Coltivazione olivo

Giardinaggio: come annaffiare la pianta di olivo

Per la coltivazione olivo non sono necessarie particolari esperienze di giardinaggio, è una pianta che si adatta facilmente a qualsiasi terreno, purchè sia fertile e drenante. Se l'esemplare è in piena terra è consigliabile nei primi due anni dalla messa a dimora, bagnare il terriccio in modo regolare, almeno una volta al mese. Successivamente pur potendo considerare la crescita della giovane pianta totalmente autonoma, è buona regola mantenere le annaffiature durante la stagione calda, in assenza di precipitazioni. Se la sua coltivazione è principalmente finalizzata alla raccolta delle olive, è importante annaffiare la pianta di olivo per tutta la stagione primaverile. Periodo cruciale per il potenziamento delle infiorescenze che in estate produrranno le mignole, i fiori dell'olivo. Le olive inizieranno a formarsi dopo l'impollinazione e in autunno saranno pronte per la raccolta. La tradizione dice che avere una previsione sulla quantità delle olive è facile, basta porre una mignola su una pietra e dopo averla premuta con il pollice, osservare l'impronta che lascia. Se rimane una traccia umida, la resa delle olive ed eventualmente dell'olio, sarà abbondante e di qualità.
Olive verdi pronte per la raccolta

Masko® Set 32 cassette impilabili + scaffale da parete contenitori a bocca di lupo scaffale con contenitori scaffale per stoccaggio, scaffale da parete, cassette, portaminuterie, contenitori a bocca di lupo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,8€


Coltivazione olivo in giardino: la potatura

Potatura olivo La coltivazione olivo in giardino prevede vari interventi di potatura. Inizialmente i tagli sono finalizzati al potenziamento del tronco a discapito dei getti laterali, i polloni che spuntano dal terreno intorno alla pianta. In concomitanza vi sono i tagli di correzione della chioma, per ottenere l'equilibrio dello sviluppo vegetativo, tra parti legnose e parti verdi. Dopo circa tre anni è indispensabile potare la pianta di olivo tenendo conto del comportamento delle ramificazioni e di come sulle loro infiorescenze avviene la fruttificazione. Partiamo col dire che difficilmente i rami di vecchi possono ancora fruttificare. Dunque potare la pianta di olivo in modo corretto significa potenziare i rami di un anno e tagliare i succhioni, ovvero i rami di più di due anni. I succhioni sono rami che si trovano lungo le branche o sul tronco, nelle posizioni medio alte della chioma. Questi tagli servono a potenziare sia i rami principali a inserzione conica che le ramificazioni giovani a inserzione cilindrica, sulle quali vi sarà una maggiore fioritura. Si dice che il buon andamento della fruttificazione viene segnalato da una leggera e costante pioggia di fiori alla base della pianta.

  • L'albero di olivo nel verde L'albero in esame trae la sua origine dal continente asiatico e viene classificato nel raggruppamento familiare delle Oleaceae. La coltivazione olivo risulta ampiamente praticata in ogni angolo del mo...
  • Preparazione del terreno per concimazione olivo La concimazione olivo è necessaria per potenziare la produzione di frutti, nonché la vegetazione della pianta. È un'esigenza che nasce per integrare i macro ed i micronutrienti (azoto, potassio, fosfo...
  • Ulivi in vaso L'ulivo in vaso può essere semplicemente acquistato in un vivaio oppure riprodotto per talea; si consiglia la prima soluzione, così da evitare che l'esemplare possa morire durante le prime fasi della ...
  • Esempio di parquet ulivo Il parquet ulivo è una tipologia di pavimento molto originale e unica nel suo genere. Le sue venature irregolari e multicolori lo distinguono da ogni altro tipo di parquet in legno. Sono proprio le su...

Pompa sifone 7.5ft Quick Release Acquario vuoto con controllo di flusso Tap

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Concimare l'olivo

Olivo centenario L'olivo si adatta bene ai terreni calcarei, dunque ha esigenze elevate di azoto, potassio e fosforo. Nella coltivazione olivo le concimazioni servono a reintegrare questi elementi minerali che vengono perduti a causa della raccolta delle olive, della potatura, della caduta delle foglie, ecc. I suoi fabbisogni nutritivi variano secondo l'età. In fase di crescita per concimare la pianta di olivo è necessaria la somministrazione di fertilizzanti soprattutto a base di azoto. Mentre durante la successiva concimazione di produzione è importante includere il fosforo e il potassio, a partire dalla fase di germogliamento, in modo da assicurare all'esemplare un'ampia disponibilità di nutrimento, per lo sviluppo dei rami e il potenziamento della fioritura. I concimi possono essere forniti mediante l'acqua di irrigazione oppure sparsi direttamente sul suolo. Per un corretto assorbimento delle sostanze nutritive da parte dell'apparato radicale è importante che vi sia la presenza di erba alla base della pianta o di una leggera pacciamatura, utile a ridurre l'azione di erosione della pioggia e lo scorrimento superficiale dell'acqua, favorendo l'assorbimento delle sostanze nutritive dal substrato.


Malattie e rimedi

Mosca olivo Tra le malattie della pianta di olivo spicca la rogna, un cancro rameale detto tubercolosi dell'olivo. Il rimedio è asportare i rami malati e la successiva somministrazione di rame. Tuttavia la malattia può rispuntare, soprattutto se l'attività di potatura viene eseguita con arnesi infetti. Dunque è buona regola sterilizzare a fuoco forbici e seghetti. Nella coltivazione olivo una delle avversità più comuni è la presenza della cocciniglia seguita da fumaggine. La prima si nutre di linfa zuccherosa, la seconda della melata. Il rimedio è tagliare i rami attaccati, in soccorso dell'olivo arriveranno le coccinelle a mangiare i pochi parassiti rimasti. La tignola è un insetto piuttosto aggressivo che scava gallerie durante l'inverno, mentre in primavera mangia i fiori e il nocciolo dell'oliva. Questi attacchi tendono a svanire con la porte naturale dell'insetto alla terza generazione. L'attacco più temuto è quello della mosca olearia che causa la bacatura di tutto il raccolto. Il rimedio è l'impiego di una particolare carta moschicida imbevuta di un feromone che attira i maschi, di ammoniaca efficace su entrambi i sessi e di pirethroide che una volta rimasti appiccicati li fa morire.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO