Tetti in legno

Tetti in legno

I tetti in legno sono un'ottima soluzione per molte case sia per la loro funzionalità, che per il loro lato estetico. Un tempo questi venivano utilizzati principalmente per le case di montagna o per le zone molto fredde, dato le caratteristiche del legno. Oggi questo materiale si è diffuso anche nelle zona più calde e conserva molti dei suoi vantaggi come la durevolezza, la resistenza, la scarsa manutenzione e soprattutto l'estetica raffinata e delicata. Se il legno viene trattato in una certa maniera è possibile utilizzarlo anche per i tetti delle case che si trovano in prossimità del mare. In questo caso però si avrà una maggiore manutenzione e soprattutto attenzione. Il tetto in legno è una possibile soluzione di copertura anche per verande, balconi, spazi aperti in giardino o addirittura piscine o garage.
Interno di un tetto in legno

Artemio - Casetta per gli uccellini, in legno, 7,5 x 7 x 14 cm, colore: beige

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,89€


Vantaggi dei tetti in legno

Tetto in legno chiaro I vantaggi dei tetti in legno sono tantissimi e sono principalmente legati a questo materiale. Innanzitutto è molto leggero e si presta a qualsiasi tipo di lavorazione senza appesantire la struttura. Infatti ha un peso che è ben cinque volte inferiore a quello del calcestruzzo. È antisismico e alleggerisce notevolmente la struttura soprattutto i muri portanti. Un altro vantaggio è quello dell'isolamento sia termico che acustico. Infatti il legno trattiene il calore presente all'interno mantenendo gli ambienti molto più caldi, senza che vi siano sbalzi termici. Il legno è anche un materiale naturale, facilmente reperibile e che presenta caratteristiche differenti a seconda della tipologia utilizzata. Un tetto in legno è anche resistente agli agenti atmosferici come la pioggia, la neve e il calore. Ha un'elevata durata nel tempo, anche se alcuni legni sono più forti rispetto ad altri.

  • Il legno lamellare Le coperture in legno lamellare sono frequentemente adoperate per gli ambienti esterni, ad esempio come tettoie per i giardini o per le case piccole e rustiche come le baite di montagna. Il legno lame...
  • Vecchio tetto in legno I tetti in legno sono la tipologia costruttiva più antica e diffusa in Europa. Il legno, materiale povero ma facilmente lavorabile e reperibile, ha da sempre caratterizzato l’architettura delle grandi...
  • Tettoia realizzata in legno di notevoli dimensioni Le tettoie sono strutture che vengono utilizzate per coprire una parte all’aperto creando così degli spazi da utilizzare a seconda del caso e delle richieste. Esse possono essere di vario materiale te...
  • Vecchio tetto in tegole di ardesia I tetti tipicamente genovesi presenti in tutta la Riviera Ligure sono ricoperti da tegole in ardesia. L'ardesia estratta in Liguria conserva la sua colorazione nera satinata se adoperata in ambienti i...

TecTake Sabbionaia con tetto regolabile giardino protezione solare bambini gioco - disponibile in diversi colori - (Verde | No. 402222)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,99€


Tipologie di tetti in legno

Tetto in legno lamellare Esistono varie tipologie di tetti in legno anche a seconda delle esigenze degli utenti. Molte di queste dipendono anche dal taglio della trave. Tra queste vi sono le travi uso Trieste che derivano dall'abete rosso e sono squadrate. Sono perfette per le strutture interne non a vista. Quelle Fiume invece sono utilizzate per il restauro e per creare effetti estetici particolari. Sono ricavate sempre dall'abete rosso ma sono piallate sui lati. Molto utilizzate sono anche quelle in legno massiccio che prevedono una procedura di lavorazione tutta particolare, ottenendo un prodotto meno deformato e con meno fessure. Il legno utilizzato per queste travi è l'abete rosso, quello bianco o il pino. Infine vi è la struttura lamellare ottenuta da travi incolonnate in maniera perpendicolare che raggiungono uno spessore di 13 cm. Viene utilizzato il legno di quercia, faggio, frassino o castagno.


Tetto in legno ventilato

Tetto in legno ventilato Il tetto in legno ventilato ha delle caratteristiche fondamentali che riguardano non solo il lato estetico ma anche un notevole risparmio energetico. Viene interposto tra il materiale coibente e la copertura e permette una maggiore circolazione dell'aria. In questo modo durante il periodo invernale il materiale resta più asciutto e non si formano condense. È particolarmente indicato per quei climi nevosi. Infatti non essendoci il passaggio di calore dagli ambienti interni a quelli esterni si evita anche lo scioglimento irregolare della neve che potrebbe scivolare sul suolo creando anche notevoli danni. È perfetto anche durante i mesi più soleggiati poiché l'aria calda viene trattenuta nella parte superiore. Il tetto ventilato non presenta caratteristiche estetiche differenti rispetto a quelli utilizzati attraverso il metodo tradizionale.


Tetti in legno lamellare

I tetti in legno lamellare vengono realizzati attraverso un procedimento industriale senza che questi perdano le loro caratteristiche peculiari rispetto a quelli tradizionali. Mantengono sempre il loro aspetto naturale ma viene aumentata la resistenza. Si ottiene mediante l'incollaggio di più tavole di legno che hanno generalmente uno spessore che non supera i 3 cm. Le lamelle incollate devono essere almeno tre. Questa tecnica permette così di avere delle travi molto più spesse di quelle che si possono ricavare dal procedimento naturale. I tetti in legno lamellare hanno un'ottima resistenza meccanica e al fuoco. Infatti la combustione avviene più lentamente essendo più spesso e più corposo. È una struttura molto leggera, facile da trasportare e antisismica. Si presta anche a delle lavorazioni più particolari data la flessibilità delle travi.


Prezzo dei tetti in legno

costruzione tetto in legno Il prezzo dei tetti in legno varia a seconda delle caratteristiche del legno e della sua lavorazione. Ad esempio una struttura che presenta una copertura in legno più tradizionale ha un prezzo che si aggira intorno ai 300 euro a metro cubo. Se si ricercano legni più pregiati questo costo è destinato a salire. Il tetto lamellare e quello ventilato comportano una spesa superiore. Infatti il primo caso si aggira intorno a 700 euro a metro cubo, ma può raggiungere anche i 1500 se si sceglie il legno di larice. Anche quello ventilato ha costi più elevati e si parla di 800 euro a metro cubo, ma in questo caso vi è un notevole ritorno economico in termini di risparmio sia per il riscaldamento che per il raffreddamento. Tutti questi costi possono essere ammortizzati grazie alle detrazioni fiscali promosse della Stato che consentono di ottenere anche fino al 50% di quanto versato per la costruzione del tetto in legno.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO