Cosa sono le case attive

Dalle case passive alle case attive

Le case attive (Active House) rappresentano un'evoluzione delle case passive (Passivhaus) già presenti in Germania dalla fine degli anni Ottanta e di cui si hanno esempi in tutta Europa. Costruite per sfruttare la caratteristiche dei materiali di costruzione e l'esposizione solare riducendo al minimo il fabbisogno energetico, le case passive hanno rappresentato un valido modello di abitazione progettata secondo criteri econostenibili. Recentemente, gli studi di bioarchitettura hanno portato a concepire un'abitazione non soltanto estremamente efficiente dal punto di vista energetico, ma addirittura in grado di produrre più energia di quella necessaria per abitarvi. Un'abitazione, quindi, che da passiva diventa attiva, con uno sguardo non soltanto rivolto al risparmio energetico e al rispetto dell'ambiente, ma anche a una sostenibilità globale.
Casa attiva a Lystrup

Turbionaire Senso 12 Deumidificatore Portatile Silenzioso solo 36 dB, 12L/ 24h Nuovo Refrigerante ecologico R290 Funzione Child Lock, per camere fino a 55 m³, Pannello di Controllo Digitale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 119€


Progettazione e materiali case attive

Materiali per bioedilizia Le case attive sono concepite innanzitutto per avere un minor impatto sull'ambiente e quindi secondo i concetti di sostenibilità, compatibilità e benessere propri della bioarchitettura. In questo senso, le case attive sono state ideate secondo principi di progettazione sostenibile e di bioedilizia. Gli impianti avranno quindi un'elevata efficienza e i materiali da costruzione utilizzati saranno naturali e biodegradabili. L'isolamento termico, la raccolta e la distribuzione di energia termica, un sistema di ventilazione e dispositivi per il risparmio idrico permetteranno di ottimizzare le risorse energetiche per il consumo dell'abitazione. A differenza delle case passive, la casa attiva è progettata in modo tale da poter far fronte non solo alle esigenze di calore, ma anche al funzionamento di tutti i dispositivi.

  • La prima casa attiva in Danimarca Lystrup, un piccolo sobborgo a pochi chilometri da Aahrus in Danimarca, è stata teatro della costruzione della prima casa attiva. Il suo fine è quello di superare concettualmente le case passive fino ...
  • Legno strutturale in edilizia Il legno strutturale è il materiale legnoso che viene utilizzato nel settore edilizio per la costruzione di edifici. Il legno strutturale è usato da sempre come materiale da costruzione, tuttavia per ...
  • Casa legno Coloro che intendono collocare una casa in legno nel proprio giardino dovranno innanzitutto individuare un punto in cui il terreno sia pianeggiante e non presenti dislivelli, per consentire un corrett...
  • Casa in bioedilizia La casa in bioedilizia è una soluzione eco-sostenibile realizzata seguendo regole ben precise che intendono rispettare completamente l'ambiente. Alla base vi è il forte desiderio di costruire edifici ...

Osram Luce portatile a batteria LED Spylux con diffusore orientabile, 0.2W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Differenze tecniche tra case passive e case attive

Esempio di edilizia biosostenibile Come per le case passive, la realizzazione delle case attive prevede che esse abbiano dei requisiti tali da poter ottenere un considerevole vantaggio energetico, il quale, oltre a consentire un risparmio economico, contribuisca al rispetto per l'ambiente. Importanti in questo senso, oltre agli impianti d'accumulo di energia solare, sono l'orientamento dell'edificio e l'isolamento termico. Rispetto alle case passive, le case attive hanno come obiettivo non soltanto quello dell'autoconsumo, ma anche quello di produrre energia a loro volta. Ciò è possibile grazie a particolari accorgimenti in fase di progettazione e di realizzazione, quali ad esempio rivestimenti e isolamenti di fondazione, l'utilizzo di vetrate più ampie, finestre a triplo vetro, l'installazione di pompe di calore e di celle solari.


Cosa sono le case attive: Il futuro per le Case attive

Celle solari La costruzione della prima casa attiva, dotata di un computer per il monitoraggio del clima interno e di apparecchi domotici, è stata seguita da Rikke Lildholdt a Lystrup, un piccolo sobborgo danese.Il costo di questo primo edificio è stato di 570.000 euro, ma stando alle previsioni in futuro potrebbe compararsi a quello di un'abitazione standard.Per quanto riguarda l'Italia, a tutt'oggi abbiamo diversi esempi di case attive, sia per edifici di nuova costruzione, sia con il recupero di edifici giù esistenti.La realizzazione di case attive potrebbe risultare un valido modello per mettere in pratica la Direttiva europea del 2010, con la quale si richiede che gli edifici pubblici costruiti dal dicembre 2018 e quelli privati costruiti dal dicembre 2020 abbiano consumi energetici prossimi allo zero.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO