L'innesto a spacco

Quando praticare l'innesto a spacco

L'innesto a spacco è un metodo molto usato per innestare diversi tipi di alberi da frutto, fra cui vite, susino ed agrumi. Questo tipo di innesto si pratica all'inizio della primavera, di solito fra la fine di febbraio e il mese di marzo, preferibilmente quando la luna è calante. In ogni caso sarebbe meglio prelevare le marze, cioè i rametti che si innestano sulla pianta selvatica, nella stessa fase lunare in cui si andranno poi a mettere a dimora sulla pianta. Le marze dovrebbero avere almeno 2 o 3 gemme quando vengono prelevate. Il periodo migliore per questa operazione è l'inverno, o comunque quando la pianta è ancora a riposo ma ha già prodotto le primissime gemme. L'innesto a spacco si chiama così perché per legare la marza sul portainnesto, cioè la parte di pianta selvatica, bisogna prima praticarvi uno spacco con un coltello o un seghetto, in cui poi la marza va infilata.
Preparazione di una pianta per l'innesto

Telecamere Spia, microcamera spia nascosta Pen 1080P Videocamera Nascosta Mini Penna con videocamera nascosta con Motion Detection e Audio, MicroSD da 32 GB Integrata e 5 Inchiostri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49€
(Risparmi 30,88€)


Diversi tipi di innesto a spacco

Pianta di mango con innesto Esistono diversi modi di eseguire l'innesto a spacco, detti spacco inglese, doppio e a corona. L'innesto a spacco semplice si esegue su un ramo tagliato della pianta madre, cioè il portainnesto. Su quest'ultimo si pratica un taglio abbastanza profondo con un coltello o un apposito attrezzo per gli innesti. In questa fenditura va quindi inserita la marza, cioè il rametto di albero già innestato prelevato in precedenza. Per evitare che la pianta possa infettarsi o soffrire per la ferita praticata nel portainnesto, quest'ultima andrebbe sigillata con del mastice cicatrizzante. Il mastice dovrebbe ricoprire tutta la superficie del portainnesto, per proteggere al meglio la pianta. Questo tipo di innesto si può praticare indifferentemente sia su piante giovani che su alberi già adulti, ed è il metodo più comune per la propagazione di molti generi di alberi da frutto.

  • Pianta con innesto a corona La frutticoltura e, in generale, il giardinaggio necessitano di piante giovani e robuste con determinate caratteristiche. Certe caratteristiche non si possono replicare con i tradizionali metodi di pr...
  • Esempio d'innesto a gemma Innestare una pianta nel proprio giardino significa mettere in atto alcune semplici fasi tali da consentire la moltiplicazione della stessa. Le tecniche di giardinaggio, per quanto riguarda gli innest...
  • Tipico innesto a gemma I coltivatori, anche amatoriali, spesso hanno la necessità di riprodurre determinate qualità di una pianta su un'altra, oppure vogliono rinnovare le ramificazioni. Per queste ed altre ragioni una tecn...

Laecabv 25mm 30mm Una Lama per Le Forbici per Secateur e Cesoie per potatura elettrica Forbici Giardinaggio Fai da Te Strumento Cordless Professionale (30mm, Lama Superiore)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Come si pratica l'innesto all'inglese

L'innesto su un melo Mentre l'innesto a spacco semplice prevede un taglio longitudinale lungo tutto il portainnesto, quello inglese permette di intervenire in modo meno invasivo sulla pianta, facendola soffrire meno e permettendo una cicatrizzazione più rapida. Questa tecnica prevede che si pratichi sul portainnesto solo una piccola fenditura di 1 o 2 centimetri di lunghezza, di profondità sufficiente da permettere di inserirvi poi la marza. In questo caso è sufficiente che la marza abbia anche una sola gemma. E' possibile realizzare un altro piccolo taglio sulla corteccia sia del portainnesto che della marza, per facilitare l'incastro fra le due componenti, e anche in questo caso si consiglia di sigillare le ferite con del mastice cicatrizzante. L'innesto all'inglese si pratica preferibilmente su piante giovani, per rinnovare la pianta madre o creare nuove varietà ed ibridi.


L'innesto a spacco: Tecnica a doppio spacco

Innesto spacco semplice L'innesto a doppio spacco è quello più difficile da eseguire, ma è anche quello che ha più probabilità di attecchire in fretta. Per eseguirlo, sia il portainnesto che la marza, che devono essere di diametro simile, vanno entrambi tagliati obliquamente, in modo che la superficie del taglio sia più liscia possibile. Lungo il diametro del taglio, sia sulla marza che sul portainnesto, va quindi praticata un'altra incisione. Ora i due rami vanno uniti in modo che i due tagli siano più o meno combacianti, avendo cura di spalmare del mastice cicatrizzante per riempire i vuoti. Una volta legati insieme i due rami, per evitare che si separino, l'innesto è completo. Per evitare la possibilità che si creino strozzature, la legatura andrebbe cambiata di frequente, indicativamente una volta alla settimana.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO