Cosa fare in caso di terremoto

Cosa fare in caso di terremoto

In Italia esistono diverse zone a rischio sismico, quindi diventa una domanda legittima chiedersi cosa fare in caso di terremoto. Per prima cosa bisogna ripararsi sotto mobili solidi, come un tavolo robusto oppure una pesante scrivania. In alternativa ci si può rifugiare nel vano di una porta o contro un muro interno portante, in quanto ha uno spessore maggiore. Tuttavia è importante stare lontano dalle finestre o dai vetri che si possono rompere (quadri e specchi). Lo stesso vale per oggetti e mobili pesanti e librerie che possono cadere a causa della scossa. Inoltre, quando si è in casa e si avverte una scossa sismica, non bisogna usare le scale oppure l’ascensore: le prime possono risultare l'elemento più debole della struttura edilizia. In secondo luogo l'ascensore può bloccarsi a causa dell'interruzione dell'energia elettrica e quindi non si riesce più a uscire.
Città colpita da terremoto

Il gobbo di Notre Dame

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,24€
(Risparmi 1,65€)


Comportamenti da tenere in caso di terremoto

Cosa fare durante un terremoto Quando si verifica una scossa sismica si hanno solo pochi istanti di tempo per decidere il comportamento da seguire. Spesso si ha una reazione istintiva, mentre invece bisogna mantenere la lucidità senza panico. La regola principale su cosa fare in caso di terremoto consiste nell'uscire dall'abitazione il più presto possibile. Non bisogna pensare a raccogliere soldi oppure oggetti preziosi, ma è necessario prendere la più rapida e sicura via di fuga, unendo rapidità e prudenza. Infatti occorre seguire le dovute precauzioni in quanto fa più vittime il panico dello stesso terremoto. Fondamentale è evitare l'uso delle scale e dell'ascensore, che possono rivelarsi un pericolo oppure una trappola. Bisogna pensare alle persone, evitando di lasciare indietro qualcuno o di precipitarsi fuori travolgendo i più deboli. Inoltre si deve ricordare che nel percorso è sempre possibile perdere l'equilibrio a causa di altre scosse telluriche: occorre quindi procedere con attenzione.

  • Serratura di sicurezza Le serrature di sicurezza sono il primo metodo che si adotta per difendersi da intrusioni indesiderate nella propria casa o nel luogo dove si lavora. Esistono diversi tipi di serrature di sicurezza il...
  • Esempio di inferriata di sicurezza Le inferriate di sicurezza per finestre comportano numerosi vantaggi, permettendo di proteggere le case e gli uffici dalle intrusioni di ladri e malintenzionati. Infatti l'aumento di furti nelle abita...
  • Terminale videosorveglianza wireless La videosorveglianza senza fili è una particolare soluzione tecnologica di controllo remoto, che si realizza con il ricorso a sensori video e terminali che basano la loro operatività su rete wireless....
  • Esempio di serratura a doppia mappa Le serrature sicure a doppia mappa sono composte da un sottile e particolare ingresso con una chiave a doppia cifratura, cioè con una dentellatura codificabile solo dagli ingranaggi di quella serratur...

Wall street

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,91€
(Risparmi 1,08€)


Precauzioni da seguire in caso di terremoto

Conseguenze di un terremoto Oltre a sapere cosa fare in caso di terremoto, è bene tenere a mente alcune considerazioni generali: ad esempio il sisma può modificare la mappa dell'abitazione. Di conseguenza è bene evitare di procedere alla cieca perché il pavimento può cedere. Il pericolo di cadere perché non ci si accorge dei cedimenti strutturali è maggiore se si è nel panico e/o durante le ore notturne. Si consiglia quindi di tenere una torcia a pile a portata di mano sul comodino vicino al letto: infatti non sempre si ha il tempo di accendere la luce oppure il terremoto può far saltare l'illuminazione dell'abitazione o di tutto il quartiere. In questo modo risulta più facile e più sicuro lasciare la casa, sapendo dove si mettono i piedi ed evitando incidenti dovuti al fatto di inciampare negli oggetti per terra. Al tempo stesso ci si accorge subito se le scale o il pavimento sono crollati.


Cosa fare in caso di terremoto se si è all'aperto

Cosa fare se si è all'aperto Quando ci si trova all'aperto, è necessario agire in maniera diversa: bisogna per prima cosa allontanarsi in fretta dalle linee elettriche e dagli edifici. In questo modo si evita di essere colpiti dai calcinacci o dai materiali che cadono. Quando ci si chiede cosa fare in caso di terremoto, bisogna tenere a mente che, anche se bisogna fermarsi in un luogo aperto, non si deve ingombrare il passaggio. Inoltre non si sosta su terrazze, ponti e altri luoghi interessati da cedimenti. Ci si deve allontanare dalla riva dell'eventuale lago o del mare presso cui si vive, così da garantire la propria incolumità. Inoltre, mentre si aspettano i soccorsi, bisogna aiutare i feriti, evitando di spostare le persone con ferite gravi: se non si hanno conoscenze mediche, si rischia di aggravarne le condizioni. Infine ci si allontana dal luogo dei crolli sia per ragioni di sicurezza che per evitare di intralciare i soccorritori.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO