Tegole in laterizio

Che cosa sono le tegole in laterizio

Tra i sistemi più antichi usati per realizzare la copertura del tetto c'è quello basato sull'impiego delle tegole in laterizio. Questi elementi modulari sono l'ideale per proteggere gli ambienti sottotetto dai raggi del sole, dagli agenti atmosferici e dalle infiltrazioni di acqua piovana. In questo caso si ottengono dei veri e propri manti di tegole in argilla che garantiscono un riparo adeguato e continuo. Si consiglia di usare le tegole in laterizio per la copertura del tetto soprattutto nello zone climatiche temperate, con temperature miti e che non sono eccessivamente piovose. Infatti, proprio a causa del materiale con cui sono fatte, le tegole in laterizio possono assorbire acqua in una quantità tale che può raggiungere il 20% del peso di ogni singolo elemento. In questo caso, soprattutto nelle zone molto piovose, possono verificarsi infiltrazioni interstiziali e rigonfiamenti a causa del gelo invernale.
Tetto in tegole in laterizio

Tegola Portoghese in plastica color cotto - 72 pezzi - tegole tetto coppo terracotta (Escluse viti di sissaggio)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 151€


Come realizzare una copertura tetto in tegole

Tegole in laterizio colorate Per realizzare una copertura tetto in tegole in laterizio bisogna posare gli elementi modulari su cordoli di malta oppure su di un graticcio di listelli lignei: nel primo caso la posa non avviene direttamente sulla struttura del tetto. In genere i listelli sono lunghi circa 2 metri, hanno una sezione di 4x4 cm, sono in legno di abete e posti a una certa distanza l'uno dall'altro per permettere la circolazione dell'aria. Per lo stesso motivo i cordoli di malta sono interrotti ogni 2 metri. Infatti il tetto deve poter respirare per garantire la buona tenuta della struttura; di conseguenza, per garantire una buona movimentazione d'aria, si installano almeno due aeratori per ogni 6-8 metri quadrati. Le tecniche in messa in posa cambiano a seconda della tipologia di tegole in laterizio che si sta utilizzando. Infatti le caratteristiche e la forma degli elementi sono diversi. Ad esempio la tegola romana viene posata in file allineate e si alterna con i coppi, in quanto ha una lunghezza di 42 cm, una forma trapezoidale con i bordi rialzati sui lati obliqui e una superficie piana.

  • Tipologia di tegole Fra i tipi di tegole più comunemente adoperate alle nostre latitudini ci sono le tegole piane note anche con il nome di tegole romane o embrici. Si adoperano sempre assieme ai coppi che hanno la funzi...
  • Tetto di tegole portoghesi Le tegole portoghesi hanno un ottimo aspetto estetico e una grande funzionalità: infatti uniscono le caratteristiche sia dei coppi che delle tegole piatte. In pratica possono essere considerate una vi...
  • Tegole vecchie L'invecchiamento delle tegole può essere ottenuto con verniciatura o in modo naturale con l'azione del sole o della pioggia nel tempo. Nel primo caso, viene utilizzata una vernice a livello superficia...
  • Tegole dipinte Le tegole dipinte sono elementi decorativi di grande impatto estetico che possono essere più o meno ornate e consentono di realizzare coperture uniche, personalizzate e veramente spettacolari. In alte...

MVPOWER Pensilina Tettoia per Porta Balcone Esterno Tenda da Veranda Pensilina Alveolare in Policarbonato (190*98.5cm, Nero)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 68,99€


Tegole in laterizio: Varie tipologie di tegole in laterizio per tetti

Esistono diverse tipologie di tegole in laterizio: quelle più comuni appartengono al modello portoghese. Si caratterizzano per essere rettangolari e per avere una parte piana e una curva, quest'ultima posta verso il basso dalla sezione con la concavità. La parte piana assicura il deflusso dell'acqua piovana e quella curva garantisce alla copertura del tetto il caratteristico aspetto ondulato e una buona resistenza. Molto tradizionali sono le tegole marsigliesi, piane, rettangolari e dotate di un rialzo centrale per l'incastro e di una scanalatura centrale. Hanno un doppio punto d'incastro, uno verticale e uno orizzontale e verticale, così da proteggere dalle infiltrazioni e da evitare che in caso di forte vento penetrino negli ambienti sottotetto correnti d'aria. Queste tegole in laterizio hanno una buona tenuta all'acqua e possono essere adottate anche per tetti curvi o dalla forma particolare. Infine i coppi, chiamati anche tegole a canale, rappresentano la tipologia più diffusa storicamente in Italia in quanto già usata al tempo dell'Antica Roma. Hanno una forma curvilinea e si dispongono in file allineate.



COMMENTI SULL' ARTICOLO