Innesto a spacco

L'innesto a spacco

L'innesto a spacco è una pratica antica, che veniva attuata anche nei secoli passati. Si tratta di un metodo di innesto facile da realizzare, che permette di ottenere ottimi risultati anche da parte di persone poco esperte. Spesso è il metodo di innesto maggiormente utilizzato, soprattutto in frutticoltura, anche tra gli hobbisti. Generalmente si pratica l'innesto a spacco per far produrre dei frutti di una particolare varietà ad un albero da frutta selvatico, o con produzione di scarsa qualità. Si tratta quindi di un metodo di miglioramento arboricolo, ma anche di propagazione: i frutti della pianta ottenuta in questo modo saranno simili a quelli dell'albero da cui si sono prelevate le marze. L'innesto a spacco si pratica a fine inverno o inizio primavera, prima che le piante abbiano iniziato lo sviluppo vegetativo.
Innesto a spacco

Pagineverdibonsai INNESTATRICE 3T + Inn. COMPLEMENTARE + Guida all'Innesto = 4 Tipi d'Innesto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,45€


Diversi tipi di innesto a spacco

Preparazione del portainnesto Il più classico tipo di innesto a spacco è detto anche comune. Si effettua utilizzando marze di piccole dimensioni, che andranno inserite su un albero giovane. Si procede capitozzando il porta innesto, lasciando solo il fusto, con sezione parallela al terreno. Sul fusto si pratica un profondo spacco, che lo suddivide perfettamente a metà. All'interno dello spazio così ottenuto si inseriscono le marze, tagliate a cuneo, in modo che il legno vivo sia a perfetto contatto con la superficie interna del portainnesto. A questo punto è importante ricoprire i tagli con del mastice per innesti, che evita lo sviluppo di muffe o di batteri, mantenendo la congiunzione in perfetta salute. Per fare in modo che l'innesto rimanga saldo è importante legare il fusto, utilizzando della rafia o del filo in gomma. Tale legatura si potrà togliere nel momento in cui si notano i primi germogli da parte delle marze. L'innesto a spacco comune viene molto utilizzato per gli alberi da frutto, sia per meli, peri, peschi o pruni, sia per gli agrumi. Il fusto del porta innesto deve avere una dimensione minima di almeno 10 cm, su cui si possono inserire diverse marze.

  • Innesto a triangolo L'innesto a triangolo è una particolare metodologia di innesto, particolarmente diffusa. Si tratta dell'innesto effettuato in modo regolare per le varietà di pero e di melo nelle coltivazioni intensiv...
  • innesto di due piante Si chiama innesto in agricoltura quella pratica che porta alla creazione di una nuova pianta, in questo caso di un nuovo agrume, prendendo due parti di agrumi differenti. Vediamo come si pratica. L'ag...
  • innesto fico L'innesto è una pratica orticola utilizzata per unire parti di due piante che cresceranno unite in un unico corpo. Perchè questa tecnica riesca bisogna scegliere accuratamente il momento in cui effett...

Chenci® Forbici da Innesto Atrezzi del Giardino Potatura Cesoie Professionale Utensile Innesto con Custodia di Trasporto Macchina Innesto Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Altri tipi di inensto a spacco

Innesto a spacco L'innesto a spacco viene utilizzato anche per altri tipi di coltivazione, oltre agli alberi da frutto. In questi casi si predilige l'innesto a spacco cosiddetto all'inglese. Si sceglie un ramo del portainnesto delle medesime dimensioni rispetto alla marza, e si procede all'inserimento del piccolo rametto nello spacco creato. Questo tipo di innesto viene utilizzato per le piante ornamentali, come ad esempio le rose, raramente sugli alberi da frutto se non nel caso in cui si desideri produrre alberi che portano diverse varietà di frutta. Per poterlo realizzare è necessario che il porta innesto e le marze appartengano al medesimo genere. Tale innesto si pratica sulle piante di prunus, ottenendo dal medesimo fusto la produzione di susine e albicocche, per fare un esempio. A volte l'innesto all'inglese viene sfruttato nei giardini per ottenere frutti o fiori in modo sfalsato sui rami, per una stagione produttiva più lunga.


Innesto a spacco: Qualche precisazione sull'innesto a spacco

Innesto L'innesto a spacco è molto utilizzato perché è abbastanza facile ottenerne il perfetto attecchimento. È però importante fare attenzione ad alcune specifiche, che riguardano le marze e i portainnesto. Le marze andrebbero prelevate durante i mesi invernali, quando le gemme sono già visibili ma non ancora ingrossate. Visto che saranno poi innestate dopo alcune settimane, si possono conservare senza problemi in un piccolo sacchetto per alimenti, in frigorifero, al freddo e al buio. Il portainnesto deve essere scelto in modo accurato, in modo che si tratti di un albero sano e robusto, che si mostri particolarmente vigoroso. La potatura per la preparazione del portainnesto deve essere effettuata nella stessa giornata in cui si procede con l'inserimento delle marze, nella prima metà della primavera. Chiaramente il periodo corretto per l'innesto dipende dalla zona e dal clima: le piante devono aver già iniziato lo sviluppo vegetativo primaverile. Gli strumenti da utilizzare devono essere puliti e disinfettati e molto affilati.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO