Tecnica dell'innesto a corona

Cos'è l'innesto a corona

L'innesto, in linea generale, è una tecnica di giardinaggio che consente di ottenere, dall'unione di piante affini, una nuova varietà di pianta. Esistono varie tipologie di innesti, l'innesto per approssimazione, a gemma e gli innesti detti a marza di cui fa parte l'innesto a corona che andremo ad approfondire. L'iinnesto a corona è particolarmente indicato nella frutticoltura, poiché la maggior parte delle piante o degli alberi da frutto si presta agevolmente a questa tecnica. L'innesto a corona deve il suo nome alla disposizione delle marze, ovvero una porzione di ramo provvista di gemme, sul portainnesto. Le marze infatti, vengono posizionate nella corteccia del portainnesto in modo da formare per l'appunto una corona. Importante sottolineare che questo innesto va effettuato su piante adulte, poiché il portainnesto dovrà avere un diametro significativo.
Innesto a corona

blumfeldt Urban Bamboo Refresh - Kit per Coltivazione Idroponica, Set Accessori: 12 x Cestelli per Piante & 12 x Spugne per Piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 24,99€)


Piante su cui è possibile praticare l'innesto a corona

Esecuzione di un innesto a corona Come accennato in precedenza, buona parte delle piante da frutto si prestano egregiamente all'innesto a corona. Analizziamo più approfonditamente quali sono queste piante. Innanzitutto è bene ricordare che la pianta madre, cioè quella che fungerà da portainnesto, dovrà essere una pianta adulta. Il portainnesto dovrà avere un diametro sufficientemente ampio per poter accogliere agevolmente le marze. Le piante che meglio si prestano all'innesto a corona sono le Drupacee, ovvero tutte quelle piante che come frutto avranno una drupa, di questa famiglia fanno parte, ad esempio, il pesco, il ciliegio o il mandorlo. Questa particolare tipologia di innesto si adatta perfettamente anche a piante di agrumi, come limoni o arance, alle piante di olivo o agli alberi da frutto più comuni come il melo.

  • innesto di due piante Si chiama innesto in agricoltura quella pratica che porta alla creazione di una nuova pianta, in questo caso di un nuovo agrume, prendendo due parti di agrumi differenti. Vediamo come si pratica. L'ag...
  • innesto fico L'innesto è una pratica orticola utilizzata per unire parti di due piante che cresceranno unite in un unico corpo. Perchè questa tecnica riesca bisogna scegliere accuratamente il momento in cui effett...
  • Innesto a triangolo L'innesto a triangolo è una particolare metodologia di innesto, particolarmente diffusa. Si tratta dell'innesto effettuato in modo regolare per le varietà di pero e di melo nelle coltivazioni intensiv...
  • Innesto a spacco L'innesto a spacco è una pratica antica, che veniva attuata anche nei secoli passati. Si tratta di un metodo di innesto facile da realizzare, che permette di ottenere ottimi risultati anche da parte d...

Cavallino 56514 Rete Ornamentale, Plastic, 10 mt, 40 cm, Verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,2€


Quando effettuare l'innesto a corona

Innesto a corona La pratica botanica dell'innesto a corona va pianificata attentamente, è molto importante infatti sapere con esattezza la data di quando si effettuerà l'operazione, ma in che periodo dell'anno bisogna operare? L'innesto a corona va praticato in primavera, quando le piante stanno attraversando quel periodo biologico comunemente conosciuto come 'in succhio', che prevede un'attiva circolazione della linfa e un conseguente distacco della corteccia più facile ed agevole. Le marze vanno prelevate con un certo periodo di anticipo sulla data prefissata per l'innesto.E' possibile prelevare le marze una decina di giorni prima e vanno conservate sotto terra per evitare che si secchino, oppure in inverno e in questo caso vanno conservate in frigo. Da qui la raccomandazione di un'attenta pianificazione del lavoro.


Tecnica dell'innesto a corona: Applicazione pratica dell'innesto a corona

Disegno di innesto a corona Una volta stabilito su quali piante è possibile effettuare l'innesto a corona, quale è il periodo stagionale utile e aver capito quando prelevare le marze, si è pronti per passare all'applicazione pratica di un innesto a corona. Il primo passo è preparare il portainnesto, con una sega bisogna tagliare il tronco della pianta madre alla giusta altezza, circa un metro, con un taglio netto e parallelo al suolo. Con un coltello adatto si devono praticare un numero di incisioni, di una decina di centimetri, pari al numero delle marze da innestare nella corteccia del portainnesto. La parte delle marze che sarà innestata deve essere intagliata a cuneo per favorire l'innesto nella corteccia della pianta madre. Importante cospargere le incisioni appena fatte con un mastice apposito prima di inserire le marze, una volta fatto, inserite le marze e legatele saldamente con la rafia e il gioco è fatto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO