Studio in casa

Quali sono le ragioni per cui è importante uno studio in casa

Avere uno studio in casa è diventato sempre più importante negli ultimi anni, anche in ambito lavorativo. Infatti, fino a qualche anno fa questa zona era pensata essenzialmente come un ambiente dove bambini e ragazzi potessero fare i compiti e studiare in tutta tranquillità. Ora invece sono sempre di più le persone che si portano il lavoro a casa, che hanno una seconda attività che finiscono per svolgere tra le mura domestiche come free-lance, oppure che si trovano costrette a dover continuare presso la propria abitazione il lavoro che non sono riuscite a terminare in ufficio. Capita inoltre che molte donne decidano di lavorare al proprio domicilio per poter conciliare casa e lavoro (soprattutto se hanno dei figli) oppure che alcuni professionisti scelgano di adibire ad ufficio una stanza dell'abitazione per poter risparmiare. Vi sono poi quelli che vivono lo studio in casa come ambiente tranquillo dove leggere o rilassarsi senza essere disturbati. In qualunque caso, deve trattarsi di un locale attrezzato e riservato.
Esempio di studio in casa

OMOTON Diffusore di Aromi 200 ml , Umidificatore di Aromaterapia con 7 Colore Luci Led, Diffusore di Oli Essenziali Auto Spento per Ufficio in Casa, Studio, Yoga, Spa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,99€


Soluzioni per uno studio in casa: stanza o angolo attrezzato?

Studio in casa realizzato in una stanza Le soluzioni progettuali attraverso cui si realizza uno studio in casa dipendono prima di tutto dallo spazio che si ha a disposizione. Infatti si può disporre di una casa di ampia metratura e quindi di una stanza da adibire appositamente a studio, ma si può anche essere costretti ad ottimizzare gli spazi per ricavare un angolo lavoro. Ciò è necessario quando l'abitazione non è molto grande oppure quando la disposizione degli ambienti interni o la stessa planimetria non siano funzionali a questa soluzione progettuale. Di conseguenza si è costretti a mettere in pratica un'idea che sia allo stesso tempo funzionale e bella esteticamente. Questo risulta molto importante perché in questi casi lo studio in casa si trova a convivere con altri ambienti fruibili dagli abitanti della casa e a volte anche dagli ospiti: infatti, le stanze dove si ricava più frequentemente un angolo lavoro sono la camera da letto e il soggiorno.

  • Esempio di boiserie bianca alle pareti La boiserie indica sia il rivestimento di legno che viene applicato alle pareti che la tecnica con cui viene realizzato. I pannelli di legno sono anche detti perline e hanno il duplice scopo di decora...
  • Esempi di pareti divisorie mobili Le pareti divisorie mobili sono una soluzione progettuale molto usata negli ultimi anni nel settore dell'interior design. Il punto è che quando si affitta o si compra un'abitazione spesso non piace la...
  • Tavolo con sedie da giardino coordinate Per arredare in modo efficace, pratico ed elegante il proprio giardino risultano elementi fondamentali alcuni mobili e complementi che andranno a creare una zona relax in mezzo al verde, un angolo pri...
  • Vaso Kartell Shangai Decorati, colorati e dalle forme particolari i vasi d’arredo interni sono degli oggetti che permettono di personalizzare con creatività qualsiasi ambiente della casa e di inserire piante e fiori con c...

Relaxdays Scaffale in Legno di BambùCon 4 Ripiani e le Seguenti, HBT 176 X 44 X 37 cm, Ideale per Soggiorno, Camera e Qualunque Altro Ambiente Scaffale con 4 Ripiani in Legno di Bambù

Prezzo: in offerta su Amazon a: 63,8€


Cosa non può mancare nello studio in casa: l'illuminazione

Angolo studio in camera Qualunque sia la soluzione progettuale che si vuole mettere in pratica (studio vero e proprio oppure angolo lavoro), una buona illuminazione dell'ambiente è un elemento fondamentale, che non può essere affatto tralasciato o sottovalutato. Infatti il comfort necessario per poter studiare e lavorare al meglio viene realizzato sia attraverso l'arredo che tramite la luminosità del luogo. A prescindere dallo spazio a disposizione, è imperativo poter vedere bene per non sforzare gli occhi e per potersi concentrare meglio su ciò che si sta facendo, che siano i compiti, lo studio di documenti o la lettura. Le soluzioni migliori sono le lampade a braccio, quelle da tavolo oppure i più moderni sistemi a led: ad esempio, esistono librerie a muro i cui ripiani hanno integrate strisce a led. Inoltre, poiché quando si usufruisce dello studio si assume una posizione predefinita, si consiglia di abbinare una grande lampada centrale ad un altro impianto che illumini bene il piano di lavoro e la scrivania. In alternativa si possono utilizzare i faretti.


Gli arredi che non possono mancare in uno studio

Gli arredi: la scrivania e la seduta Le soluzioni che si hanno a disposizione per arredare uno studio in casa sono molte, diverse a seconda dello spazio usufruibile e dello stile che si vuole adottare. Inoltre bisogna tenere a mente che se lo studio viene ricavato in un angolo del soggiorno si dovrà necessariamente seguire uno stile d'arredo in linea con quello dell'ambiente. In ogni caso gli arredi fondamentali che dovranno essere scelti con molta cura sono la scrivania e la seduta. La prima rappresenta il piano di lavoro e deve garantire una certa comodità: infatti, potrà essere lunga e profonda oppure piccola e stretta a seconda delle proprie esigenze. Per alcuni è sufficiente avere un piano d'appoggio per il PC, mentre altri hanno bisogno di spazi maggiori per lavorare. Ricordatevi che in commercio si trovano anche modelli pensati appositamente per chi deve lavorare al computer e con ruote incorporate, in modo da poterli spostare a seconda delle esigenze. Altri modelli vedono tutta una serie di accessori che completano il mobile, come il modesty panel e la cassettiera.


Gli arredi dello studio in casa: la seduta e i complementi

La scelta della seduta deve essere fatta con cura perché la posizione che si assume mentre si studia e si lavora è fondamentale sia per favorire la concentrazione e aumentare il comfort che per semplici ragioni di postura e di salute. Infatti, una seduta non appropriata può causare dolori alla schiena e problemi alla colonna vertebrale alla lunga anche gravi. Deve essere sempre confortevole (quella migliore è girevole e oscillante) e la sua altezza deve essere sempre in rapporto con quella della scrivania, in modo che si possa raggiungere e utilizzare agevolmente il piano di lavoro. Altri arredi molto utili che possono essere presenti in uno studio in casa sono le mensole o, in alternativa, una libreria a muro che faccia anche da divisorio con il soggiorno. In ogni caso le mensole devono essere spaziose per poter conservare in maniera ordinata tutti i documenti o il materiale di studio occorrente.


Studio in casa: Come poter organizzare uno studio in casa

camera da letto Uno studio in casa deve essere organizzato in base ai propri gusti: tra le varie soluzioni di arredo ve ne sono molte che uniscono comfort, funzionalità e design. Soprattutto gli angoli studio devono prediligere un arredamento minimale, intelligente e salvaspazio, che non sia visivamente ingombrante. Inoltre, proprio perché lo studio è un ambiente personale, in genere reca fortemente l'impronta e i gusti di chi ne usufruisce: per questo si consiglia di darvi un tocco unico. Si tratta di elementi personali che risultano anche decorativi, come un quadro, una pianta, delle fotografie, un tappeto: quest'ultimo è molto utile perchè con le tende alle finestre darà un tocco di colore in più all'ambiente. Infine, per aumentare la percezione spaziale e migliorare la capacità di concentrazione, si consiglia di dipingere in tonalità chiare o neutre le pareti: i colori più indicati per questi scopi sono il bianco, il crema e il beige.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO