Muri a secco

I muri a secco: la storia legata all'uomo

I muri a secco sono una tipologia di costruzione povera realizzata con materiali facilmente reperibili, ovvero le pietre. E' forse il metodo più comune e più semplice per edificare un muro dal momento che la disponibilità del materiale è particolarmente ampia. Il muro a secco è stato utilizzato fin dalle prime costruzioni dell'uomo, abitazioni o cinte murarie, anche perché l'impiego di leganti come calce e cemento richiedevano conoscenze tecnologiche per gli uomini del passato. Solamente con la civiltà romana e quella fenicia saranno introdotti i primi, grezzi leganti come la calce, che permetterà l'edificazione di costruzioni più complesse ed articolate. I muri a secco, quindi, sono alla base dell'edilizia insieme al legno, tuttavia questa tecnica perdura ancora oggi nelle realtà rurali e nella realizzazione di manufatti strutturali o d'arredo nei giardini.
muro a secco

S&R Fresa a Tazza per Muro Cemento Ø 68mm Corona Carotatrice a Secco + Adattatore SDS PLUS + Punta Centraggio 8x110 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€
(Risparmi 11€)


Come si inizia la costruzione di un muro a secco

Costruire muro a secco La costruzione di un muro a secco non richiede particolari accorgimenti: la tecnica è semplice e naturale, è fondamentale però che le pietre disposte formino una "rete" tra di loro, ovvero che si leghino affinché nessuna possa muoversi. L'arte dei muri a secco si può apprendere autonomamente oppure imparare da un esperto artigiano, spesso sono uomini anziani che vivono in quelle zone riccamente adornate da questi tipi di costruzioni, come le Cinque Terre ad esempio. In entrambi i casi, la tecnica di realizzazione sarà identica. Prima di tutto bisogna preparare il terreno su cui poggerà il muro estirpando l'erba e rimuovendo la terra fino ad arrivare allo strato più duro del suolo. Un solido muro a secco necessita di un "piede" stabile, cioè la base. E' consigliabile tendere uno spago da muratore lungo la linea di costruzione per rispettare la direzione anche in fase di costruzione. A questo punto vanno scelte le pietre: devono essere pulite e possibilmente squadrate. Sul terreno poggiate le pietre più grosse così il peso della muratura garantirà solidità all'intera costruzione: una buona base d'appoggio è imprescindibile per un muro duraturo che richieda minime manutenzioni.

  • Gettata di calcestruzzo per edilizia Il calcestruzzo, chiamato nel linguaggio comune cemento armato e nell'edilizia conglomerato cementizio armato, viene impiegato come materiale da costruzione. Gli usi principali riguardano la realizzaz...
  • Esempio di muro a sacco I muri a sacco sono sistemi murari che si vedono spesso negli edifici storici: il loro nome deriva dalle caratteristiche della messa in opera. Infatti sono costituiti da due muri paralleli in mattoni ...
  • Travi di varie dimensioni Il prontuario delle travi in acciaio che rispetta le normative europee suddivide le travi in 15 tipologie principali: IPE, IPN, HE, HL, HD, HP, UPE, U, UE, L, FL, SQ, R, T. Vediamone alcune caratteris...
  • Tipico effetto della condensa Cose semplici che fanno parte della vita quotidiana, e a volte il semplice e naturale respirare, causano l'umidità che viene rilasciata nell'aria. L'aria può contenere solo una certa quantità di vapor...

Varan Motors 50790-EXT-BAR Estensione per montacarichi muro a secco cartongesso e fogli lamina 140 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,27€


Innalzamento dei muri a secco

Muro a secco in tufo Realizzata la base, proseguite con la costruzione di muri a secco lungo la linea dello spago. Durante la posa delle pietre accertatevi che siano stabili affinché non compromettano lo strato successivo. La larghezza del muro deve essere sufficientemente ampia da permettergli di sostenersi, non è raro vedere costruzioni di 1 m di spessore, soprattutto negli edifici antichi. Più l'edificio sarà alto o dovrà essere stabile e maggiore sarà la larghezza necessaria. Per un muro di cinta alto 1 m, lo spessore dovrà misurare non meno di 50-70 cm. Il muro va costruito ponendo prima le pietre sul lato esterno e poi riempiendo la cavità interna con ciottoli e schegge. Nel caso di un muro a secco per terrazzamenti, le pietre di dimensione inferiore vanno collocate anche tra il manufatto ed il pendio. Proseguite fino all'altezza desiderata.


Muri a secco: Vantaggi

Muro a secco mediterraneo Raggiunta l'altezza desiderata dei muri a secco, potete realizzare una copertura come finitura. Sulla sommità disponete pietre piatte oppure pietre lavorate a forma di semi-cilindro: oltre a rendere più piacevole la visione del muro, esse forniranno una protezione alla costruzione. Per l'edificazione potete utilizzare le pietre locali grezze, ma con l'aiuto di una mazza otterrete del materiale semilavorato che garantirà più solidità alla muratura. Proteggetevi sempre gli occhi con appositi occhiali da lavoro per evitare le schegge ottenute durante la lavorazione. I muri a secco offrono numerosi vantaggi: sono semplici ed economici, infatti la loro costruzione non richiede particolari strumenti e il costo è nullo se la pietra è raccolta nei propri giardini o orti. Nel giardinaggio il muro a secco è un beneficio per le coltivazioni in quanto le pietre assorbono l'umidità e la cedono al terreno, anche nei climi secchi. La manutenzione deve essere regolare e attenta: estirpate le erbe che crescono tra le rocce e riempite i vuoti tra di esse, sia esteriormente sia interiormente, per garantire la solidità della muratura.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO