Le tipologie edilizie

Cosa si intende per tipologie edilizie

Nel campo dell’edilizia residenziale si suole effettuare una classificazione delle tipologie edilizie basata sull’utilizzo dei diversi parametri tipi degli edifici. Si tiene in conto, in particolare, del modo in cui vengono organizzati gli spazi, cosa che prende il nome di componente funzionale. Ma si considera anche la componente tecnologica e strutturale, che concerne la modalità con cui viene organizzata la parte strutturale, insieme con gli elementi costruttivi dell’edificio stesso. E infine non si tralascia nemmeno la cosiddetta componente linguistica, espressione con cui si intende il modo in cui l’edificio comunica con l’ambiente circostante, in base alla sua destinazione d’uso. Pertanto anche storicamente le tipologie edilizie hanno avuto una evoluzione anche rispetto alle mutate esigenze sociali. Si è partiti quindi dalle unifamiliari per arrivare alle case a schiera, fino ad arrivare agli edifici a torre.
Case a schiera

LOWARA DOMO Sommergibili per acque cariche MONOFASE CON GALLEGGIANTE DOMO7VX - HP 0,75 / 550W - 220V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 187€


Case unifamiliari e plurifamiliari

Tipologie edilizie: case a schiera Per quanto riguarda gli edifici che hanno una destinazione residenziale ad uso abitativo, si suole distinguere, in materia di tipologie edilizie, tra case plurifamiliari e case unifamiliari o bifamiliari. Quando si parla di case unifamiliari o bifamiliari ci si riferisce ad edifici la cui caratteristica è quella di essere adibiti ad un unico alloggio o al massimo due. Il fatto che l’alloggio coincida con l’intero edificio, consente una grande libertà nella fase progettuale di organizzazione degli spazi. Discorso completamente diverso è quello da farsi nel caso di case plurifamiliari. Il modificarsi delle abitudini sociali e abitative, nonchè dell'economia dei luoghi, in particolar modo della città, hanno contribuito a creare dei diversi schemi abitativi, fino ad arrivare alla necessità di sfruttare la verticalità degli edifici, aumentando il numero delle unità abitative a parità di suolo occupato.

  • Cemento con armatura a vista Il cemento armato precompresso è un materiale utilizzato nell'edilizia composto da calcestruzzo, ovvero una miscela di sabbia, cemento, acqua ed elementi lapidei come la ghiaia, e barre di acciaio; a ...
  • impianti per la casa Scegliere i materiali da costruzione per l'edificio che si vuole costruire significa dover considerare diversi fattori. Il materiale deve saper resistere alle forze che gravano su di esso e ad eventua...
  • Mattoni faccia a vista Il mattone faccia a vista è un tipo di mattone prodotto in laterizio o in calcestruzzo, dalle ottime caratteristiche per pareti sia interne che esterne, e che non necessita di rivestimento (inteso com...
  • Utilizzo delle mattonelle antiche Le mattonelle antiche possono trovare nuova vita grazie alla fantasia e allo spirito creativo di ognuno. Reperirle non è tanto difficile. Occorre soltanto avere tempo e pazienza. Generalmente si trova...

Purificatore d'Aria 4-in-1Purifiers Vero HEPA, Filtri di Carbonio Attivi,Ionizzatore 3 Velocità 3 Temporizzazione Smart Filter Change Promemoria Cattura fumo, Polvere, Polline, Peli di Animali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55,99€


Case a schiera

Case in linea Nel caso degli edifici a vocazione di plurifamiliare, che cioè possono comprendere più di due alloggi, è più facile elencare le diverse tipologie edilizie. Una di esse è il tipo a schiera. Questo tipo è caratterizzato storicamente dall’avere nella strada il punto di collegamento di tutte le abitazioni, che tendo a svilupparsi strutturalmente e naturalmente in profondità per accentuare questa esigenza. In linea di massima l’edificio tipo a schiera non supera i 3 piani di altezza. È caratterizzato inoltre dall'ingresso indipendente, e due soli muri, quello anteriore e quello posteriore, a contatto con l'esterno: i muri laterali risultano infatti in comune con le altre unità abitative. L’evoluzione della tipologia a schiera è la tipologia in linea. In cui le unità abitative subiscono una traslazione costruttiva orizzontale.


Le tipologie edilizie: Costruzioni verticali

Grattacieli Le case in linea hanno una densità costruttiva che varia a seconda della loro verticalità, tendono ad avere infatti un altezza che non supera i sette piani. Lo stesso accade per le case in blocco che da esse discendono. Differenza fondamentale rispetto alle case in linea è il fatto che le case in blocco sorgono intorno ad un'area interna che circoscrivo all'interno del loro impianto costruttivo. Non si tratta di costruzioni rivolte alla strada, ma ad aree tipo parcheggi o cortili comuni che sorgono all'interno del loro perimetro. Infine tra le tipologie edilizie si annoverano gli edifici a torre, cioè quelli che comunemente vengono detti grattacieli. Si tratta di edifici che si sviluppano in altezza, che comprendono sempre al loro interno una zona adibita a vano scale e un'altra adibita a vano ascensore. Le unità abitative sono suddivise per piano. Il grande successo degli edifici a torre è dovuto ad una questione di costi del suolo: costruendo in altezza è possibile creare più unità abitative, occupando minori porzioni di suolo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO