L'innesto a gemma

Cos'è l'innesto a gemma e quali utilizzi ha

I coltivatori, anche amatoriali, spesso hanno la necessità di riprodurre determinate qualità di una pianta su un'altra, oppure vogliono rinnovare le ramificazioni. Per queste ed altre ragioni una tecnica molto impiegata è l'innesto a gemma. Questa tecnica permette di costruire effettivamente una nuova pianta utilizzando il fusto e i rami di un portainnesto, l'albero o l'arbusto che funge da base. L'innesto a gemma è realizzato asportando una precisa parte vegetale, la gemma appunto, con una piccola porzione di corteccia ed inserita in un'incisione a forma di T fatta sul portainnesto. Se la procedura è svolta correttamente, il germoglio si svilupperà nei mesi successivi producendo una nuova ramificazione e si potrà, dunque, tagliare la parte al di sopra per convogliare in questo la linfa e i nutrienti. Questo innesto è di quattro tipi: a gemma vegetante e dormiente, a pezza ed a zufolo.
Tipico innesto a gemma

Decespugliatore per cura prato e giardino professionale a batteria STIHL FSA 45 - Potenza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 139€


Come si effettua l'innesto a gemma

Prelievo di una gemma Per eseguire l'innesto a gemma vegetante viene realizzato su piante ricche di linfa durante il periodo di crescita. La gemma è asportata con un coltellino ricavando anche un pezzo di corteccia. Bisogna eliminare le foglie lasciando solo il picciolo che fungerà da indicatore in caso di caduta per l'attecchimento. Successivamente la gemma viene inserita all'interno di un'incisione a T sul portainnesto, legata strettamente con rafia naturale e cosparso il tutto con mastice apposito. Quello a gemma dormiente è identico, tuttavia va realizzato su una pianta in stato non vegetativo, a fine estate, e la gemma non deve essere sviluppata ma solamente matura. Per l'innesto a pezza si utilizza una speciale pinza che taglia un semi-cilindro del portainnesto in cui, ricavata con la stessa tecnica, viene posto un pezzo della stessa forma che porta la gemma. Lo strumento è acquistabile in tutti i garden center o negozi di giardinaggio. L'ultimo tipo di innesto a gemma si effettua eliminando uno strato cilindrico della corteccia della pianta da innestare sostituendolo con un pezzo identico.

  • Esempio d'innesto a gemma Innestare una pianta nel proprio giardino significa mettere in atto alcune semplici fasi tali da consentire la moltiplicazione della stessa. Le tecniche di giardinaggio, per quanto riguarda gli innest...
  • Innesto a triangolo L'innesto a triangolo è una particolare metodologia di innesto, particolarmente diffusa. Si tratta dell'innesto effettuato in modo regolare per le varietà di pero e di melo nelle coltivazioni intensiv...
  • Pianta con innesto a corona La frutticoltura e, in generale, il giardinaggio necessitano di piante giovani e robuste con determinate caratteristiche. Certe caratteristiche non si possono replicare con i tradizionali metodi di pr...

Darlac DP788 - Aeratore per Compost (rifiuti organici)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,17€


Attrezzi necessari e accorgimenti da prendere

Gemma appena prelevata Per eseguire correttamente un innesto a gemma sono necessari alcuni attrezzi specifici. Il più importante è il coltello apposito molto affilato per tagli netti. È fondamentale che venga pulito con alcol affinché non ci siano agenti patogeni o muffe che possano entrare in contatto con la ferita della pianta conseguente al taglio. Serviranno inoltre delle cesoie per tagliare la marza da cui prelevare la gemma e la parte apicale del portainnesto. Per l'innesto a pezza è essenziale la pinza che realizza le scanalature sulla pianta e le sezioni con le gemme dell'arbusto che si vuole riprodurre. Quando si praticano incisioni, tagli ed innesti è bene ricoprirli con del mastice fatto a posta per sigillare e disinfettare proteggendo dall'acqua e dalle patologie la pianta. Va utilizzato senza parsimonia soprattutto nell'innesto altrimenti potrebbe essere compromessa la riuscita.


L'innesto a gemma: Quando si effettua e su che piante

Crescita germoglio Le operazioni svolte sulle piante hanno bisogno di un periodo specifico per ottenere certi risultati, vale sia per la potatura o per la semina sia per gli innesti, nello specifico l'innesto a gemma. Il tempo adatto a questo metodo di propagazione varia in base alla scelta di quale gemma utilizzare, se dormiente o vegetante. Nel caso della prima, il periodo opportuno per l'esecuzione dell'innesto è tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno, quando la linfa inizia a ritirarsi e le gemme si preparano per la primavera successiva. Nel secondo caso, la stagione ideale è la primavera quando i tessuti sono morbidi e la corteccia è facilmente sollevabile per inserire la gemma. Per quanto riguarda le piante che tollerano questa tecnica, l'elenco è molto lungo. Principalmente si realizza sulle essenze da frutto come il melo e il pero, oppure gli agrumi innestati su un portainnesto nato da seme. Tra gli arbusti da giardino troviamo impiegato l'innesto a gemma sulle rose.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO