Fascicolo del fabbricato

Che cos'è il fascicolo del fabbricato e le caratteristiche

Il fascicolo del fabbricato è un documento necessario per la messa in sicurezza degli edifici e che risulta propedeutico per ottenere la certificazione sismica obbligatoria. Tuttavia, mentre alcune Regioni hanno provato a rendere obbligatoria questa documentazione con una normativa locale, la Corte Costituzionale ha bocciato tutti i tentativi. Le Regioni in questione sono Lazio, Puglia, Campania, Emilia Romagna e Basilicata. La decisione di abolire l’obbligo di presentare il fascicolo del fabbricato ha suscitato diverse perplessità in quanto non viene vista come un provvedimento lungimirante. Al tempo stesso la documentazione in questione era stata oggetto di critiche in quanto si riteneva che avrebbe potuto portare a eventuali onerosità aggiuntive sia per le amministrazioni che per i proprietari. Sono comunque molti gli esperti a ritenere che i provvedimenti obbligatori avevano una ragion d’essere in un’ottica di prevenzione e di medio-lungo periodo.
Quando presentare la documentazione

Sipa 579 Pannello Forato in Lamiera Verniciata, Blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,49€


Cosa prevede il fascicolo del fabbricato nel Lazio

Presentare il fascicolo del fabbricato In alcune Regioni era stata approvata la presentazione obbligatoria del fascicolo del fabbricato con legge regionale, tuttavia tutte le norme sono state abrogate e cancellate dalla Corte Costituzionale con varie motivazioni in base a quanto previsto dal provvedimento. Ad esempio la Regione Lazio ha istituito il fascicolo del fabbricato per legge nel 2002 dando incarico ai Comuni di adottare regolamenti edilizi per rendere la documentazione obbligatoria. In questo caso la Corte Costituzionale ha decretato che gli enti locali hanno la facoltà di prevederne l’istituzione per gli edifici pubblici e privati costruiti ex novo oppure preesistenti. I Comuni che adottano questo documento raccolgono su supporto informatico tutti i dati riguardanti il fabbricato e le pertinenze. Il documento va aggiornato ogni volta che si interviene sulla destinazione d’uso dell’immobile (o di una sua parte) oppure sul suo stato di fatto. Lo stesso vale nei casi in cui si effettuino lavori sull’edificio o sulle pertinenze da parte degli enti erogatori di acqua, elettricità, gas e altri pubblici servizi. Infine tutti i dati sono trasmessi alla Regione e agli enti pubblici che ne fanno richiesta.

  • Le classi energetiche di un immobile Il certificato di risparmio energetico, detto anche certificazione energetica o APE (Attestato di Prestazione Energetica), serve a dimostrare a quale classe energetica, da A a G, appartiene un immobil...
  • tavoli e sedie Arredare casa è un'avventura creativa, che può manifestarsi nella scelta dei mobili e dei complementi. In particolare, meritano la massima attenzione le scelte che interessano i tavoli e le sedie, ele...
  • Un esempio di domotica Nella domotica affluiscono numerose discipline, tra cui l'architettura, l'ingegneria edile, l'ingegneria energetica, l'automazione, l'elettrotecnica, l'elettronica e l'informatica. Come abbiamo detto,...
  • Quadro moderno Importanti e sfiziosi elementi d'arredo, i quadri, si rivelano l'espediente migliore per arricchire con stile ogni stanza, conferendo vitalità e colore ad una parete altrimenti vuota. Indipendentement...

Pannelli in Lana di Roccia densità 75 spessore 5cm Fibrangeo Fibran

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69€


Fascicolo del fabbricato: Leggi regionali

Documentazione casa Nel 2002 anche la Regione Campania ha introdotto con legge regionale il fascicolo del fabbricato, decretando che gli interventi che rientrano nel Piano Casa sono subordinati alla predisposizione di questa particolare documentazione. Persino in questo caso è stata demandata ai Comuni l’attuazione del provvedimento all’interno dei regolamenti edilizi, ma la Corte Costituzionale ha stabilito la facoltà degli enti locali di applicare la norma o meno. La valutazione del rischio deve essere presentata per ottenere i titoli abilitativi, il permesso a costruire e la DIA e deve riguardare l’intero fabbricato sottoposto all’intervento. Lo stesso vale per gli incrementi volumetrici o per il cambio della destinazione d’uso. Sono invece obbligatorie le informazioni progettuali, geologiche, impiantistiche, strutturali e riguardanti la sicurezza dell’immobile, da aggiornare ogni volta che risulta necessario. Invece è stata completamente abrogata la legge regionale del 2009 che istituisce il fascicolo del fabbricato in Basilicata. La cancellazione è avvenuta nel 2012 perché la definizione dei contenuti è rinviata a un regolamento attuativo non obbligatorio.



COMMENTI SULL' ARTICOLO