Digitale terrestre

Un passo avanti, il segnale del digitale terrestre

Il digitale terrestre rappresenta una trasmissione dell'informazione televisiva dalla precedente forma analogica alla attuale forma digitale. E' la cosiddetta televisione digitale terrestre, evoluzione e passaggio dalla precedente televisione analogica terrestre. Queste due tecnologie presentano vantaggi alterni le une rispetto alle altre. Da una parte, i segnali analogici sono più frequentemente soggetti a disturbi rispetto ai segnali digitali, per cui questo è un vantaggio a favore del digitale. Secondariamente, il segnale digitale è immune da disturbi di lieve entità, ma se questi superano una certa intensità, il segnale diventa indecifrabile, determinando oltre una certa soglia la perdita di qualsiasi tipo di informazione. Il segnale analogico, al contrario, si deteriora in materia continuativa; anche in presenza di un grosso disturbo, la qualità è comunque tale da essere almeno comprensibile all'occhio umano.
telecomando digitale terrestre

Antenna Interna TV, 1byone Antenna per DTT DVB-T / DVB-T 2 per TV con Digitale, Antenna HDTV Super Sottile VHF/UHF/FM, 0,5 mm per Ricezione Perfetta, con 4m di Cavo, Alte Prestazioni-Nera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€


Vantaggi della televisione digitale terrestre

Televisore con digitale terrestre Il passaggio alla nuova forma di trasmissione digitale del segnale televisivo ha comportato una serie di vantaggi pratici e teorici:

- disponibilità di un numero più elevato di canali, dovuta a diverse tecniche di compressione dati, che consentono di utilizzare solamente un quinto della lunghezza della banda occorrente ad un corrispondente canale analogico;

- maggiore qualità del segnale audio e video, generato dall'operazione di codifica del canale;

- passaggio di contenuti audio e video con elevata qualità, simile ai comuni DVD;

- segnale audio con possibilità di essere diffuso in più di una lingua in contemporanea;

- trasmissione ad alta risoluzione e definizione, con caratteristiche simili al cinema tridimensionale;

- predisposizione a forme di interattività delle trasmissioni, pilotabile mediante telecomando.

  • Antenna su tetto Per procedere all'installazione della vostra antenna tv dovrete anzitutto procedere all'acquisto della stessa presso un negozio di vostra fiducia. Recatevi presso un rivenditore specializzato in anten...
  • La tv oled con le sue immagini brillanti La tv oled è un nuovo tipo di tecnologia per televisori comparsa solo di recente sulla scena internazionale, ma che ha saputo rapidamente imporsi all'attenzione del pubblico e degli esperti del settor...
  • Antenna tv Per effettuare una buona installazione antenna tv fai da te si consiglia sempre l'acquisto di antenne composte da materiali in lega leggera resistenti agli agenti atmosferici. Di solito infatti sono c...
  • Antenna parabolica installata Prima di procedere con la parabola installazione, è importante conoscere quelli che vengono definiti come "parametri di puntamento". Si tratta di apposite coordinate che variano moltissimo da una zona...

DECODER MINI DIGITALE TERRESTRE DVB T2 SCART 180 USB HDMI HD 333

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Passaggio al digitale terrestre

vantaggi digitale terrestre La transizione dalla televisione analogica terrestre alla televisione digitale in Italia è avvenuta per gradi, partendo da alcune zone in via sperimentale, per completarsi definitivamente il 4 luglio 2012.Nei paesi in cui la televisione pubblica riveste una posizione privilegiata, questo passaggio ha condizionato gli utenti ad acquistare un nuovo televisore, per proseguire nella visione del servizio di stato.L'alternativa è stata l'acquisto di appositi decoder per poter decriptare il segnale digitale.La conversione del sistema di trasmissione è stata sancita da disposizioni di recenti normative europee, alle quali gli stati dell'Unione Europea sono tenuti ad uniformarsi.Le modalità di transizione sono state recepite dai singoli stati, che le hanno attuate mediante propri regolamenti interni stabiliti autonomamente.


Problematiche del passaggio: acquisto di nuovi dispositivi

tv digitale terrestre Come accennato in precedenza, l'utente per adeguarsi al nuovo sistema di trasmissione del digitale terrestre si è trovato di fronte ad un bivio; acquisto di un nuovo televisore, oppure acquisto di un nuovo decoder.In qualsiasi caso, questo fatto ha comportato, oltre ad un esborso di denaro, una serie di difficoltà di ordine pratico, soprattutto nella popolazione più anziana.L'acquisto di un nuovo televisore ha comportato una modifica delle procedure di fruizione televisive, mentre con l'inserimento del decoder c'è stata l'adozione di un telecomando in più.Altre problematiche si sono create se si utilizzano dispositivi elettronici come videoregistratori o schede TV per computer.Anche in questo caso è stato necessario l'acquisto di un ulteriore decoder, nell'ipotesi che si voglia guardare un canale e contemporaneamente registrarne un altro.


Digitale terrestre, adeguamento impianti antenna

Nella maggioranza dei casi, il passaggio al digitale terrestre non ha comportato grossi disagi in tema di impianti di antenna delle private abitazioni.

Qualche disagio in più c'è stato negli impianti centralizzati condominiali, in particolar modo per quelli più obsoleti.

In questi ultimi casi, si è assistito ad un intervento da parte degli installatori specializzati nel 25% degli impianti centralizzati.

I costi sostenuti sono stati a volte di importo elevato, in special modo per quella tipologia di impianto analogico a filtri di canale, che hanno necessitato di un intervento più radicale e massiccio.

Altro caso di intervento necessario, per vedere il nuovo segnale del digitale ,è quello di ricezione del vecchio segnale analogico tramite antenne da interni.

La soluzione di questo caso meno onerosa, è stata acquistare un particolare tipo di antenna per interni, adattamento economicamente accettabile ma non sempre attuabile.


Digitale terrestre e maggiori consumi

antenna tv Nel caso di utilizzo del decoder per la ricezione del segnale del digitale terrestre, questa soluzione comporterà inevitabilmente un leggero incremento dei consumi di corrente elettrica.

Il decoder solitamente non viene spento, per questioni di pigrizia o comodità; anche se passa automaticamente alla funzione di stand-by, il consumo generato dalla questa posizione può arrivare anche a più di 5 watt.

Nel caso di 2 o 3 decoder presenti in un nucleo famigliare, questo consumo può passare i 100 kw per anno, che tradotti su scala nazionali possono comportare una richiesta di svariati megawatt.

Quest'ultima problematica è destinata progressivamente a diminuire, dovuta al fatto che i decoder verranno eliminati dalla dismissione dei vecchi televisori, con sostituzione con nuovi televisori con decoder incorporato.




COMMENTI SULL' ARTICOLO