Come costruire un acquario

Come costruire un acquario d'acqua dolce

Come costruire un acquario è una domanda che si pongono in molte persone che amano i pesci ma non vogliono spendere grosse cifre per una vasca. In genere è preferibile iniziare con un acquario di acqua dolce, infatti quelli marini devono essere maggiormente curati e necessitano di una manutenzione continua. In più si devono gestire sia le cure dei delicati pesci marini che la salinità dell’acqua. Vediamo quindi come costruire un acquario di acqua dolce di medie dimensioni, circa 100x50x50 centimetri, e della capacità di circa 250 litri per poterne gestire la manutenzione in tutte le sue fasi. Uno dei materiali più usati è il plexigas, trasparente e termoplastico, molto più economico e leggero rispetto al vetro. In questo modo l'acquario realizzato sarà molto più pratico ma sempre molto resistente.
Acquario con pesci

[51 LED UV Luce] OxyLED® UV Rilevatore Macchia & Urina Animale Domestico, Luce Nera / Torcia, Trovare Macchie su Abbigliamento, Moquette o Tappeti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,54€
(Risparmi 6,45€)


Come costruire un acquario: le dimensioni

Acquario decorativo in casa L'uso del plexigas per costruire l'acquario consente di personalizzare il risultato, ma prima è necessario decidere quanti pesci dovranno vivere al suo interno e a quale tipo appartengono: ciò servirà anche a calcolare le dimensioni. Per un pesce di due centimetri occorrono almeno 3 litri d'acqua di volume. Ad esempio, per una capacità di 120 litri l'acquario dovrà essere di 48x24x24 centimetri. Inoltre le dimensioni dipendono anche dal tempo che si può dedicare ai pesci: più un acquario è piccolo e meno pesci conterrà. Di conseguenza si potrà seguire meglio ogni singolo esemplare. Una volta calcolata la capacità dell'acquario in centimetri cubici, si potrà trasformare questa misura nell'altezza e nella lunghezza di ogni singolo pannello. Ricordatevi che lo spessore dei pannelli deve essere sufficiente per evitare crepe a causa della pressione dell'acqua.

  • Esempio di acquario Entrando in un negozio specializzato per la vendita di accessori da acquario, si può ipotizzare che la scelta degli elementi necessari per allestire un acquario sia troppo complicata. Il numero di gad...

Purovi® KIT per CURA e DECORAZIONE di Acquari e Terrari | Forbici Pinzette Tenaglie | Cura botanica e Aquascaping | Potatura di orchidee e bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,95€


L'unione delle lastre di plexigas con il sigillante

Acquario con coperchio Per sapere come costruire un acquario di plexigas si deve avere a disposizione del materiale adatto: le lastre devono essere colate e senza cuciture. Ciò è necessario perché resista senza creparsi o rompersi. Anche per evitare eventuali rotture è bene progettare una struttura dove il coperchio non sia agganciato ma sovrapposto, così che non faccia forza sul telaio e sui pannelli. L'ordine del materiale deve comprendere anche il taglio perché è molto difficile tagliare il plexigas in linea retta. I pannelli devono combaciare perfettamente senza spazi vuoti, sbavature o abrasioni. Il fissaggio avviene con sigillante senza premere eccessivamente. Quando si costruisce l'acquario è bene non rimuovere la pellicola protettiva dei pannelli, perché il materiale adesivo macchia la superficie del plexigas.


Gli accessori e le decorazioni dell'acquario

Esempio di acquario Una volta che si è applicato il silicone lungo i giunti con una siringa, lasciate per 12 ore l'acquario all'aria aperta così da far asciugare la colla. Infine si deve lavare l'interno dell'acquario prima di riempirlo d'acqua usando un detergente neutro. Ricordatevi anche che al posto del plexigas si può usare anche il forex, materiale vetroso completamente atossico: in questo modo non si comprometterà l'habitat dei pesci. In ogni caso, dopo aver montato la struttura, si deve riempire l'acquario d'acqua così da potersi accertare che non vi siano perdite. Per costruire un acquario originale si possono inserire alcune decorazioni: fare attenzione a non inserire oggetti di metallo perché rilasciano microelementi dannosi per i pesci. Vanno bene la terracotta e le plastiche per acquari. Una pianta è l'ideale per ossigenare al meglio l'acqua.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO