Sturalavandini

Che cosa sono gli sturalavandini e come funzionano

Gli sturalavandini sono usati comunemente per eliminare le ostruzioni e gli intasamenti degli scarichi e delle tubature, soprattutto in bagno ma anche in cucina. Gli scarichi ostruiti sono causati da un accumulo di materiale di vario genere all'interno del tubo di un lavabo, di una vasca da bagno, di un water o di una doccia: il compito degli sturalavandini è esercitare una pressione tale da rompere l'accumulo. Sono formati da un'asta, molto spesso in legno ma a volte anche in bronzo, e da un coppa di gomma fissata al primo elemento. Per funzionare si deve spingere contro il tubo intasato la coppa oppure premerla nella fognatura così da immettervi all'interno l'aria. In alternativa, in base al modello, si spinge giù lo sturalavandini fino a quando la coppa non si appiattisce: a questo punto la si tira su per provocare un vuoto così da rompere o allentare l'intasamento.
Modello di sturalavandini

Waterful SA220 Sturatubi Ad Aria Compressa, Blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


I vari modelli di sturalavandini sul mercato

Sturalavandini a pressione Sul mercato esistono diversi modelli di sturalavandini che si distinguono in due categorie: infatti ci sono quelli a lavello e quelli a wc. Nel primo caso si caratterizzano per avere un cerchio piatto, così che possano adattarsi sia al fondo di un lavello che a quello di una doccia, di una vasca da bagno o di un altro sanitario simile per forma e con un'apertura chiusa da un tappo. Invece gli sturalavandini per wc sono dotati di un'apposita flangia che si adatta a questo particolare scarico. Sono anche i modelli più versatili. In ogni caso uno sturalavandini risulta maggiormente efficace se nel tubo è presente una certa quantità d'acqua: infatti non la si può comprimere e quindi si esercita una pressione maggiore. In genere questi prodotti funzionano per quasi tutti gli scarichi intasati tranne nel caso in cui l'ostruzione sia davvero grande: a questo punto si devono usare sgorganti chimici o si richiede l'intervento di un idraulico.

  • Esempio di sturalavandini a pressione Quando le tubature dei lavandini e dei lavabi si ostruiscono per evitare di rovinarle si possono impiegare mezzi meccanici prima di rivolgersi agli sgorganti chimici. Tra i metodi più pratici vi sono ...
  • sturare lavandino La pompa sturalavandini è un attrezzo del campo idraulico che serve per liberare gli scarichi di lavandini e docce da tappi di sporcizia e detriti che impediscono il flusso dell'acqua. Il suo funziona...

Am-Tech - Sturalavandino a pompa Doctor Drain

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,61€


Gli sturalavandini a molla: le caratteristiche

Esempio di sturalavandini a molla Gli sturalavandini a molla si caratterizzano per avere una molla dentro una capsula filettata che garantisce una tensione controllata e positiva in modo da favorire il deflusso dell'acqua all'interno dello scarico. Allo stesso tempo possono essere usati anche per recuperare un oggetto che sia caduto per sbaglio nel tubo in quanto esercitano una forza sufficiente per questa necessità. Molto semplice da usare e molto pratico, lo sturalavandini a molla è un attrezzo che si può impiegare anche per gli interventi fai da te, evitando quindi il ricorso a un idraulico. Sul mercato ne esistono vari modelli e misure, così che possano adattarsi alle dimensioni specifiche del lavandino che si deve sturare. Quando si acquista uno di questi prodotti bisogna controllare che vi sia il marchio CE sulla confezione: in questo modo si sarà sicuri che sia omologato a quanto prescritto dalle norme europee sulla sicurezza. Nella maggior parte dei casi lo si utilizza per sturare i piccoli scarichi e se le ventose o i disgorganti non hanno funzionato in precedenza.


Sturalavandini: Come usare uno sturalavandini a molla

Lavandino intasato Uno sturalavandini a molla è nella maggior parte dei casi in fibra metallica e si manovra grazie a una pratica manovella. Si deve inserire nello scarico la parte formata da due tubature intrecciate e molto flessibili. Innanzitutto si deve far scorrere l'acqua nel lavandino ed eliminare gli eventuali residui visibili, per poi inserire nello scarico la punta dello strumento facendo molta attenzione e facendola scorrere in parallelo alla tubatura. Per farla penetrare in profondità si deve girare la manovella finchè non si blocca: a questo punto la molla ha catturato gran parte dell'ostruzione. Ora bisogna girare la manovella in senso contrario ed estrarre l'attrezzo: dopo aver tolto i residui attaccati alle due tubature intrecciate si deve ripetere l'operazione. Perché lo strumento funzioni sempre bene lo si deve oliare regolarmente.



COMMENTI SULL' ARTICOLO