La dichiarazione di conformita impianto elettrico

Dichiarazione di conformità impianto elettrico, un documento necessario

Il decreto ministeriale 37/2008 regola le procedure di installazione, trasformazione e ampliamento degli impianti elettrici da parte delle imprese del settore, nel rispetto di precise norme di sicurezza. La dichiarazione di conformità impianto elettrico, infatti, è un documento molto importante che permette di tutelare il committente dei lavori e garantire l'idoneità dell'impianto elettrico presente all'interno della propria abitazione. Il decreto si applica a tutti quegli impianti elettrici presenti all'interno degli edifici, sia privati che pubblici, a prescindere dal loro scopo e dalla loro destinazione d'uso. La dichiarazione di conformità di un impianto elettrico deve essere rilasciata necessariamente da un'impresa specializzata, iscritta nel registro delle imprese, oppure da un installatore abilitato. Molto spesso questo documento, per quanto necessario, erroneamente non viene richiesto dal committente.
Revisione impianto elettrico

DAXGD 9 in 1 corredo fibra ottica FTTH strumento con l'FC-6S mannaia della fibra e misuratore di potenza ottica 5 km visivo guasti Wire stripper

Prezzo: in offerta su Amazon a: 68,9€
(Risparmi 6,7€)


Cos'è riportato sulla dichiarazione di conformità di un impianto?

revisione impianto elettrico Qualsiasi ditta o singolo professionista del settore abbia svolto un lavoro di modifica o di installazione di un impianto elettrico deve rilasciare al proprietario dell'immobile la dichiarazione di conformità impianto elettrico. All'interno di questo documento sono riportare tutte le notizie relative ai lavori effettuati: i materiali utilizzati per l'installazione la modifica, il progetto e i vari moduli allegati. Nel caso in cui l'unità abitativa superi i 400 mq e la potenza erogata dal contatore è superiore ai 6 KW, il progetto deve essere firmato da un tecnico abilitato, come un architetto o un ingegnere. Nel caso in cui i lavori effettuati riguardino soltanto la modifica di una parte dell'impianto già esistente, la documentazione di conformità sarà relativa esclusivamente alla sezione modificata. Nonostante ciò è indispensabile che l'impresa o il professionista che effettua i lavori si assicuri della sicurezza e dell'idoneità dell'impianto elettrico

  • Lavori su impianto elettrico La cosiddetta Dichiarazione di conformità impianto elettrico è una documentazione in cui viene certificato che un dato impianto elettrico appena installato è pienamente conforme alla legge. Questo sta...
  • Verifiche su impianto elettrico Quando viene costruito un immobile e vengono realizzati gli impianti idrici ed elettrici, il professionista abilitato o l'impresa che ha edificato la casa, produce un apposito modulo che dichiara che ...

Eventronic 560 pezzi Guaine Termorestringenti Tubo Termorestringente Per Cavi Elettrici Tubo termoretraibile Car Electrical Wire Tubing 5 colori 12 Taglia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,59€
(Risparmi 3,4€)


A cosa serve la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico

revisione conformità impianto La dichiarazione di conformità impianto elettrico è, inoltre, un documento da possedere obbligatoriamente in due casi in particolare, ovvero sia quando bisogna garantire l'agibilità di un immobile sia per l'allaccio di nuove utenze all'interno dell'unità abitativa. Nel primo caso, infatti, il committente dei lavori deve presentare questa dichiarazione di conformità presso lo sportello unico dell'edilizia, entro e non oltre i 30 giorni successivi al termine dei lavori. Successivamente gli uffici di pertinenza di ciascun comune si occuperanno di inviare tutta la documentazione necessaria direttamente alla Camera di Commercio. Nel secondo caso, invece, il proprietario di casa è tenuto a presentare obbligatoriamente la dichiarazione di conformità agli enti che erogano i servizi, ovvero quelli del gas, della luce e dell'acqua.


La dichiarazione di conformita impianto elettrico: Riqualifica impianti vecchi

professionista impianto elettrico Nel caso in cui la dichiarazione di conformità impianto elettrico non sia disponibile, si può sostituire la documentazione con la Dichiarazione di rispondenza, soltanto per tutti quegli impianti effettuati prima dell'entrata in vigore del decreto del 2008. Questa documentazione alternativa deve essere fornita da un tecnico qualificato di un'impresa o da un impiantista, che esercitano la professione da almeno 5 anni. Ogni ditta deve possedere precisi requisiti tecnici e professionali, in particolar modo deve essere iscritta all'albo delle ditte artigiane oppure nel registro delle imprese. Nel caso in cui ad effettuare i lavori sia un singolo elettricista, costui deve essere altamente qualificato, possedere necessariamente requisiti tecnico-professionali ed esperienze di almeno 5 anni nel settore. Infatti il committente è il diretto responsabile nella scelta della ditta che effettua l'intervento.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO