spagna è un esempio efficace per mostrare la possibilità di scelta tra le varie sfumature, in quanto è composto da pannelli di leghe differenti. Il rame inoltre possiede un colore proprio che muta nel tempo, fino a ricoprirsi di una patina di sali tendente al verde, che funge da scudo di protezione per il materiale sottostante.
Teatro auditorium vicar

GRONDAIA CANALE DI GRONDA DIAM. 125 mm PVC EFFETTO RAMATO RAME MT.2 SCOLO ACQUE PIOVANE FIRST

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,85€


I vantaggi dei tetti in rame

Tetto rame Il primo punto di forza dei tetti in rame è la durata: si è già accennato al caso del Pantheon, ma si può ricordare anche la Basilica Palladiana a Vicenza, il cui tetto in rame risale al 1829; la lunga vita del metallo è dovuta soprattutto alla pressoché inesistente perdita di spessore nel tempo. Un’altra caratteristica che rende non necessaria la manutenzione è la resistenza alle sollecitazioni meccaniche, come il peso della neve e i colpi di grandine, e la protezione dai raggi UV, dalle alte temperature, dall’umidità, grazie alla patina superficiale di cui si è parlato in precedenza. Un tetto in rame è inoltre incombustibile, dunque non propaga incendi. Per gli amanti dell’ambiente, un’ulteriore buona notizia: il rame e le sue leghe sono totalmente riciclabili, per giunta senza perdere qualità tra un riciclo e l’altro; inoltre l’alta conducibilità termica di questo metallo, seconda solo a quella dell’argento, permette la realizzazione di pannelli di copertura che possono sfruttare l’energia solare.

  • Tettoia realizzata in legno di notevoli dimensioni Le tettoie sono strutture che vengono utilizzate per coprire una parte all’aperto creando così degli spazi da utilizzare a seconda del caso e delle richieste. Esse possono essere di vario materiale te...
  • Vecchio tetto in tegole di ardesia I tetti tipicamente genovesi presenti in tutta la Riviera Ligure sono ricoperti da tegole in ardesia. L'ardesia estratta in Liguria conserva la sua colorazione nera satinata se adoperata in ambienti i...
  • Struttura tetto in legno ventilato Il tetto in legno ventilato è un sistema di copertura di un edificio che offre numerosi e consistenti vantaggi proprio a causa della sua struttura: innanzitutto migliora la durata di vita degli ambien...
  • Progetto di restauro architettonico Il restauro architettonico è composto da diverse fasi. Vi è una prima fase di analisi storica, che ha come obiettivo quello di ricostruire la storia del manufatto; poi vi è un'analisi costruttiva, ch...

Gloria 706610.0000 - Lancia in ottone con ugello nebulizzatore per giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,4€


Tetti in rame: Tipi di posa

Posa tetti rame La posa dei tetti in rame non è affatto semplice, in quanto bisogna opportunamente valutare il tipo di posa più indicata, la direzione dei venti principali, la consistenza delle piogge, l’altezza dell’edificio. Oltre alla conosciuta tecnica del fissaggio a tassello, che prevede l’applicazione di ogni singola tegola, si sta diffondendo il sistema della doppia aggraffatura: la denominazione si rifà al tipo di giunzione longitudinale delle lastre di rame, sporgente dal piano di deflusso dell’acqua. Resa possibile dall’utilizzo di macchine profilatrici, la doppia aggraffatura è la naturale evoluzione dell’aggraffatura verticale semplice, viene impiegata per coperture pendenti che devono resistere alla pioggia e deve essere alta tra i 23 e i 25 millimetri. La chiusura delle giunzioni può avvenire manualmente o mediante le apposite macchine aggraffatrici: le lastre rastremate di rame, impiegate per rivestire facilmente superfici curve, presentano diversi segni di aggraffatura alla fine del lavoro, rendendo possibili composizioni e motivi originali, che si sposano sia con l’architettura tradizionale che con la progettazione più moderna e innovativa.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO