Pompa di calore acqua acqua

Cos’è la pompa di calore acqua acqua

Una pompa di calore acqua/acqua è semplicemente una macchina per la produzione di energia termica tramite fonti di energia rinnovabile. Permette sia di riscaldare gli ambienti che l’acqua di casa, ma anche di cucinare. Una pompa di calore acqua/acqua, per funzionare, deve trovarsi in prossimità di una falda acquifera. La pompa ricaverà così il calore utile dalla falda, che non scende sotto i 7°C nemmeno in pieno inverno, e produrrà energia utile all’ambiente domestico. Ovviamente, per funzionare, queste macchine hanno bisogno di energia elettrica. È però sempre possibile ricorrere all’energia rinnovabile alimentando la pompa con un impianto fotovoltaico o eolico. Ciò comporterà un risparmio economico non indifferente, oltre all’utilizzo sano della natura e di ciò che ci mette a disposizione.
Pompa di calore acqua/acqua

90W Nordstrand 1 Bar Booster Pompa Acqua Alta Pressione per Doccia e Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50,99€


Come usare una pompa di calore acqua acqua

Esempio di impianto finito Se sotto la propria casa vi è una falda acquifera e si sta valutando l’utilizzo di una pompa di calore acqua/acqua per il riscaldamento domestico, saranno necessari alcuni passaggi fondamentali. Per prima cosa uno specialista del settore dovrà effettuare un’analisi geologica del terreno, in modo da stimare la quantità d’acqua disponibile ed il flusso di scorrimento. Una volta stabilito che la pompa di calore avrà sufficiente materia prima per funzionare, si dovranno costruire due pozzi: uno per il prelievo dell’acqua di falda ed uno per la restituzione dell’acqua alla falda. Ovviamente la precedente analisi geologica stabilirà anche se il terreno è in grado di reggere tali pozzi e la massa d’acqua che conterranno. Successivamente la pompa verrà collegata ai pozzi. Non rimarrà ora che registrare la quantità di prelievo dell’acqua a seconda dei tempi di ricarica della falda e mettere in funzione l’impianto.

  • Schema pompa di calore La pompa di calore è un dispositivo che rientra tra le tecnologie per l'efficienza energetica di un immobile e che quindi permettono di ridurre i consumi energetici sia per quanto riguarda il riscalda...
  • Esempio di pompa di calore aria-acqua Una pompa di calore aria-acqua è una macchina elettrica costruita con lo scopo di trasferire energia termica da un punto con bassa temperatura ad un’altra zona con temperatura più alta. Si tratta però...
  • Riscaldamento in casa Quando si pensa come risparmiare sul riscaldamento pochi si rendono conto che ciò è possibile mettendo in atto semplici accorgimenti e seguendo alcune regole base. Innanzitutto è bene effettuare una r...
  • Geotermia L'energia geotermica proviene dalla crosta terrestre e dal calore esterno prodotto dal sole. L'impianto geotermico attinge a questa enorme quantità di calore con delle pompe di calore che estraggono l...

Split per aria/acqua pompa di calore Power Inverter 380 V Mitsubishi puhz-sw120yha – 16,0 kW

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7500€


Le detrazioni fiscali

Cosa può alimentare una pompa di calore Trattandosi di uno strumento che in qualche modo salvaguarda l’ambiente, una pompa di calore acqua/acqua gode di varie agevolazioni fiscali. Prima fra tutte la legge Tremonti Ter (Dl 78/2009) che prevede una detassazione per quanti investono su tali pompe. Questo implica una deduzione del 50% sul costo d’acquisto, con un considerevole risparmio economico. Un capitolo importante è poi quello dell’IVA agevolata. Qui sarà possibile, a seconda degli interventi, applicare una detrazione diversa. Per lavori in ambito edilizio, infatti, si beneficia dell’IVA agevolata al 4%. Per ristrutturazioni, manutenzioni ordinarie e straordinarie, invece, si potrà applicare l’IVA ridotta al 10%. Infine, alcuni particolari impianti di pompe di calore godranno della detrazione fiscale IRPEF del 65%. Gli impianti in questione vengono specificati nel decreto legislativo 28/2011.


Pompa di calore acqua acqua: Costo di una pompa di calore

Unità esterna della pompa di calore Le detrazioni fiscali applicate sono di certo un valido invito ad acquistare una pompa di calore acqua/acqua, ma bisogna pur sempre ricordare che tali detrazioni non vengono scontate sul prezzo d’acquisto, bensì verranno rimborsate al compratore nel corso degli anni successivi. Viene quindi da chiedersi quale sia la somma iniziale da investire per tale impianto. Una buona pompa di calore deve avere almeno 10 kw di potenza, per un costo complessivo di quasi 3.500,00 euro. A questa somma bisognerà aggiungere un boiler per l’utilizzo dell’acqua calda, il cui costo si aggirerà intorno ai 1.200,00 euro. Dovrà poi essere messa in conto la creazione dei due pozzi acquiferi, per un costo di circa 2.000,00 euro l’uno. E per finire anche la perizia geologica sarà a pagamento: il costo varierà a seconda del geologo interpellato, ma si aggira comunque intorno ai 1.700,00 euro. Non rimarrà che calcolare in quanto tempo si sarà in grado di ammortizzare la spesa, e decidere se procedere o meno con la realizzazione dell’impianto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO