Martello

Il martello

Il martello è molto probabilmente uno dei primi utensili usati dall'uomo, fin dall'antichità. Il principio su cui si basa è semplice: munendo una massa di una leva, il manico, è possibile scagliarla in modo semplice, applicando della forza in un punto ben preciso. Un tempo il martello era un utensile da lavoro, usato per rompere le pietre, per scavare nelle rocce, per rompere il legno o altri materiali. Oggi sono disponibili diversi modelli di martello, con testa dalle forme più disparate, costituita da differenti materiali; queste caratteristiche forniscono al martello peculiarità uniche, che lo rendono più adatto ad alcuni scopi piuttosto che ad altri. In effetti i martelli si usano in molti ambiti, dalla cucina alla carpenteria, dalla falegnameria fino allo studio del cesellatore. Tutti i martelli sono però costruiti in modo simile tra loro: possiedono una testa, che in genere ha una massa inferiore ad un chilogrammo, e un manico, che aumenta la forza che si può imprimere con un colpo dell'utensile.
Martello

Stanley, Martello da carpentiere curvo, in vetroresina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,07€


Tipi di martello

Martello esempio I martelli si differenziano per forma, dimensioni e materiale di cui sono costituiti. Molto spesso il manico del martello è in legno, ma in molti casi è in materiale plastico o in metallo. La testa può essere in resina, acciaio, rame, piombo, plastica o altro materiale duro e compatto. Spesso si tende a chiamare martello l'utensile utilizzato dai carpentieri, che ha una testa dalle forme particolari: pur avendo una conformazione a parallelepipedo, da un lato è presente una biforcazione, con due denti adatti a togliere i chiodi dal legno o dalle pareti di una casa. Altri tipi di martello possono anche avere dei nomi molto particolari: si chiama mazza il martello da fabbro, compatto e pesante; è detto mazzetta qualsiasi martello con massa maggiore al chilogrammo, fino ad arrivare anche a 4-5 chilogrammi di peso massimo, per i prodotti più grandi. Martelli specifici sono utilizzati in tantissimi ambiti, ad esempio in cucina si utilizza un martello totalmente in acciaio inossidabile cromato, che presenta una testa a forma di clessidra, con delle zigrinature ai lati, adatto a pestare la carne e le ossa.

  • Il martello pneumatico TE 800-AVR L'azienda Hilti è un leader mondiale della produzione di attrezzi di qualità e professionali per l'edilizia e la ristrutturazione. Tra i martelli demolitori più richiesti c'è il modello TE 800-AVR, pe...
  • Martello pneumatico Makita HM1317c Il martello pneumatico Makita è completo di tutte le caratteristiche tipiche di una macchina perforatrice utilizzata anche per superfici abbastanza dure. Le vibrazioni sono ridotte in maniera tale da ...
  • Esempio di attrezzi per l'edilizia Quando si parla di edilizia fai da te in genere si hanno due reazioni: da una parte vi è chi ritiene si tratti di prodotti e fabbricati scadenti o comunque realizzati in maniera approssimativa. D'altr...
  • Martello demolitore Bosch Il martello demolitore Bosch è garantito dalla nota marca che si è specializzata in strumenti professionali e non, perfetti per il fai da te e per tanti lavori di edilizia, idraulica e tanto altro. Ha...

Martello a penna divisa con impugnatura tubolare in acciaio 8 Ounce

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,56€


Come funziona il martello

Mazzuolo Se non ci si sofferma a pensarci, non si comprende come il martello sia un utensile geniale. La sua conformazione permette di scagliare la testa a grande velocità, utilizzando la forza di un solo braccio, o di due nel caso degli utensili più grandi. La rapidità del movimento imprime alla testa del martello una forza molto elevata, che permette di piantare un chiodo in un materiale duro, o anche di rompere e infrangere qualsiasi tipo di oggetto, in legno, metallo, plastica. Anticamente il martello era un oggetto quasi prezioso, utilizzato per il lavoro quotidiano. Oggi esistono tantissimi diversi tipi di martello, perché alla forma classica se ne sono avvicinate tante altre, particolarmente specializzate per scopi ben precisi. Anche l'utilizzo di materiali diversi permette di modulare l'utilizzo del martello: ad esempio la testa in plastica o in resina permette di martellare delicatamente, senza rovinare l'oggetto su cui si colpisce.


La parti del martello

Uso proprio del martello La maggior parte dei martelli diffusi nelle abitazioni degli italiani sono del tipo utilizzato dai carpentieri, anche se sono abbastanza diffuse anche le mazzette, le mazze e i martelli da cucina. I martelli sono costituiti da due parti fondamentali: il manico e la testa. A sua volta la testa presenta spesso una forma asimmetrica; il lato piatto è propriamente detto testa, o anche bocca, e serve per colpire il bersaglio, dall'altra parte si trova la cosiddetta penna, le cui forme sono diverse a seconda dello scopo per cui è nato il martello. La testa può anche essere appuntita, più o meno finemente, o anche curva. La penna può presentare una biforcazione, come nel caso del classico martello da carpentiere. Alcuni martelli, come la classica mazza, hanno testa e penna identiche, piatte e tozze: in questo caso il martello si utilizza senza badare al verso in cui è posto.


La scelta del martello

Generalmente, per l'uso quotidiano casalingo, si tende a scegliere un singolo martello, che sarà l'unico presente in casa. È necessario quindi scegliere un modello versatile, che si possa utilizzare in molti ambiti diversi: piantare un chiodo, staccarlo dal sostegno, battere un pezzo di legno, rompere della plastica. Tipicamente si predilige il classico martello da carpentiere, anche se molte persone tendono a prediligere oggetti più piccoli e meno impegnativi. In molte abitazioni l'unico martello presente ha testa piatta e penna leggermente appuntita: questo oggetto, con manico in legno, ricorda un poco lo strumento di lavoro del geologo e ha dimensioni contenute. Si utilizza in modo ideale per piantare chiodi in qualsiasi materiale, ha la penna appuntita e permette anche di fare piccoli buchi in un oggetto da rompere. Se si deve acquistare un nuovo martello conviene sceglierlo con manico in legno o in plastica, comunque in un materiale non conduttivo; in questo modo si evitano incidenti da folgorazione, possibili quando con un chiodo si colpisce un cavo dell'impianto elettrico.


Martello: Tipi particolari di martello

martello particolare Nonostante nelle abitazioni sia spesso presente un singolo martello, i modelli particolari di questo utensile sono molto più diffusi di quanto si pensi, anche perché è lo strumento di lavoro di tante diverse professioni. Un oggetto classico è la mazza, a manico lungo, o la piccola mazzetta. Entrambe hanno testa simmetrica, tozza e con forma a parallelepipedo; la mazzetta si usa con una sola mano, la mazza può avere un peso vicino ai 5 kg e quindi si maneggia con due mani, per colpi potenti e vigorosi. Il martello da meccanico ha una penna particolarmente appuntita e l'intera testa ricoperta di materiale plastico. Il mazzuolo è un martello tozzo e compatto, con massa grande, rivestita in resina o in gomma; la usa il falegname, o si può utilizzare anche per particolari scopi, come ad esempio per piantare i picchetti di una tenda. Il martello da geologo ha massa sottile e leggera, pesa meno di 500 g; la testa è piatta, la penna molto appuntita si utilizza per rompere dei frammenti di roccia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO