Orto sinergico

Coltivazione ravanelli

La coltivazione dei ravanelli si presta molto all'agricoltura sinergica. In realtà possono essere coltivati in vaso o sul terreno, dando risultati allo stesso modo soddisfacenti.I ravanelli per crescere decorosamente in balcone necessitano di vasi profondi almeno venti centimetri. Hanno bisogno di un terriccio molto ricco di potassio, ma il semplice compost creato in casa grazie agli scarti alimentari fornirà il miglior concime naturale. La missione, infatti, è sempre la stessa: produrre un ravanello assolutamente privo di agenti nocivi.Nell'orto sinergico i ravanelli andranno disposti strategicamente in modo tale da arieggiare il terreno. Questo è il loro compito. Come lo è quello di tutti gli ortaggi da radice. É fondamentale il punto del terreno in cui verranno collocati, in quanto la tecnica sinergica prevede per ogni ortaggio, o pianta, un ruolo imprescindibile atto alla naturale produzione di concime.I ravanelli prediligono un certo livello di umidità, una temperatura fresca e tanta acqua. Il trucco è seminarli spargendo in modo uniforme i semi, possibilmente combinandoli sinergicamente vicini a piante aromatiche.
Ravanelli coltivati nell'orto

Claber 90767 Kit Orto per irrigazione a goccia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 66€


Coltivazione sedano

Sedano coltivato in balcone In un orto sinergico, la coltivazione del sedano va effettuata in modo da garantire un'adeguata proprietà anti-batterica al terreno. Il suggerimento è quello di collocare il sedano in prossimità di piante aromatiche, si può allineare per esempio, al basilico, ai pomodori e a qualche fiore di calendula. Questo consente di creare un'armonia naturale nel terreno sottostante, che in pratica provvede alla cosiddetta auto-concimazione.Il sedano, di per sè, è una pianta erbacea e predilige il clima caldo-umido. Se ci si vuole assicurare una bella raccolta estiva, sarà bene iniziare la semina massimo agli inizi della primavera. Necessita sia di fosforo, sia di potassio, per questo è fondamentale disporlo lontano da colture che ne assorbono troppo. Nel raccoglierlo è importante prendere le foglie più esterne e mai l'intero cespo, per far sì che il raccolto resti continuativo e non venga compromessa la copertura del suolo.

    Symbiom Symbivit Micorrize per Piante, 150 g

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,95€


    Coltivazione porro

    Coltivazione porro In un orto naturale, ove vige la tecnica dell'agricoltura sinergica, la coltivazione del porro ha un ruolo fondamentale.Il porro predilige un ambiente piuttosto riscaldato, quindi la semina dovrà attendere la primavera, se è prevista a terra. Se è nel semenzaio, andrà bene a partire da dicembre fino a febbraio inoltrato. Il porro presenta delle naturali proprietà in grado di tenere lontani i microrganismi nocivi, insetti e batteri, ecco perché va collocato in modo strategico. Con l'avanzare della stagione si procede al raccolto di altri prodotti piantati, come l'aglio. Il posto vuoto che lasciano, e principalmente si parla di quello ai lati dei bancali o dell'orto a terra, dev'essere riempito proprio dal porro. Questo crea una continuità sinergica nel terreno e non interrompe il naturale processo di auto-concimazione. Necessita di aria, quindi via libera a ortaggi da radice posti vicini, come carote e rape. Vanno raccolti solo quando avranno raggiunto almeno 3 centimetri di diametro.


    Orto sinergico consigli pratici

    Orto sinergico a forma di labirinto Chi desidera avvicinarsi all'agricoltura naturale e combinata, può seguire questi consigli pratici per creare un personale orto sinergico. Il principio di base è che la natura provvede da sola alla produzione di tutto ciò che serve in termini di coltivazione, e non solo. Persino ciò che muore in realtà produce altra vita.Vi sono dei criteri, però, da tenere a mente e perseguire affinché il sistema naturale di auto-fertilità s'inneschi e continui. Innanzitutto, se l'orto è a terra, quest'ultima non andrà zappata nè arata. Le piante si abituano alla rigenerazione del terreno e non sono più in grado di sfruttare le proprie componenti. Il terriccio dei semenzai segue la stessa logica. Assolutamente vietato concimare: basta disporre le piante alternate nel giusto modo e non estirpare mai le radici. Così facendo, la terra resterà ricca di suo, e provvederà da sola alla fertilizzazione naturale. In ogni aiuola bisogna prevedere almeno 3 specie diverse di piante: una liliacea per i poteri anti-batterici, una legumosa che produce azoto nutrendo le piante vicine, e un ortaggio per creare biomassa. Ogni ortaggio va combinato in modo da arricchire il suolo stesso.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO