Controsoffitto

Esigenze da controsoffitto

Quando un soffitto alto serve a rendere importante una bella stanza difficilmente lo si vuole abbassare, ma, in determinate circostanze, il controsoffitto rappresenta la maniera più semplice per risolvere un problema. Per esempio, quando l'altezza del soffitto fa sembrare una stanza enorme oppure quando la volta è molto rovinata, quando c'è la necessità di fare passare delle condutture esterne e le si vuole nascondere, quando si vuole migliorare l'isolamento acustico o termico e infine quando si vuole creare uno spazio per le luci a scomparsa: in tutti questi casi, cosa c'è di meglio di un controsoffitto? L'armonia di una stanza è determinata in gran parte dall'equilibrio della sua area con l'altezza del soffitto: soffitti bassi sono considerati tipici di ambienti intimi e accoglienti mentre, il soffitto alto di una camera è segno di imponenza e di solito connota grandi spazi, ma può dare un senso di vuoto. Se raffrontato con il volume di una stanza della stessa superficie, ma con il soffitto alto, il volume di una camera che ha il soffitto basso risulta inferiore, sarà più facile da riscaldare in modo uniforme e quindi risulterà un maggiore comfort.Fonte foto:homedepot.com
Montaggio controsoffitto in cartongesso

SAD 2714 - Controsoffitto standard, 10 mm, 2 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,41€


Controsoffitti fai da te

Griglia per controsoffitto sospeso Quando si decide di abbassare il soffitto si devono valutare diverse opzioni: qualità della luce ed equilibri spaziali possono essere dovuti alla misura delle volte, che se abbassate, cambiano le proporzioni della stanza, per esempio, la misura delle finestre potrebbe apparire sproporzionata. A volte si possono utilizzare soluzioni di compromesso, abbassare solo parzialmente il soffitto che alla fine risulterà ripartito tra due livelli. In alternativa è possibile lasciare che la pannellatura penda liberamente dal soffitto intonacato tramite sistemi di sospensione: con effetto finale, un quadro galleggiante al centro della stanza e che può essere arricchito da un'illuminazione nascosta. Per un classico controsoffitto fai da te sono disponibili strutture alleggerite da fissare al soffitto esistente che fungono da ordito, completate da modanatura perimetrale che supporta il soffitto in corrispondenza dei bordi. I pannelli, la cui scelta è ampia per forma e materiali, possono essere anche a incastro, consentendo facili ispezioni dell'intercapedine e eventuali riparazioni.Fonte foto:mobileimages.lowes.com

  • luci per controsoffitto moderno Le luci per controsoffitti vengono al giorno d'oggi sempre più richiesti per due motivi principali. Innanzitutto per una ragione prettamente estetica, per via dell'effetto finale che un impianto di qu...
  • Controsoffitto in cartongesso I controsoffitti in cartongesso sono strutture che stanno tornando prepotentemente di moda negli ultimi anni. Fino ad alcuni decenni fa infatti erano utilizzati prevalentemente in costruzioni datate, ...
  • Controsoffitto in polistirolo Un controsoffitto in polistirolo trasforma la stanza e la rende sicuramente più attuale e gradevole oltre a ridurre gli sprechi di riscaldamento e raffrescamento, in quanto, essendo un materiale isola...
  • Un classico soffitto a cassettoni Contrariamente a quanto alcuni ritengono, i soffitti a cassettoni non sono adatti soltanto ad ambienti sontuosi; sono perfetti, ad esempio, anche per arricchire il design di uno studio, di una sala le...

SAD 1400 Luxembourg 801 - Controsoffitto, spessore 8 mm, 2 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,66€


Controsoffitti in cartongesso fai da te

Controsoffitto in alluminio I pannelli di gesso pressato tra fogli di cartone costituiscono un materiale pratico e indeformabile per progetti di controsoffitti in cartongesso fai da te. Possono essere tinteggiati normalmente, possono essere tagliati e modellati anche per orditure non perfettamente squadrate. I pannelli possono essere avvitati, se si sceglie una struttura uniforme e si utilizza un'intelaiatura composta da profilati di alluminio ad "elle". L'intelaiatura può anche essere a vista con i pannelli semplicemente appoggiati sulle apposite calettature senza usare ganci, viti o chiodi, e con gli elementi facilmente removibili per eventuali ispezioni. La posa in opera del controsoffitto che sia in cartongesso uniforme, che richiede tempi maggiori per la realizzazione e maggiori rifiniture, oppure a quadrotti con griglia visibile, prevede per prima cosa l'intelaiatura. Per questa si parte fissando ai quattro lati della stanza i listelli portanti. Su ognuno di questi verranno fissati a intervalli regolari i listelli che attraversano la stanza in senso longitudinale e di traverso, dando vita alla griglia di sostegno. A questa verranno applicati i pannelli secondo il metodo preferito. Fonte foto:amigohandymanservice.co.uk


Controsoffitti metallici e in alluminio

Controsoffitto fonoassorbente I controsoffitti di metallo sono costituiti da pannelli in acciaio o in alluminio. Si installano facilmente e per le loro qualità sono l'ideale per ambienti commerciali e show room: assicurano un'ottima acustica ambientale, soprattutto se associati a materiali isolanti, sono totalmente ignifughi e permettono una facile ispezione del sottotetto. I controsoffitti d'alluminio permettono una grande versatilità di progettazione e con la loro leggerezza creano un notevole effetto decorativo. Acciaio ed alluminio sono facilmente lavabili e inattaccabili dall'umidità e si prestano bene in ambienti dove è necessario garantire pulizia e igiene, come studi medici ed ospedali. La struttura di sostegno può essere a vista o nascosta, vi si possono incorporare i classici quadrotti oppure le doghe, di cui si può scegliere sia la sezione che il colore, o le griglie. Le doghe possono essere anche autoportanti, quindi non necessitano della struttura di sostegno e vengono incastrate secondo la tecnica maschio-femmina, per poter essere installate con facilità e riduzione della spesa. Le griglie in alluminio sono indicate nei locali dove è richiesto un facile ricambio d'aria attraverso le maglie.Fonte foto:howtospecialist.com


Controsoffitti fonoassorbenti

I controsoffitti fonoassorbenti correggono l'acustica dell'ambiente in cui vengono installati, assorbono il suono che arriva dalla fonte acustica ma anche quelli riflessi dalla parte superiore delle pareti. Una corretta acustica dei locali serve a creare comfort negli ambienti di lavoro e in quelli ad alta frequenza di rumorosità o in quelle aree in cui persiste un disturbo a bassa frequenza dovuto a sistemi di ventilazione. Vengono utilizzati pannelli in poliuretano espanso a celle aperte, che possono essere anche autoadesivi e vengono prodotti in diverse altezze, o in forma ondulata (bugnata). Non hanno bisogno di alcun rivestimento i pannelli in MDF, cioè quei pannelli di fibra di legno denominati "a media densità", forati e fresati possono essere verniciati, variamente decorati e le loro qualità acustiche possono essere completate da un rivestimento di tessuto non tessuto lungo il lato interno mentre particolari scanalature possono creare i cosiddetti risuonatori di Helmhotz, capaci di smorzare i riverberi acustici che causano disturbo acustico.


Controsoffitto: Controsoffitti acustici

I controffitti acustici permettono di isolare i locali dai rumori provenienti dall'esterno e dal calpestio proveniente dai piani superiori. Vengono utilizzati pannelli modulari in lana minerale rivestiti con fibra di vetro bianco o colorata. Sono pannelli leggeri e facili da montare sulla struttura portante. I pannelli sono costituiti per lo più da lana di roccia e consentono anche un discreto isolamento termico. La lana di roccia grazie alla sua struttura a celle aperte, favorisce l'assorbimento delle onde acustiche e attenua la propagazione del rumore. Questi pannelli non subiscono variazioni igrometriche o termiche e quindi risultano durevoli nel tempo. I pannelli per i controsoffitti acustici possono essere anche in poliestere, tagliato direttamente in pannelli di fibre termolegate oppure ottenuti applicando la fibra di poliestere in rotolo sui pannelli di diverso materiale, cartongesso, legno o alluminio, così come nell'impiego di fibra di roccia i cui strati possono andare a riempire l'intercapedine tra la struttura e il soffitto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO