Blocchi di tufo

I blocchi di tufo: le loro caratteristiche e provenienza

I blocchi di tufo sono composti da rocce vulcaniche e vengono estratti dalle cave usando grosse seghe a motore che assicurano tagli perfettamente diritti. Sono molto usati sia nel settore dell'edilizia che nel giardinaggio perché molto più facili da lavorare e molto più leggeri rispetto ai normali laterizi. In genere si usano come materiale da costruzione i blocchi di tufo litoide, in quanto più compatti. Anche se il tufo è molto poroso, a causa della sua struttura granulare assorbe in maniera rapida ed efficace la malta durante le operazioni di messa in posa: ciò facilita il lavoro e lo velocizza. Allo stesso tempo i blocchi di tufo sono molto permeabili: di conseguenza assorbono l'umidità in eccesso presente nell'ambiente e la restituiscono se il locale o il giardino diventa troppo asciutto e arido. Il tufo è un materiale tenero quindi, anche se si lavora bene, non è molto resistente alla trazione e alla compressione: comunque ciò dipende dal tipo di roccia, dalla cava di provenienza, dall'accuratezza della posa e dalla qualità della malta.
Blocchi di tufo

Terriccio Universale 'Geoverde' Torba (50%), Con Fertilizzanti Per Un Rapido E Vigoroso Sviluppo Floreale E Vegetale.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,38€


I vantaggi e i pregi dei blocchi di tufo

Blocchi di tufo per le pareti di casa I blocchi di tufo hanno diversi pregi che ne hanno garantito l'ampia diffusione. Innanzitutto sono molto leggeri ma, nonostante questo, consentono di realizzare strutture resistenti e solide. Facilmente lavorabili e sagomabili, permettono di dare alla muratura la forma che più soddisfa le esigenze particolari. La messa in opera poi è molto veloce e può essere effettuata anche con le tecniche del fai da te. e lavorabili vista la grande friabilità. Tra l'altro i prezzi sono notevolmente inferiori rispetto a quelli di altri diffusi materiali edili e, per quanto riguarda l'uso dei blocchi di tufo in edilizia, le pareti realizzate possono sopportare quasi subito il peso del solaio. Di conseguenza i costi di costruzione diminuiscono. Il tufo è un buon isolante termico ed è estremamente decorativo: inoltre l'aspetto delle costruzioni in questo materiale migliora con il passare del tempo. Infatti non appaiono usurate ma rustiche e si integrano alla perfezione con l’ambiente.

  • Esempio muri tufo I muri in tufo sono impiegati per lo più negli ambienti esterni, ma sono molto apprezzati anche per abbellire gli spazi interni di un'abitazione. Molto spesso servono come elemento divisorio e/o decor...
  • Piastrelle in travertino Le piastrelle sono caratterizzate da uno spessore compreso in linea di massima fra i 4 e i 15 mm e possono avere le forme più disparate: dal quadrato all'esagono, dal rombo al rettangolo. Talvolta può...
  • Tipologia di pavimentazione per piscine Il pavimento per la piscina deve essere scelto ponendo particolare attenzione ad alcune sue caratteristiche come il grip, la colorazione e le dimensioni delle piastrelle. Per legge le piastrelle desti...
  • Pavimentazione da giardino La pavimentazione giardino ha due scopi essenziali: permette di proteggere i vialetti di accesso e le zone calpestabili dalle intemperie e migliora l'aspetto decorativo del giardino stesso, contribuen...

DELIPOP guanti da giardinaggio con artigli per la scavatura del pacchetto di piantagione di 2 coppie (artiglio destro + artiglio sinistro)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Gli svantaggi dell'uso del tufo

Muro di tufo Nonostante i numerosi pregi, il tufo è un materiale che presenta anche alcuni difetti. Quello che appare più immediato è la sua fragilità strutturale: infatti le caratteristiche della sua struttura (il fatto che vi sono vuoti all'interno e che sia molto poroso) possono provocare fenomeni di compattamento con danneggiamento dei blocchi stessi. L'alta porosità può provocare ulteriori problemi in alcuni tipi di tufi: le rocce non sono tutte uguali e alcune assorbono di più l'acqua rispetto ad altre più compatte. Se il grado di porosità è molto alto non solo i blocchi di tufo possono assorbire troppa umidità e quindi gelare in presenza di temperature rigide, ma sono anche molto meno resistenti. Per questo è importante scegliere bene la cava di provenienza del materiale. Infine hanno un basso livello di trasmissione termica.


Blocchi di tufo: Come usare i blocchi di tufo nel fai da te

Pavimentazione in tufo L'uso dei blocchi di tufo nel fai da te avviene sia per le costruzioni di muri o aiuole che per le pavimentazioni. Nel primo caso la messa in posa si effettua usando come legante della malta bastarda o della calce a seconda delle caratteristiche del tufo. Data la tenerezza della roccia è possibile sagomare i blocchi di tufo a piacere tagliandoli con una sega apposita dotata di due manici e di una lama trapezoidale (assomiglia a quella per tagliare la legna). L’assemblaggio consiste nello stendere uno strato di malta di 2 centimetri con una cazzuola tra un blocco e l'altro. Se nel muro sono previste più file di blocchi, si inizia alternando un blocco tagliato a metà con uno intero così che i giunti verticali abbiano la stessa altezza. Nel caso di facciate a vista è bene passare una mano di intonaco dopo che il tufo si è indurito a contatto con l’aria: questo eviterà la formazione di polveri. La pavimentazione con i blocchi di tufo prevede di stendere uno strato di sabbia come supporto: una volta posizionati gli elementi riempite le fughe con un misto di cemento e sabbia o con terriccio per il prato.



COMMENTI SULL' ARTICOLO