Terreno argilloso

L'argilla: un sedimento naturale con vantaggi e svantaggi

Il terreno argilloso, come è intuibile, è un composto ricco di argilla ovvero un tipo di sedimento di particelle molto fini che conferiscono a questo materiale alcune proprietà caratteristiche. E' possibile trovare questa tipologia di terreno laddove vi siano, o vi siano stati, ambienti acquitrinosi come stagni, mari, fiumi o paludi. La deposizione nel tempo di minerali derivanti dalla sfaldatura delle rocce ha generato vaste aree argillose che al giorno d'oggi possono anche essere ricoperte da vegetazione o totalmente asciutte. Nelle edificazioni in pianura è facile imbattersi, durante la realizzazione delle fondamenta, in spessi strati di terreno argilloso che, con alte probabilità, vengono frantumati e utilizzati per creare il giardino dell'edificio. La presenza di questo materiale può avere esiti negativi per la coltivazione di piante e fiori.
Terreno in cui è presente l'argilla

Carrello Spandiconcime Prato Professionale 25 Lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 91,79€


Problematiche legate alla presenza del terreno argilloso

Crepe in un terreno argilloso Se il giardino di casa vostra è ricco d'argilla, probabilmente le piante ne stanno soffrendo e non si svilupperanno correttamente. Il terreno argilloso è facile da individuare prendendo con la mano un po' di terra e stringendola con le dita. Se il terriccio mantiene la forma compatta allora il suolo ha un'alta percentuale di argilla, se invece risulta abbastanza friabile, il composto è piuttosto equilibrato. Un terreno di questo tipo presenta diverse problematiche a partire dal drenaggio dell'acqua piovana. Può infatti formare un manto impermeabile che non permette alla pioggia di essere naturalmente drenata, quindi non solo saranno evidenti le pozzanghere, ma le radici delle piante andranno incontro a marcescenza a causa dell'asfissia. Ciò implica che con un apparato radicale danneggiato o marcito anche in parte, il fiore o l'arbusto non potranno crescere e svilupparsi totalmente. Inoltre, durante i mesi estivi il terreno tenderà a spaccarsi per la mancanza di acqua con il conseguente effetto antiestetico.

  • Peonia in piena fioritura Le peonie sono piante per giardino appartenenti alla famiglia delle Peoniacee. Le specie di questo genere si dividono in due grandi gruppi: peonie erbacee e peonie arbustive (o legnose). Le peonie erb...
  • Margherita in piena fioritura Le margherite sono piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Asteraceae. Molto diffuse nelle zone d'Europa a clima temperato e in particolare nelle regioni mediterranee, sono caratterizzate da u...
  • Giardino fiorito con lago naturale Per rendere il proprio ambiente esterno elegante ed interessante da ammirare e da far ammirare è necessario sapere e riconoscere quali possono essere le migliori piante da giardino utilizzabili. Ogni ...
  • begonia tuberhybrida   fonte:http://www.jardinage.eu La begonia appartiene alla vasta famiglia delle begoniacee: piante con fiori e foglie molto decorative, che offrono una magnifica fioritura da giugno fino ai primi freddi. Sono molto apprezzate perché...

HG®, stampo per pietre da lastrico per marciapiedi e pavimentazioni a ciottoli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,99€


Come migliorare un terreno con materiali naturali

Distribuzione del terriccio Un giardino con un terreno argilloso deve essere riequilibrato attraverso i prodotti naturali disponibili nei comuni negozi di giardinaggio. Prima di apportare dei materiali differenti è bene procedere ad una vangatura o aratura profonda del suolo, preferibilmente utilizzando anche una motozappa con fresa per frantumare le zolle. Dal momento che i terreni argillosi sono carenti di sostanza organica, sarà necessario distribuire abbondantemente della torba, foglie secche, letame compostato e, in caso, terriccio. Dunque bisogna mescolare tutti questi materiali con la fresa. I prodotti aggiunti renderanno il terreno più leggero e aerato, per aumentare l'aerazione si può spargere anche sabbia che favorirà il drenaggio. E' utile controllare il valore del pH con una cartina torna-sole o con uno strumento apposito per valutare l'effettiva acidità del suolo.


Terreno argilloso: Come mantenere un terreno di buona qualità

Terminata la lavorazione del terreno argilloso si potrà procedere alla semina del prato o alla messa a dimora delle piante e dei fiori. Essendo migliorata la qualità della terra, non ci saranno arbusti da preferire perché il suolo sarà adatto alla maggior parte delle specie vegetali. Per mantenere il terreno in buona salute bisogna spargere annualmente letame maturo per arricchire il substrato di preziosi elementi nutritivi, sabbia, per aumentare il drenaggio, e soprattutto l'humus. L'humus è un terriccio ottenuto dal compostaggio del materiale organico, anche quello domestico, attraverso l'attività dei lombrichi. Questi anellidi favoriscono la rigenerazione del terreno aiutando il mantenimento di un terreno ricco e ideale alla coltivazione di qualsiasi pianta. Qualora si verificassero accumuli di acqua o spaccature estive, si può ripetere la lavorazione nella zona da migliorare.



COMMENTI SULL' ARTICOLO