Radiatori elettrici

Cosa sono i radiatori elettrici

Al giorno d’oggi le abitazioni sono per la stragrande maggioranza dotate di impianto di riscaldamento. Esso ha dei tempi di attivazione e impiega un determinato periodo a far si che i suoi vari elementi possano lavorare a pieno regime e riscaldare idealmente la casa, salvo perdite di carico e varie dispersioni. Alle volte per determinate esigenze o circostanze, è necessario conferire un adeguato calore in un determinato locale in tempi brevi o semplicemente si desidera rincasare e subitamente riscaldarsi mediante appositi calorifici addizionali. I radiatori elettrici sono l’ideale per le persone che esigono il confort e non intendono attendere oltre modo di potersi rilassare e riscaldarsi al riparo da quelle giornate fredde e umide. Quando si passa la maggior parte del tempo in una camera si tende al raffreddamento, infatti la temperatura corporea ha la tendenza ad abbassarsi quando ci si trova in una stanza in cui la temperatura è minore rispetto a quella del nostro organismo . I radiatori elettrici possono sopperire a problemi del genere, conferendo l’adeguato calore a far si che ci sia un riscaldamento equilibrato.
Un tipo di radiatore elettrico

De'Longhi TRRS0920 Radiatore ad Olio Elettrico, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 77,18€
(Risparmi 17,82€)


Radiatori elettrici e principi di funzionamento

Radiatore elettrico a 15 elementi Sostanzialmente vi sono due principi fisici di funzionamento in base ai quali i radiatori elettrici riscaldano gli ambienti, ovvero il principio dell’irraggiamento e il principio della cessione di calore per convenzione. Il principio per convenzione nei radiatori elettrici è quel processo fisico che si attua quando il flusso elettrico attraversa delle resistenze, le quali riscaldandosi cedono calore all’ambiente e viene diffuso mediante apposite ventole. La cessione di calore per irraggiamento invece prevede l’urto di oggetti ad una determinata distanza dal calorifero mediante onde elettromagnetiche, le quali vengono prodotte dalle resistenze riscaldate tramite il passaggio di corrente elettrica. I due principi di funzionamento presentano dei pro e dei contro. Per quanto riguarda i radiatori a cessione di calore per convenzione, questi sono colpevoli dell’incremento di polvere, la quale grazie alle ventole viene diffusa nella camera. Grazie alle alte prestazioni e alla grande quantità di calore che questo tipo di radiatori possono offrire, sebbene funzionali tendono ad essiccare l’aria. Il principio per irraggiamento è conveniente in quanto riscalda a sufficienza con costi minori.

  • Radiatore di design in casa Per un corretto funzionamento dell'impianto di riscaldamento e per non trovarsi impreparati all'arrivo della stagione invernale è di fondamentale importanza eseguire la manutenzione dei radiatori.Un c...
  • Ventilconvettore in ambiente I radiatori ventilati sono formati da una serie di elementi riscaldanti che traggono una maggiore resa in quanto dotati di ventole.Grazie a queste ventole, il calore prodotto viene spinto con maggiore...
  • Camino in casa Riscaldare gli ambienti della propria abitazione con un camino, garantisce un calore continuo e un notevole risparmio energetico per quanto riguarda l'acquisto del combustibile. Quando si sceglie come...
  • Modello di termosifone in alluminio I radiatori in alluminio hanno il vantaggio di essere molto leggeri e possono essere installati anche laddove non è possibile mettere radiatori aventi un peso notevole come ad esempio sui divisori rea...

Wärme Designer Radiatore riscaldamento Elettrico a muro a basso consumo energetico con Quadro di comando - 100% Ad alta efficienza energetica - Ultra Sottile (8cm) - 2Kw – Termostato Digitale Programmabile – Montaggio a muro (Mensola a muro Inclusa gratuitamente) - 2 Anni garanzia – Senza manutenzione – Riscaldatori elettrici ad alta efficienza energetica – Radiatori a Quadro elettrico – Radiatore elettrico con Termostato – Radiatore a basso consumo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 199,95€
(Risparmi 249,05€)


Varie tipologie di radiatori elettrici

Radiatore elettrico con 8 elementi In commercio vi sono una vasta gamma di radiatori elettrici. Le tipologie ne sono tante ma in comune hanno delle condizioni d’uso e normative di sicurezza. Infatti qualsiasi tipo di radiatore prima di essere commercializzato viene testato in laboratorio al fine di garantire la sicurezza per l’utente. Ciò è d’obbligo per i costruttori, i quali sottostanno alla norma Uni En 442 ed inoltre è obbligatorio trascrivere i dati relativi a consumi e potenze dell’apparecchio sulla confezione. Sostanzialmente le tipologie di radiatori elettrici più diffuse sono i termoventilatori e i termoconvettori Per quanto riguarda i termoventilatori, questi sono apparecchi dotati di ventola e di resistenze il cui scopo è quello di diffondere calore in ambienti di piccole dimensioni. I termoconvettori, come i termoventilatori, possono essere installati mediante apposite dime di fissaggio al muro. L’efficienza di questi apparecchi è minore rispetto ai termoventilatori, i quali offrono la possibilità di essere posizionati anche nel bagno perché provvisti di sicurezze idrofughe. Inoltre vi sono altri tipi di radiatori come quelli ad olio, che assicurano un calore costante, e al quarzo per piccoli ambienti.


I consumi dei radiatori elettrici

Radiatore elettrico con più di dieci elementi I radiatori elettrici sono caratterizzati da una grande efficienza quanto grandi sono, purtroppo, i consumi energetici. In genere quei modelli di radiatori elettrici dotati di sei elementi riscaldanti richiedono il consumo di circa 1.2 chilowatt orari, mentre un modello dotato di dieci elementi ne richiede addirittura due. Oltre alla portata ponderale di corrente elettrica, i radiatori elettrici vantano la caratteristica di assorbire non poco in termini elettrotecnici. Volendo ipotizzare l’impiego di un radiatore di 2.5 kW di potenza in un appartamento dotato di un generico contatore da 3 kW, ciò vuol dire privarsi dell’utilizzo di una lavastoviglie, poiché l’energia richiesta non sarà sufficientemente erogata dal contatore. In definitiva si consiglia di valutare l’acquisto di un radiatore elettrico, o meglio di cercare di prestare attenzione a piccoli gesti che diminuiscono i consumi. Si consiglia di attivare il radiatore a due resistenze, poi spegnerne una per consentire un calore costante. Impostare il timer per evitare che il radiatore rimanga acceso quando si è via. Settare la temperatura non troppo alta. Se si seguono tali consigli si può risparmiare fino al 30% di energia.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO