Pulizia e lucidatura oggetti in argento, alluminio, rame, ottone

Pulizia e lucidatura oggetti in argento e alluminio

Per procedere con la Pulizia e lucidatura oggetti in argento, alluminio, rame, ottone è importante conoscere le proprietà tecniche dei differenti metalli.

L'argento è un materiale che ha la tendenza ad annerirsi. Il metodo da utilizzare per la pulizia è il seguente: si consiglia di rivestire una pentola con carta alluminio e versare sul fondo del sale grosso; poi posizionare gli oggetti da pulire e versarci sopra acqua calda ma non bollente. Anche la pulizia dell'alluminio prevede trattamenti specifici. Per infissi ossidati, si suggerisce di strofinare con acqua e sapone, poi con una spugna imbevuta di acqua ossigenata ed infine con una tela smeriglio. Per l'oggettistica si preferisca il bicarbonato di sodio, eccellente disossidante.

Pulizia argento

Hakkin - Set di spazzole a disco di tipi diversi, 36 pezzi, adatte per lavori di pulizia, lucidatura e smerigliatura, in ottone e metallo, con manico in acciaio, per utensili Dremel Rotary

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,28€
(Risparmi 13,67€)


Pulizia e lucidatura oggetti in argento, alluminio, rame, ottone: Pulizia e lucidatura oggetti in rame e ottone

Pulizia rame e ottone Il rame è un materiale soggetto alla formazione di macchie. Per rimuoverle con un metodo casalingo conviene preparare una soluzione di aceto e sale ed utilizzarla sulla superficie imbevendo una spugna, o si può applicare un poco di dentifricio sulle parti macchiate e strofinare delicatamente. Anche l'ottone può essere pulito facilmente mediante una spugna. In questo caso è necessario preparare una soluzione di mezzo bicchiere di aceto, 2 di sale, 1 limone e 2 cucchiai di detersivo per i piatti. Altro metodo consiste nello strofinare un limone ricoperto di sale direttamente sull'ottone.

    IP65 220 V Controller di pressione di pompa ad acqua pressostato automatico elettronico Controller di pressione con Gauge casa accessorio

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 40,99€



    COMMENTI SULL' ARTICOLO