Parcheggi condominiali

A chi spetta la proprietà

Secondo la legge, i parcheggi condominiali costituiscono parti comuni del condominio. Di conseguenza, la proprietà degli spazi destinati al parcheggio spetta a tutti i condomini, i quali hanno il diritto di servirsene (senza impedirne agli altri il godimento). Le parti comuni del condominio hanno la funzione di soddisfare tutti gli abitanti. In questo modo, viene assicurato l'utilizzo ed il godimento collettivo delle aree di parcheggio, che sono accessorie rispetto alle singole unità abitative. Questo è valido a meno che non sia presente una disposizione del regolamento di condominio (oppure una delibera assembleare) che riservi un parcheggio condominiale alla proprietà esclusiva di un particolare condomino. In questo caso, il godimento dello spazio spettarà esclusivamente al singolo abitante.
Parcheggi condominiali

FARFISA 1 MPW citofono casa unifamiliare, 10 W, 230 V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 63,76€


L'organizzazione e la gestione delle innovazioni

Organizzazione parcheggio L'organizzazione dei parcheggi condominiali nello spazio comune può svolgersi in modalità diversa a seconda delle circostanze. Possono esistere veri e propri locali interni che fungono da box, oppure un cortile condominiale ripartito in posti auto. Ancora, il regolamento può prevedere un utilizzo libero delle aree destinate al parcheggio, con i condomini che di volta in volta scelgono dove sostare. La gestione dei parcheggi condominiali spetta all'assemblea di condominio. In particolare, per la realizzazione di nuovi parcheggi è necessaria l'autorizzazione della maggioranza dei presenti, che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio. Invece, per un miglioramento dell'utilizzo dei parcheggi esistenti, occorre una maggioranza che rappresenti almeno i 2/3 del valore del fabbricato.

  • Posto auto di fronte a casa Il posto auto scoperto può essere ricavato in una zona esterna dell'abitazione. Non occorrono particolari interventi strutturali e si può semplicemente ricorrere alla delimitazione della zona con un e...
  • Lavori di manutenzione di stabili Le spese di manutenzione degli stabili sono solitamente suddivise fra tutti i condomini che abitano nello stabile stesso. In genere le spese per la manutenzione vengono suddivise fra spese di ordinari...
  • Edificio che ospita un condominio Quando ci si chiede come diventare amministratore di condominio, pochi si rendono conto che non esiste un iter specifico, in quanto questa figura non è regolata da alcuna legge. Di conseguenza, chiunq...
  • Le spese condominiali Le spese condominiali sono quelle che riguardano la gestione delle aree comuni e dei servizi condominiali, come l'ascensore, il riscaldamento e le scale. Si dividono in spese ordinarie e straordinarie...

Faro 33319 Ventilatore da Soffitto con Luce Veneto, Beige

Prezzo: in offerta su Amazon a: 120,1€


Parcheggi condominiali: Diritti e vincoli

Diritti vincoli Come in precedenza descritto, un singolo posto macchina può anche appartenere all'esclusiva proprietà di un abitante dello stabile. In questo caso, gli altri condomini non vantano diritti su quell'area: quindi, non vi possono sostare con la propria auto. Fino al 2006, la legge stabiliva che i parcheggi condominiali fossero legati da un "vincolo di pertinenzialità" con l'unità abitativa di riferimento. Di conseguenza, il proprietario dell'appartamento non poteva vendere il proprio posto auto separatamente dalla propria abitazione. Dal dicembre 2006 la legge consente al condomino di alienare il solo spazio destinato al parcheggio, anche a terzi estranei alla comunità condominiale. In questo senso, le aree di parcheggio sono attualmente considerate autonome rispetto agli appartamenti condominiali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO