Pareti giapponesi

Le pareti giapponesi, funzionalità e leggerezza

Le pareti giapponesi possono essere fisse e mobili. Le mobili scorrono su binari montati al soffitto e quelle di dimensioni maggiori scorrono su binari inferiori e superiori e fungono da porte tra una stanza e l'altra, invece quelle fisse sono veri e propri divisori per ambienti a pianta aperta. Le pareti giapponesi sono completamente personalizzabili, sono realizzate con telai di legno che possono essere in legno di faggio, bamboo o toulipier, il rivestimento può essere realizzato in tessuto di cotone antimacchia, in carta di riso, plexiglas, policarbonato o canapa. I pannelli possono essere anche decorati, con motivi che richiamano i paesaggi orientali, per renderli ancora più raffinati, ma anche con fiori o foto stampate sul tessuto. Le pareti giapponesi permettono quindi una libertà di movimento, sono funzionali e versatili ed hanno una purezza e un'essenzialità delle forme che li rende perfetti nell'arredamento contemporaneo e minimalista.
Pareti giapponesi

Decoresin Pannello Finta Pietra Moderna Ricostruita in Polistirolo Non trattato Misura 110 cm X 56 cm Spessore 3 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


Pareti giapponesi, Soji e Fusuma

Pareti giapponesi scorrevoli Le pareti giapponesi sono denominate Shoji e Fusuma e sono realizzate in due tipi di carta, Oumi, carta e tessuto sintetico molto resistente e Yawaragi, carta pura. I Shoji sono delle pareti, fisse e mobili, realizzate in carta traslucida, molto adatte a far passare la luce e creare effetti particolari ed ornamentali. Esse hanno il telaio con la caratteristica struttura con i riquadri in legno. I Fusuma, invece, sono dei pannelli scorrevoli che occupano in larghezza una parete intera, scorrono uno sull'altro, sono sempre realizzati con i telai in legno e con rivestimenti in carta pesante o stoffa e, a differenza degli Shoji, non fanno passare la luce, ma servono da divisori e spesso sono finemente decorati con paesaggi naturali. Tutti e due questi tipi di pannelli servono da divisori, per far circolare d'estate l'aria calda ed erano realizzati con strutture leggere per ridurre durante i terremoti, frequenti in Giappone, il danno dei crolli.

  • Esempi di pareti divisorie mobili Le pareti divisorie mobili sono una soluzione progettuale molto usata negli ultimi anni nel settore dell'interior design. Il punto è che quando si affitta o si compra un'abitazione spesso non piace la...
  • Pannelli divisori flessibili Per suddividere gli spazi interni di un'abitazione esistono diversi modi, più o meno impegnativi e costosi. I divisori mobili sono più economici e pratici rispetto alle classiche pareti in muratura e ...
  • Parete divisoria in vetro decorato Le pareti divisorie di design in vetro rappresentano una delle idee più luminose e sofisticate di separare uno spazio. La scelta del vetro darà l'ulteriore tocco di classe all'ambiente, può essere lis...
  • Pareti divisorie interne Le pareti divisorie interne si possono realizzare in vari materiali, in legno, in pvc, in vetro. Oggi molto adoperato è il cartongesso perché è di spessore sottile, è facile da installare e molto vers...

Livellatore per piastrelle con chiave speciale, kit di livellamento per piastrelle, kit fai da te per costruire pareti e pavimenti, 50 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€




COMMENTI SULL' ARTICOLO