Pannelli solari sottovuoto

Energia solare termica: i pannelli solari sottovuoto

Il mercato del solare termico ha conosciuto negli ultimi anni una grande espansione, grazie soprattutto agli incentivi fiscali a favore delle energie rinnovabili. Molte sono le abitazioni che sfruttano l'energia solare per produrre in proprio elettricità e acqua calda sanitaria, una soluzione che si traduce nel quotidiano con un grande risparmio economico nella bolletta energetica.Chi è interessato al solare termico può scegliere tra due tipi di collettori, quelli piani (vetrati o no) e quelli a tubi sottovuoto, chiamati anche Heat-Pipe, che oggi prendiamo in esame. Nonostante l'aspetto diverso, il funzionamento base delle due tipologie di pannello è simile: il collettore, infatti, assorbe l’energia dal sole e la trasforma in calore che a sua volta riscalda l'acqua che scorre nei tubi posti al loro interno.
pannelli solari sottovuoto

1byone Pannello Solare, Caricatore Portatile Richiudibile 24W con 2 Porte USB, per iPhone,iPad, iPods, Samsung, Android,Tablet e Tutti i Device con USB, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Funzionamento dei collettori sottovuoto

esempio pannelli solari sottovuoto I collettori sottovuoto sono caratterizzati da un alto grado efficienza, superiore del 20% circa a quella dei più comuni collettori piani. Questo tipo di pannelli, infatti, funziona anche a temperature molto basse e con cielo nuvoloso, motivo per cui sono molto diffusi nel nordeuropa.I pannelli sono formati da una serie di tubi di vetro paralleli, ognuno dei quali ne contiene un altro più piccolo trattato con vernice scura in grado di catturare le radiazioni solari. Lo spazio tra i due tubi è vuoto, in modo da creare un isolante termico che impedisce la dispersione del calore verso l'esterno. Dentro il tubo più piccolo si trova una soluzione a base di alcol in grado di evaporare anche a basse temperature. L'alcol riscaldandosi risale lungo il tubo, si condensa, raffredda e cede calore all'acqua che scorre nel collettore di raccolta, cui ogni tubo è collegato con un attacco a baionetta.

  • Sistema solare sul tetto L'acqua calda che viene prodotta da un impianto solare termico può essere utilizzata per usi sanitari, come in cucina o in bagno. Un collettore solare può anche fare da integrazione ad un sistema di r...
  • Impianto a pannelli fotovoltaici Uno dei più importanti vantaggi derivanti dall'installazione di un impianto fotovoltaico è rappresentato dal risparmio economico che ne deriva. Grazie al fatto che l'impianto permette di rendersi auto...
  • Le nuove celle solari Le celle solari sono quelle parti di fondamentale importanza, che costituiscono i pannelli solari. Grazie a queste, l'energia solare che viene sprigionata dal sole, viene trasformata in energia elettr...
  • Pannello solare termico Esistono due tipologie fondamentali di pannelli solari: quelli cosiddetti termici e quelli fotovoltaici. Per comprendere come costruire un pannello solare occorre prima di tutto decidere quale delle d...

Sunix® 20A Pannello solare regolatore della carica Regolatore di carica con USB intelligente, display a LED 12V-24V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€
(Risparmi 10€)


Pannelli solari sottovuoto: Vantaggi e svantaggi

vantaggi pannelli solari sottovuoto Questo tipo di impianto solare termico può essere utilizzato sia per l'acqua calda sanitaria che per il riscaldamento dell'abitazione. Il vantaggio principale dei pannelli solari sottovuoto è che sono in grado di funzionare efficacemente anche con temperature basse e scarso irraggiamento. Quindi le loro potenzialità vengono sfruttate soprattutto nei mesi invernali e nelle zone a clima più freddo. Da questo punto di vista è evidente che, almeno in alcune zone, la loro installazione è più vantaggiosa rispetto ai pannelli piani. Facendo un ulteriore confronto con questi ultimi, a parità di prestazioni i collettori a tubo occupano una superficie minore.

Ma c'è anche il rovescio della medaglia: il loro prezzo è più alto rispetto ai collettori piani, inoltre necessitano di grande attenzione e perizia nell'installazione. É stato infatti calcolato che un impianto realizzato male rischia di perdere in pochi anni oltre il 50% dell'efficenza.



COMMENTI SULL' ARTICOLO