Rinvaso orchidee

Quando effettuare il rinvaso orchidee

Le Orchidee sono delle piante molto delicate. Bisogna trattarle con molta cura ed in generale meno si interviene su di esse, meglio è, onde evitare inutili stress alle piante. Tuttavia a volte si rende necessario il rinvaso Orchidee. Questa operazione si esegue sostanzialmente in tre casi. Il primo si ha quando il vaso è diventato troppo piccolo in rapporto alla piantina. Le radici, infatti, devono avere un po’ di spazio le une dalle altre, in modo da poter respirare con tranquillità. Il secondo caso in cui il rinvaso diventa necessario si ha quando le radici stesse cominciano a marcire, proprio per l’assenza di spazio o per i ristagni d’acqua. Nel caso in cui nessuna di queste condizioni si presentasse, tuttavia, ogni 2/3 anni bisognerà comunque effettuare un rinvaso. Dopo questo lasso di tempo, infatti, la corteccia presente nel vaso si decomporrà e non svolgerà più la sua funzione. Sarà perciò necessario sostituirla.
Esemplare orchidea

Miscela per rinvasi Orchid Focus 10 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,14€


Come effettuare correttamente il rinvaso orchidee

Rinvaso orchidee La prima operazione da fare per procedere con il rinvaso Orchidee è quella di indossare dei guanti in lattice. In questo modo eviterete alle radici di entrare in contatto con microbi che potrebbero danneggiarle seriamente. A questo punto togliete delicatamente l’Orchidea dal suo vaso e pian piano pulite tutte le radici dal materiale che vi sarà rimasto attaccato. Nel caso vi siano radici marce o secche, eliminatele recidendole con delle forbici precedentemente disinfettate. Nessuna radice sana dovrà in alcun caso essere rimossa. Fatto ciò, procuratevi da un fiorista un fungicida ad ampio spettro. Seguite le istruzioni sulla confezione per l’eventuale diluizione del prodotto, ed infine nebulizzatelo su tutto l’apparato radicale. Attendete quindi un paio d’ore prima di procedere, onde essere sicuri che le radici siano ben asciutte.

  • Orchidee acqua Le orchidee selvatiche (anche chiamate "orchidee spontanee") sono fiori originari delle regioni tropicali del mondo, ma al giorno d'oggi sono comunque diffuse in tutti e cinque i continenti, essendo p...
  • Le Orchidee Cymbidium Queste magnifiche piante provengono dai continenti asiatico, africano e oceanico e vengono annoverate nel vasto e specifico gruppo familiare delle Orchidaceae. Sono di norma piante epifite, ovvero con...
  • Le Orchidee Vanda Queste piante di natura epifita provengono specificamente dai continenti asiatico e oceanico e risultano classificate nel gruppo familiare delle Orchidaceae. Si distinguono per il brillante fogliame, ...
  • Pianta di orchidea fiorita Quando si effettua la manutenzione orchidee bisogna tenere a mente che le piante presentano esigenze colturali diverse a seconda della specie alla quale appartengono. Al tempo stesso tutte le cultivar...

Seramis substrato per orchidea, 2,5 l

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,07€


Rinvaso orchidee: Conclusione dell'operazione

Vaso orchidea Quando le radici saranno asciutte, si potrà completare il rinvaso. Bisognerà innanzitutto scegliere il vaso ideale. Esso dovrà essere necessariamente trasparente, in modo da poter tenere sempre sotto controllo lo stato delle radici. La dimensione, invece, andrà scelta in base alla salute dell’apparato radicale. Se le radici si presentavano abbondanti e rigogliose, si opterà per un vaso leggermente più grande del precedente. Se invece avete dovuto apportare numerose potature, il vaso in cui era già collocata l’Orchidea andrà benissimo. Inserite quindi la pianta nel vaso prescelto e riempite i vuoti tra le radici con della corteccia specifica per Orchidee. Spolverizzate infine con un po’ di polvere di cannella, da sempre utilizzata per le sue proprietà cicatrizzanti. Ricordatevi inoltre che la prima innaffiatura dovrà essere effettuata almeno dieci giorni dopo il rinvaso, in modo da permettere ai tagli praticati di rimarginarsi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO