La coltivazione olivo

Irrorazione e innaffiamento nella coltivazione olivo

L'albero in esame trae la sua origine dal continente asiatico e viene classificato nel raggruppamento familiare delle Oleaceae. La coltivazione olivo risulta ampiamente praticata in ogni angolo del mondo per la raccolta dei pregiati frutti, impiegati usualmente nell'industria alimentare e gastronomica. Anche il fogliame della pianta, peraltro, trova vasto utilizzo in ambito medico ed erboristico. Per quanto sia abbastanza resistente a periodi siccitosi, questo sempreverde andrà preferibilmente bagnato con costanza e generosità durante la stagione primaverile e estiva, a frequenza almeno settimanale, mentre gli annaffiamenti saranno sensibilmente ridotti durante il resto dell'anno. La corretta pratica di irrorazione permette nel tempo una migliore produzione, sia qualitativa che quantitativa, dei frutti.
L'albero di olivo nel verde

Asixx Trivella, trivellatore per Post-trivellatore, trivellatore a Benzina, Trapano a Terra, 7500 Giri/min per rimboschimento, piantagione di Alberi da Frutta, recinzioni e concimazione da Autunno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 222,99€


Regole di coltivazione olivo

L'olivo sistemato nel vaso Di crescita regolare e non repentina, la pianta fruttifera potrà toccare con facilità dimensioni complessive di diversi metri. La coltivazione olivo esigerà di norma un terreno calcareo ma non compatto, dotato a sufficienza di sostanze organiche e soprattutto adeguatamente drenato, al fine di evitare perniciose stagnazioni idriche. Il sempreverde andrà piantato verso la fine del periodo autunnale, tuttavia nelle regioni a clima freddo è preferibile la messa a dimora agli esordi primaverili. Molto importante si riveleranno le operazioni di potatura della pianta, mai troppo energiche o radicali. L'opera consisterà sostanzialmente nel modellamento e nell'attento sfrondamento delle chiome per permettere una sufficiente illuminazione e aerazione di tutte le parti dell'albero, in specie quelle che recano i frutti.

  • Olive verdi pronte per la raccolta Per la coltivazione olivo non sono necessarie particolari esperienze di giardinaggio, è una pianta che si adatta facilmente a qualsiasi terreno, purchè sia fertile e drenante. Se l'esemplare è in pien...
  • Preparazione del terreno per concimazione olivo La concimazione olivo è necessaria per potenziare la produzione di frutti, nonché la vegetazione della pianta. È un'esigenza che nasce per integrare i macro ed i micronutrienti (azoto, potassio, fosfo...
  • Ulivi in vaso L'ulivo in vaso può essere semplicemente acquistato in un vivaio oppure riprodotto per talea; si consiglia la prima soluzione, così da evitare che l'esemplare possa morire durante le prime fasi della ...
  • Esempio di parquet ulivo Il parquet ulivo è una tipologia di pavimento molto originale e unica nel suo genere. Le sue venature irregolari e multicolori lo distinguono da ogni altro tipo di parquet in legno. Sono proprio le su...

Inception Pro Infinite Seminatrice Manuale - seminare - Kit di precisione - Coltivare orto - sradicare piantine - Pacco da 4 unità - Giardino - Idea Regalo Originale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Fertilizzazione e concimazione nella coltivazione olivo

I frutti pregiati dell'olivo Per quel che riguarda l'assunzione dei dovuti nutrienti, questa pianta longeva mostra notevoli esigenze di essere concimata per buona parte dell'anno.

La coltivazione olivo, pertanto, prevederà una regolare e ampia fertilizzazione per tutta la fase vegetativa, a partire dal mese di marzo, con riduzione o sospensione delle somministrazioni soltanto alla fine dell'autunno e in inverno.

Potranno essere impiegati all'uopo fertilizzanti in forma liquida, disciolti nell'acqua di abituale innaffiamento, nondimeno con più frequenza vengono utilizzati quelli solidi, caratterizzati dal progressivo rilascio.

Il fertilizzante da adottare dovrà, comunque, contenere un buon equilibrio tra le macrocomponenti azotate, fosfatiche e potassiche, nonché la presenza di tutti i benefici micronutrienti, tra i quali si evidenzia per importanza il boro.


La coltivazione olivo: Posizionamento e patologie

Foglie olivo Per una corretta coltivazione olivo, il sempreverde dovrà essere posizionato in un habitat ben arieggiato, poco umido e notevolmente illuminato, con piena e diretta esposizione agli irraggiamenti del sole.

Prediligerà condizioni termiche stabilmente miti e temperate, mentre potrà soffrire e riportare danneggiamenti in caso di temperature che scendano di qualche grado sottozero.

Questa pianta da frutto, infine, potrà essere interessata da diverse affezioni crittogamiche provocate, in genere, da errori nella tecnica di coltura, quali la sovrabbondanza di fertilizzazione, l'inefficace drenaggio della terra o la marcata umidità ambientale.

Potrà, altresì, essere colpita da pericolosi insetti e parassiti, in primis l'oziorrinco e la mosca delle olive, che andranno contrastati con un insetticida.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO