Travi in legno lamellare

Le travi in legno lamellare

Le travi in legno lamellare, ultimamente, stanno sostituendo sempre più quelle realizzate in legno massello e quelle in calcestruzzo. Le travi in questione non si ricavano direttamente dai tronchi degli alberi, ma da questi ultimi si ottengono delle piccole assi, le cosiddette lamelle: esse vengono poi unite tra loro tramite colla a caldo, in modo che le venature risultino contrapposte. Il legno lamellare, dunque, è un materiale composito. Solitamente, per la sua fabbricazione, si scelgono legni robusti e resistenti come il rovere, il faggio oppure l'iroko, garanti della solidità e della longevità del prodotto finale. In genere, le travi così costruite possiedono una sezione rettangolare, più raramente circolare o quadrata. Si tratta di elementi architettonici utili, innovativi ed estremamente versatili.
Le travi in legno lamellare

travi lamellari abete GL24h 16 x 16 x 300 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 91,6€


Gli utilizzi delle travi in legno lamellare

L'utilizzo di queste travi La funzione principale delle travi in legno lamellare, naturalmente, è quella di sostegno: in sintesi, lo scopo fondamentale di simili elementi consiste nel trasferire il peso di una struttura, ad esempio di un tetto o di una parete, al proprio asse geometrico. Le travi, di conseguenza, fungono da veri e propri pilastri. Quelle realizzate in legno lamellare, negli ultimi tempi, vengono adoperate frequentemente sia per gli edifici privati sia per quelli pubblici, grazie alla resistenza ed alla stabilità che sono in grado di garantire. Vengono utilizzate anche per altri tipi di costruzioni, come le case di campagna, le baite di montagna, le stalle e i fienili. Tali travi, in più, sono impiegate persino per gli edifici industriali e per i capannoni, ai quali conferiscono notevole solidità e straordinaria compattezza.

  • Bitume allo stato liquido Il bitume viene ricavato dal petrolio, in seguito alla sua raffinazione. A temperatura ambiente ha un colore scuro che va dal nero al bruno scuro ed ha come caratteristiche principali quelle di essere...
  • Calce idrata La calce è uno dei materiali più antichi che ancora oggi viene adoperato nell'edilizia. Basti pensare che questo materiale è stato rinvenuto come legante in una pavimentazione risalente al 7000 a.C. u...
  • esempio di ancoraggio chimico L'ancoraggio chimico è una tecnica che viene utilizzata sia nel campo dell'edilizia che dell'ingegneria, in quanto consente di fissare a una struttura solida o forata alcuni componenti strutturali. Pi...
  • Vecchio tetto in tegole di ardesia I tetti tipicamente genovesi presenti in tutta la Riviera Ligure sono ricoperti da tegole in ardesia. L'ardesia estratta in Liguria conserva la sua colorazione nera satinata se adoperata in ambienti i...

Precise Engineered Bessey SG 30 m HD morsa a vite in acciaio, 300 mm, confezione da 1 pz – W/anni di garanzia RESCU3 ®

Prezzo: in offerta su Amazon a: 238,42€


Quali sono i vantaggi?

Tetto con travi lamellari Le travi in legno lamellare offrono numerosi e variegati vantaggi. Esse, innanzitutto, si caratterizzano per una notevole resistenza meccanica e sono in grado di sopportare con efficacia carichi elevati: in questo modo, svolgono la propria funzione con la massima efficienza. In aggiunta, le travi realizzate con questo materiale sono più leggere di quelle fabbricate in legno massiccio e, di conseguenza, sono più semplici e agevoli da installare. Non necessitano di una manodopera specializzata oppure di strumenti particolari. Tali travi possiedono persino una discreta resistenza al fuoco, pur essendo costruite in legno, ed anche all'umidità: sono perfette per gli ambienti caratterizzati da intense precipitazioni. Possiedono lo stesso aspetto delle travi tradizionali, ma ne riducono decisamente i difetti.


Travi in legno lamellare: Consigli utili

Un sostegno efficace Le travi in legno lamellare possono essere acquistate non soltanto presso i negozi specializzati nel fai-da-te, ma anche in alcuni grandi centri commerciali. Il prezzo, naturalmente, varia sulla base dello spessore e della lunghezza della trave. Si suggerisce di installare autonomamente questi elementi soltanto se si possiede esperienza in tale ambito, poiché il risultato deve essere del tutto stabile per non creare situazioni di pericolo. Per il fissaggio delle travi si raccomanda di utilizzare apposite staffe d'ancoraggio da inchiodare alla struttura portante: in commercio esistono anche staffe invisibili, da ripiegare ad angolo retto al di sotto della trave stessa. Qualora vi siano fessurazioni o incrinature nel risultato ottenuto, è possibile risanarle tramite una passata di semplice stucco.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO