La margotta

Come propagare una pianta dal fusto: la margotta

La moltiplicazione delle piante, sia in vivaio sia nell’ambiente domestico, è fondamentale per diversi motivi. Innanzitutto permette di creare una copia della pianta madre perfettamente identica attraverso la capacità dei tessuti vegetali di emettere radici grazie alle cellule non specializzate, simili alle staminali presenti negli animali. La margotta è una tecnica di propagazione che sfrutta questa caratteristica per produrre una nuova pianta. Viene effettuata rimuovendo un anello di corteccia e ricoperto di un substrato idoneo allo sviluppo dell’apparato radicale. È una tecnica vantaggiosa dal punto di vista qualitativo in quanto la pianta ottenuta è già sviluppata e può, nel caso appartenga ad un’essenza arborea che fruttifica, fiorire e dare frutto. La moltiplicazione tramite margotta è ampiamente utilizzata e può garantire alte probabilità di attecchimento. Ove non possa essere impiegata, si fa ricorso alla talea o all'innesto.
La tecnica della margotta

VonHaus Scaletta Pieghevole Compatta, 2 Gradini - Piedini Antiscivolo - Design Pieghevole Facile da Conservare - Ideale per Casa/Cucina/Garage

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


Attrezzatura necessaria

Sollevamento dell'anello di corteccia Per effettuare correttamente una margotta è necessario procurarsi alcuni strumenti e materiali indispensabili. Un coltellino affilato, preferibilmente da innesti, è il segreto del taglio netto e pulito della corteccia, inoltre permette di sollevare l’anello da rimuovere senza dover usare le dita, vettori di agenti patogeni e muffe pericolosi per la pianta. Servono anche dei sacchetti di plastica, sia trasparenti sia neri, i primi per poter contenere il substrato e per poter verificare l’avvenuta radicazione, i secondi per ricoprire la margotta impedendo il passaggio della luce, ostacolo per la crescita delle radici. Saranno inoltre necessari dello spago, un pennellino ed un barattolo di ormoni radicanti, un prodotto sintetizzato che stimola la radicazione se cosparso sulla ferita o sul taglio. Questi composti sono disponibili in tutti i negozi di giardinaggio sotto forma di liquido o di polvere. Infine, servirà un substrato formato da sfagno, muschio e torba, materiali ideali per mantenere un elevato grado di umidità.

  • Passiflora Fiore della passione La Passiflora Fiore della passione è originaria del Sud America, ma alcune varietà provengono dall'Asia e dall'Australia. E' una pianta rampicante che si erge su qualsiasi tutore trovi sul suo cammino...
  • Vasi da giardino decorati I vasi da giardino, ovvero i contenitori per la coltivazione di piante, fiori o anche ortaggi e verdure, sono disponibili in innumerevoli forme, colori, materiali e dimensioni. I motivi per cui si sce...
  • Esempio di prato inglese Il prato inglese è un tipo di manto erboso che deriva il suo nome dal fatto di essere stato adottato per la prima volta dai proprietari terrieri della Gran Bretagna nel Seicento. Durante i secoli le t...
  • Gardenia fiorita La gardenia è originaria della fascia tropicale africana e comprende circa 250 specie differenti. La più comune in Italia è la gardenia jasminoides, molto apprezzata per i suoi fiori particolarmente o...

GETSO 200 Pezzi rari Rock CRESCIONE Bonsai Pianta rampicante Timo serpillo Piante perenni Terra Fiore Copertura per Il Giardino di casa: 10

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Come effettuarla e in quale periodo

Chiusura del panetto di torba La tecnica per eseguire la margotta è piuttosto semplice. Individuata la pianta bisogna scegliere quale tipologia di propagazione meglio si addica alle sue caratteristiche. Tendenzialmente si utilizza la margotta aerea, ovvero quella realizzata sul fusto o su una ramificazione. Per quella aerea, si seleziona un ramo lungo e all’altezza desiderata si praticano due incisioni distanti circa 2 cm seguendo la circonferenza del fusto. Bisogna penetrare nella corteccia per circa 2-3 mm e al termine si solleva con il coltellino la sezione di tessuto da rimuovere. Rimane in vista il legno vivo che manterrà sempre un afflusso minimo di sostanze nutritive alla parte apicale che deve radicare. Si cosparge dunque il taglio e la corteccia al di sopra di ormoni radicanti con il pennello, quindi si prende il sacchetto di plastica trasparente e si infila sul ramo. La base deve essere legata al di sotto del legno vivo con lo spago, in seguito si procede a riempirlo con il substrato inumidito. Si pressa bene il tutto e si chiude circa 5-10 cm al di sopra del taglio. Infine va ricoperto con la pellicola nera. Il periodo migliore è tra giugno e luglio, quando la diffusione della linfa è massima.


La margotta: Consigli per aumentare le probabilità di successo

Margotte radicazione La margotta consiste in un taglio che crea elevato stress per la pianta, la quale si trova quasi completamente sprovvista di sostanze nutritive e, quindi, è costretta a radicare. Al fine di ottenere il risultato sperato è bene che il taglio sia netto senza lasciare i tessuti chiamati libro e cambio dove sono presenti i vasi linfatici. Le probabilità di successo aumentano monitorando costantemente l’umidità del terreno. Un substrato umido ma non zuppo, in associazione alle temperature calde di giugno e di luglio, crea un microclima adatto alla radicazione. Qualora si percepisse un’asciugatura della margotta, sarebbe necessario bagnare il terriccio tramite una siringa. È determinante la scelta della pianta su cui realizzare la margotta, infatti non tutti gli arbusti o gli alberi tollerano questo metodo, ad esempio le conifere. Un altro suggerimento per garantire il successo della propagazione è non disturbare la pianta cercando di vedere se abbia generato le radici. Esse inizieranno a nascere dopo poche settimane, già al primo mese le prime potranno essere viste attraverso il sacchetto trasparente ma, in generale, è meglio aspettare il mese successivo per avere un risultato sicuro.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO