Pompe di calore geotermiche

Cosa sono le pompe di calore geotermiche

Le pompe di calore geotermiche sono degli impianti di riscaldamento/condizionamento degli edifici che funzionano grazie allo scambio termico con il sottosuolo. Tale scambio avviene appunto per mezzo di una pompa di calore. Si tratta di una fonte di energia rinnovabile, quindi adatta a chi ricerca uno stile di vita ecosostenibile. Il calore utilizzato, infatti, proviene dal centro della Terra, appunto fonte inesauribile di materia. Ovviamente, una pompa di calore necessita di energia elettrica per funzionare. Gli ecologisti ben sapranno che tale energia si ricava a partire da combustibili fossili (come petrolio e carbone), quindi per una scelta più green sarà necessario optare per sistemi alternativi (ad esempio un piccolo impianto eolico ove vi siano le condizioni per utilizzarlo). Un esperto del settore saprà ben consigliarvi sulle varie possibilità di impianto.
Esempio di pompa di calore geotermica

Blu Ionic Power Filter - set di ricambio, unità filtro di ricambio inclusa. Piatto sifone in acciaio inox e anelli di guarnizione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,9€
(Risparmi 5€)


Come funziona una pompa di calore geotermica

Funzionamento della pompa di calore La pompa di calore permette uno scambio di temperatura tra una determinata sorgente ed un pozzo, dove la prima sarà sempre a qualche grado in meno rispetto al secondo. Grazie a questo principio la pompa consente sia di riscaldare che di raffreddare gli ambienti domestici. Il suo funzionamento è molto semplice. In estate il sottosuolo avrà il ruolo di sorgente: possiederà una temperatura minore dell'abitazione (appunto il pozzo) e quindi sottrarrà tepore a quest’ultima rinfrescando gli ambienti. In inverno i ruoli si invertiranno: sarà la casa ad essere la sorgente ed a togliere calore alla Terra per riscaldare i locali. Si avrà così una temperatura costante di 18°C per tutta la durata dell’anno. Lo scambio di calore potrà avvenire in tre differenti modalità. La prima si chiama scambio diretto, ovvero quando il condensatore della pompa di calore è a diretto contatto con il sottosuolo. Vi è poi l’impianto a circuito chiuso, con la presenza di un circuito idraulico nel quale scorre un fluido termovettore. Ed infine l’impianto a circuito aperto, nel quale lo scambio avviene in un’acqua di falda. La scelta del circuito migliore spetterà ad un tecnico professionista del settore.

  • Esempio di caminetto a bioetanolo I caminetti a bioetanolo sono sempre più presenti all'interno delle case italiane: il successo di questo tipo di riscaldamento è dovuto proprio alle caratteristiche del combustibile usato. Il bioetano...
  • Esempio di impianto di fitodepurazione Gli impianti di fitodepurazione possono costituire un vero e proprio trattamento secondario a valle dei pretrattamenti, oppure un trattamento terziario dopo i più comuni impianti di depurazione in cas...
  • impianto fotovoltaico La progettazione d'impianti fotovoltaici è una procedura che richiede una particolare esperienza. Sono molti i dati da considerare e confrontare tra loro per ottenere l'impianto perfetto. Le ditte spe...
  • Quadro elettrico di un’abitazione Ogni impianto elettrico realizzato a norma di legge è dotato di un quadro elettrico. Seguendo ipoteticamente il circuito dell’impianto, il quadro si trova dopo il contatore elettrico. Il quadro ha l’i...

Amzdeal® Kit pompa da vuoto manuale per spurgo freni, per automobili e motocicli Spurgo freni spurgo frizione spurgo freni auto Tester pompa vuoto impianto idraulico freni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,99€


Costi di un impianto

Sistema per la distribuzione del calore in casa Le pompe di calore geotermiche hanno alti costi di installazione. Un sistema completo può partire da un minimo di 10.000,00 euro, fino ad un massimo di 25.000,00 euro. Un impianto rientrante in questo budget sarà sufficiente per climatizzare un’abitazione di 100 metri quadri. A questa cifra bisognerà aggiungere il costo del sistema di distribuzione del calore all’interno della casa. Si tratta solitamente di impianti a pavimento, anch’essi con un valore intorno ai 10.000,00 euro. Tuttavia tali pompe hanno bassissimi costi di mantenimento, quindi in sostanza si tratta di un investimento a medio-lungo termine. In effetti si potrà beneficiare di incentivi fiscali che con il tempo rimborseranno parte della spesa effettuata. Ciò si avrà soprattutto nel caso in cui si decida di sostituire il vecchio impianto con una pompa di calore, godendo delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica dell’edificio (con un rimborso del 65% sul totale).


Pompe di calore geotermiche: Caratteristiche da soddisfare per l’installazione

Esempio di pannello radiante L’installazione di una pompa di calore non è possibile in qualsiasi abitazione. Vi sono infatti dei requisiti fondamentali da soddisfare. Innanzitutto deve esserci la possibilità di accedere liberamente al sottosuolo, quindi bisogna trovarsi un’area senza vincoli di perforazione. Bisognerà poi effettuare una perizia geotermica per stabilire la qualità del terreno (se presenta o meno la capacità di trasportare calore). Un aspetto a favore sarebbe la presenza di una falda acquifera, dato che l’acqua aumenta il rendimento di un impianto. Tuttavia molte falde sono protette, quindi bisognerà trovarsi in presenza di una accessibile. Infine, dato che le pompe geotermiche sono dotate di pannelli radiati che verranno installati nell’abitazione, si richiede necessariamente che quest’ultima abbia un buon isolamento termico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO