Cambio gomme

Cambio gomme stagionale

L'approssimarsi della primavera è l'occasione per inziare a pensare anche al cambio gomme. Il periodo in cui sono obbligatori gli pneumatici invernali varia infatti da un'area metropolitana all'altra (ora le province vengono indicate così) per periodi che vanno, in genere, dal 15 Ottobre fino al 15 Aprile. Se i vostri pneumatici sono arrivati a fine vita, il cambio stagionale è l'occasione per smaltire i vecchi ed acquistarne di nuovi per la stagione estiva, mentre se le gomme invernali possono ancora mordere un po' di asfalto, sarà opportuno avvolgerle in un sacchetto di plastica una ad una (quelli neri della spazzatura vanno benissimo) e stoccarle in un luogo asciutto, possibilmente lontane da elementi chimici come vernici o solventi (attenzione a quello che avete in cantina). Qua potranno attendere la prossima stagione invernale.
Battistrada pneumatico invernale

Forever Speed Meccanico Cric a Pantografo Cric a Manovella Sollevatore Auto Cambio Gomme Attrezzo Sollevatore a Forbice Manovella (Nero)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,99€
(Risparmi 20€)


Cambio gomme per usura

Battistrada ancora idoneo Molte persone si chiedono quale sia il limite legale oltre il quale gli pneumatici andrebbero sostituiti. La risposta è semplice: 1,6 millimetri su tutta la superficie (quindi se per caso avete dei punti dove il pneumatico risulta più consumato, dovete prendere quelli come riferimento). Ma senza recarsi da un gommista o in una officina è possibile verificare se siamo già in contravvenzione o meno? Certamente. I costruttori degli pneumatici hanno inserito, tra le scolpiture del battistrada, le cosiddette tacche indicatrici. Se l'altezza del battistrada equivale a quello di questo piccolo tassello in gomma, allora lo pneumatico deve essere sostituito. Diversamente potrete continuare a macinare chilometri fino a quando questo limite non verrà raggiunto ed essendo certi di poter verificare, in qualsiasi momento, di essere in regola.

    Kit di Sostituzione Gomme Auto, Contenente Borsa Porta Ruota Misura Grande

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,61€


    Cambio gomme fai da te

    La carta di identità del pneumatico Se volete cimentarvi nell'acquisto degli pneumatici per vostro conto, magari per risparmiare qualche soldo, allora dovete munirvi dell'unico documento titolato a fornirvi indicazioni cambio gomme, ovvero la carta di circolazione (quello che volgarmente viene ancora chiamato libretto). Difatti, anche in sede di revisione del veicolo, è solo li' che verranno ricercate le informazioni che riguardano gli pneumatici. Le sigle sul pneumatico sono quelle previste dalla Direttiva ECE ONU 92/23/CE. Il pneumatico può presentare una sigla del tipo 195/70 R 14 89T. Nessuna preoccupazione, è tutto molto semplice. Il primo numero (195) indica la larghezza della sezione in rapporto (70) all'altezza della sezione, la lettera (R) che lo pneumatico è di tipo radiale mentre il numero (14) è il diametro del cerchione in pollici. Attenzione alla sigla successiva. L'indice di carico (89) deve essere rigorosamente quello indicato nella carta di circolazione e la categoria di velocità (T) potrà essere superiore o uguale, mai inferiore.


    L'importanza del cambio gomme

    Un danno occulto ad un pneumatico Il cambio gomme non è solo un costoso appuntamento che si verifica ad intervalli più o meno regolari, ma un vero e proprio intervento di manutenzione che va ad incidere sulla sicurezza del veicolo. Gli pneumatici sopportano il peso del veicolo, danno direzionalità, drenano l'acqua in caso di pioggia e sono l'anello di congiunzione tra strada e veicolo. La scelta degli pneumatici non corretti, oppure una loro scarsa manutenzione, ha effetti nefasti sulla sicurezza della circolazione in generale. Basti pensare che una pressione non corretta del pneumatico potrebbe determinare un allungamento dello spazio di frenata. Anche pochi metri potrebbero fare la differenza tra un semplice spavento e qualcosa di ben più grave. Gli pneumatici non sono solo dei pezzi di gomma, ma strutture complesse e molto resistenti, tuttavia il controllo che possiamo attuare da soli, anche solo visivamente, è già una prima efficace forma di manutenzione.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO