I radiatori elettrici

Cos’è un radiatore elettrico

Quando si sente parlare di radiatori elettrici non si fa altro che citare una tipologia di riscaldamento che prevede l’utilizzo di dispositivi alimentati ad energia elettrica che successivamente viene trasformata in calore. I radiatori in questione, conosciuti anche come termosifoni elettrici possono essere trovati in commercio con caratteristiche costruttive diverse, appartenenti a molteplici categorie. Il calore viene prodotto grazie a un fenomeno fisico chiamato Effetto Joule possibile solamente con il passaggio della corrente all’interno di un materiale detto conduttore. Naturalmente bisogna considerare che ogni modello appartiene ad una fascia di prezzo che ne determina anche le funzioni equipaggiate all’interno del dispositivo, Per questo motivo la scelta va fatta valutando attentamente tutte le caratteristiche importanti dei radiatori elettrici.
Radiatore elettrico

Riscaldatori elettrici, Riscaldamento Bagno/Camera da Letto/Soggiorno, può Asciugare I Vestiti, Nessun Consumo di Ossigeno, Riscaldamento Veloce, Aspetto Elegante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 346,62€


Funzionamento dei radiatori elettrici

Radiatore elettrico ad olio Il sistema di riscaldamento formato da radiatori elettrici per poter funzionare e svolgere il suo dovere ha bisogno di corrente elettrica. Questo genere di alimentazione non serve solo per accendere il dispositivo, ma anche per la produzione di aria calda mediante l’Effetto Joule. Questo particolare effetto fisico si viene a verificare quando una qualsiasi corrente elettrica attraversa un materiale detto conduttore caratterizzato da una resistenza al passaggio dell’energia elettrica. Ed è proprio questa caratteristica che determina l’innalzamento della temperatura e quindi la produzione di calore. L’aria calda prodotta poi viene trasmessa in tutto l’ambiente generalmente mediante 3 sistemi, ossia convezione, irraggiamento o un mix tra i primi due metodi. La convezione fa si che l’aria che sta più vicina al radiatore elettrico si scaldi per poter salire e creare spazio che viene occupato dall’aria fredda. In questo modo si crea un circolo d’aria che permette di spargere il calore all’interno di un ambiente. Invece la metodologia per irraggiamento consiste semplicemente nel far emettere radiazioni elettromagnetiche al radiatore in questione. Queste onde, una volta incontrato un qualsiasi corpo, vengono assorbite da quest'ultimo che, di conseguenza, si riscalderà.

  • Esempio di valvola termostatica Le valvole termostatiche sono dei dispositivi che permettono la regolazione del liquido termovettore, che attraversa tutti gli elementi di un impianto di riscaldamento. L'utilizzo di queste valvole pe...
  • termosifone per riscaldare casa Il progetto dell'impianto di riscaldamento è una delle operazioni che vengono effettuate prima di costruire, o di ristrutturare, una costruzione. L'impianto è costituito infatti da una serie di tubatu...
  • Flusso di calore radiante I pannelli radianti a pavimento sono sistemi impiantistici che impiegano il medesimo meccanismo attraverso cui il calore del sole arriva fino a noi: l'irraggiamento.L'irraggiamento, diversamente dalla...
  • Camino centrale moderno Nell'opinione comune i caminetti sono a parete e hanno una forma classica, tuttavia negli ultimi anni questa idea ha subito un'evoluzione e si è adattata alle caratteristiche dei contesti moderni. Una...

Aigostar Oil Monster 33JHH - Radiatore elettrico 13 elementi con schermo a LED, Telecomando a distanza, Potenza 2500W. Design esclusivo.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 109,99€


Modelli di radiatori elettrici

Radiatore elettrico termoconvettore Le tipologie di radiatori elettrici maggiormente usate e diffuse sono sicuramente:

• Il radiatore ad olio, conosciuto moltissimo perché generalmente è montato su ruote per facilitarne il trasporto. La resistenza che produce calore al passaggio della corrente elettrica è totalmente immersa in un particolare olio che serve come accumulatore di calore. Questo particolare sistema serve a continuare a fornire calore anche se il radiatore viene spento. Inoltre vi è da citare il fatto che questo genere di dispositivo è equipaggiato con un termostato che confronta la temperatura del radiatore con quella esterna, in modo da poter interrompere l’alimentazione quando si è raggiunta la temperatura desiderata;

• I termoconvettori invece sono caratterizzati da una resistenza costituita da materiale ceramico che viene inserita all’interno di un dissipatore in alluminio. Questa ha la capacità di aumentare la superficie di contatto con l’aria che viene scaldata. L’aria fredda invece viene aspirata all’interno del radiatore elettrico mediante una o più ventole mediante feritorie.


I radiatori elettrici: Calcolo del consumo

Radiatore convezione Per quanto concerne il calcolo del consumo da parte di questi dispositivi vi è da dire che non è molto semplice da fare dato che vanno considerate tantissime variabili collegate non solo alle caratteristiche tecniche del radiatore preso in considerazione, ma anche all’immobile che si sta tentando di riscaldare. Generalmente per poter stabilire il consumo effettuato da questo dispositivo viene preso in considerazione:

• volume della stanza o immobile che deve essere riscaldato

• tipologia di isolamento termico applicato all’edificio, ossia la sua capacità di impedire al calore di uscire verso l’esterno

• termostato del termosifone, nello specifico l’intervallo di tempo esistente tra la temperatura del radiatore e quella esterna (minore è questo intervallo, maggiore sarà il risparmio energetico)

• latitudine

In linea di massima, per riscaldare un ambiente di circa 30mq con un radiatore di circa 800 Watt, la spesa si aggirerà intorno ai 0.15€ all’ora.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO