Irrigazione a pioggia

Irrigazione a pioggia come nuova frontiera dell'agricoltura

Irrigare è una pratica sempre più particolare in agricoltura. L'acqua destinata all'irrigazione, infatti, è sempre più in calo e di conseguenza l'utilizzo della stessa in ambito agricolo sta piano piano cambiando. Si cercano sistemi che riescano a ridurre l'impiego dell'acqua, puntando in maniera sempre più decisa sul risparmio idrico, senza però ridurre le prestazioni e le produzioni agricole. L'irrigazione a pioggia è diventata oggi una delle pratiche più utilizzate, soprattutto sui terreni di grande estensione e per colture più idroesigenti. Il risultato, chiaramente, varia a seconda della scelta dei vari componeti. Un impianto di irrigazione a pioggia, infatti, è composto principalmente da una tubazione, da una pompa e dai vari irrigatori. A seconda della grandezza e del numero degli irrigatori si può comprire un terreno più o meno vasto.
Esempio di irrigazione a pioggia

Hunter elc-601i – Programmatore di irrigazione, 6 stazioni, per interni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,88€


Progressi nell'irrigazione a pioggia

Particolare di impianto d'irrigazione Innaffiare coprendo la maggior percentuale del terreno è l'obiettivo che ha permesso di sviluppare, piano piano, l'irrigazione a pioggia. Esistono diversi sistemi per irrigare un terreno, e chiaramente la scelta dipende soprattutto dal tipo di terreno che si vuole irrigare. Tra i metodi più utilizzati c'è quello per sommersione, utilizzato soprattutto per terreni argillosi, quello per scorrimento, che utilizza meno acqua, quello a pioggia, che simula in tutto e per tutto la caduta di acqua piovana, e la subirrigazione, che prevede l'uso di gocciolatori in linea e interrati. Quest'ultimo è il metodo più utilizzato e più richiesto sul mercato.

    Hunter MC10-Sensore pioggia, colore: bianco

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,8€


    Irrigazione di precisione

    L'evoluzione massima nel campo dell'irrigazione risponde al nome di irrigazione di precisione. Il tutto è stato fatto con l'obiettivo di consumare meno acqua, andando così incontro al bisogno del risparmio idrico, raggiungendo però allo stesso tempo un risultato maggiore in termini di produzione agricola. Tra i vari impianti di irrigazione a pioggia che si possono impiegare ci sono quelli mobili, che utilizzano un sistema di geo referenziazione tramite satellite. Tecnicamente questo tipo d'irrigazione si attua grazie alla struttura a pivot che differenzia il getto d'acqua, passando da un getto molto piccolo a uno di grandi dimensioni. Proprio la regolazione del getto, possibile grazie all'evoluzione delle strutture utilizzate in campo agricolo, rappresenta una delle migliorie che il settore ha fatto in questi ultimi decenni.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO