Gesso

La chimica del gesso

Noto alla chimica col nome di "solfato di calcio diidrato" il gesso è un composto di calcio e zolfo legato all'ossigeno e all'idrogeno, cioè all'acqua. Il gesso è un minerale quindi, che si trova abbondante in natura e può assumere diverse forme, tra cui l'alabastro, materiale utilizzato nelle decorazioni e nelle costruzioni nell'antico Egitto. Il più grande deposito di gesso al mondo si trova in New Mexico, è il bacino Tularosa all'interno del Monumento Nazionale del New Sands. Il gesso non è tossico ed è molto utile per gli esseri umani, gli animali, le piante e l'ambiente. La maggior parte del gesso prodotto viene utilizzato per la produzione di cartongesso e intonaci ma può essere usato in molti altri modi. Il gesso è commercializzato in sacchi nei centri che vendono materiali per l'edilizia. Per piccoli lavori è reperibile anche sfuso, infatti per piccoli lavori conviene acquistarne modeste quantità: l'umidità dell'aria e la sua capacità di legarsi alle molecole di acqua lo rende facilmente deperibile.
gesso materiale

Pennarelli Gesso Stationery Island D34 - 4 Pennarelli A Inchiostro Liquido Bianco Brillante - Punta Tonda 3mm - Cancellabili a Secco - Garanzia Di 60 Giorni, Soddisfatto O Rimborsato.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


La produzione e la lavorazione del gesso

Deposito di gesso Il gesso naturale si trova in formazioni rocciose sedimentarie ed è molto diffuso sul pianeta. L'America del nord e centrale ha alcune delle più grandi riserve di gesso di alta qualità. Cento chili di roccia di gesso contengono circa 10 litri di acqua che viene eliminata durante le fasi di lavorazione. Dopo l'estrazione la roccia di gesso infatti, viene frantumata e macinata fino ad ottenere una polvere finissima. A questa fase segue la calcinazione, durante la quale la polvere viene riscaldata a circa 350°F. per ottenere il gesso calcinato o emiidrato che diventa la base per gli intonaci a gesso, il cartongesso e tutti gli altri prodotti a base di gesso. Il gesso in polvere, quando viene mescolato ad acqua, diventa una malta facilmente lavorabile prima che asciughi e indurisca. Il composto risulterà più o meno liquido a seconda della quantità di acqua utilizzata e l'impasto ottenuto potrà essere utilizzato per otturare fori e sigillare zone prive di ferro o bloccare in loco elementi delle pareti come le scatole dei fili elettrici.

  • Parete attrezzata in cartongesso Il cartongesso è un materiale molto utilizzato nei sistemi di costruzione a secco: infatti si tratta di un materiale molto pratico e versatile per realizzare pareti divisorie al posto del calcestruzzo...
  • porta scorrevole La porta scorrevole nel cartongesso è un'ottima soluzione nel momento in cui c'è la necessità di dover creare nuovi spazi all'interno della casa. Essendo questa installata nel cartongesso, risulta ess...
  • Intelaiatura di un muro in cartongesso I muri in cartongesso vengono spesso adoperati per dividere gli spazi interni di una abitazione ma anche per realizzare contro soffittature. Il cartongesso, in virtù della sua estrema versatilità e le...
  • Struttura per posizionamento pannelli in cartongesso isolante Il cartongesso isolante termico permette non solo di creare muri divisori ma consente di creare delle camere d'aria tra le pareti isolando sia termicamente che acusticamente gli ambienti. Solitamente ...

WINTEX cancellino magnetico per lavagna (qualità premium) in bianco/blu per pulire a secco whiteboard, flip chart, lavagne magnetiche, per pianificazione o a gesso | con 2 anni di garanzia di soddisfazione - UPDATE PRODOTTO: versione migliorata.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,4€
(Risparmi 6,5€)


Il gesso nella storia

Preparazione del gesso per intonaci Il gesso è stato utilizzato fin dall'antichità nelle costruzioni edili. Nell'antico Egitto veniva utilizzato per la realizzazione delle piramidi, che ancora oggi dopo 5000 anni testimoniano la validità del gesso come materiale da costruzione. Benché utilizzato anche dalle antiche popolazioni soltanto nel 18° secolo è iniziata una vera ricerca scientifica sul gesso e il chimico francese Lavoisier ne ha fornito per la prima volta le caratteristiche chimiche. Grandi depositi di gesso sono stati scoperti nei dintorni di Parigi e il materiale denominato "gesso di Parigi" è diventato molto popolare e di uso comune. Questo tipo di gesso grezzo viene chimicamente alterato dal calore, che rimuove l'acqua presente nella sua struttura chimica. Gli agricoltori francesi utilizzavano il gesso come additivo per migliorare i terreni e la resa dei raccolti, utilizzo importato poi in America da Franklin. Verso la fine del 19° secolo si iniziarono a costruire i pannelli in gesso, brevettati da Agostino Sackett, che diventarono un economico sostituto del legno. Molto simili al moderno cartongesso, in questi pannelli sottili strati di gesso intonacavano uno strato di feltro e carta pressata.


Il gesso nell'edilizia leggera

Decorazioni in gesso Negli anni '50, il boom economico ha stimolato nuove innovazioni nella tecnologia del gesso, che soprattutto in America veniva utilizzato per la creazione di pannelli sempre più versatili, lavorabili e isolanti. Poiché questo materiale leggero offriva vantaggi significativi rispetto alla tradizionale edilizia in muratura o in cemento, l'industria del gesso si è espansa a partire dall'utilizzo nell'edilizia commerciale. Mentre per l'edilizia residenziale si sono immediatamente apprezzati nel tempo i vantaggi dati dall'utilizzo delle pareti mobili, non solo nell'ambito delle nuove costruzioni ma anche nelle ristrutturazioni. Il gesso viene considerato un materiale naturalmente protettivo rispetto al fuoco poichè le particelle di acqua che ingloba finiscono per avere un effetto ignifugo e il solfato di calcio anidro residuo anche dopo la calcinazione funziona da barriera antifuoco. lo stucco, che è un derivato del gesso, viene invece spesso utilizzato nelle decorazioni, che oggi vengono spesso realizzate in stampi e applicate successivamente.


Altri usi del gesso

Il gesso viene utilizzato anche come additivo per incrementare la lavorabilità del terreno e difatti viene chiamato intonaco di terra, facilita la ricettività dell'umidità e compensa l'alcalinità. I benefici del gesso, inoltre, si spiegano su tutte quelle colture come mais, grano, arachidi e cotone che richiedono un apporto sostanziale di solfati ovvero di zolfo. Nelle acque torbide, in particolare stagni e canali serve a legare le particelle di sporco e di argilla senza nuocere all'habitat acquatico. E' molto utilizzato per i calchi ortopedici e come additivo alimentare nella produzione della birra, per controllare l'acidità e il colore dei vini, come antiossidante nelle verdure in scatola, come ingrediente nella farina, nel gelato e in altri alimenti. Viene usato come sbiancante nei cosmetici e nei farmaci ed è uno degli ingredienti principali del dentifricio. Anche nel settore dello spettacolo il gesso ha svolto un ruolo importante e, prima dell'avvento dei computer, veniva utilizzato per simulare le tempeste di neve.


Gesso: Materiali sostenibili

miniera di gesso Il termine sostenibilità venne usato in riferimento all'ambiente per la prima volta nel 1987 dalla Commissione Mondiale delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo. Sulla base dei lavori svolti dalla Commissione lo sviluppo sostenibile vene definito come quello "che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni." Sostenibile è diventato quindi sinonimo di ambientale, ecocompatibile ma forse soprattutto riciclabile. In quest'ottica i pannelli di gesso e l'intonaco di gesso sono caratteristici materiali da costruzione sostenibili e facilmente incorporabili nei progetti di bioedilizia. Le tecniche di realizzazione dei pannelli consentono l'utilizzo di materiali riciclati e recuperati, le tecnologie utilizzate sono a basso consumo energetico e l'utilizzo dei depositi comporta pratiche rispettose dell'ambiente.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO