parete ventilata

La parete ventilata

La parete ventilata, anche detta facciata ventilata, è una particolare metodologia costruttiva dei muri esterni di un edificio. Generalmente questo tipo di costruzione viene sfruttata soprattutto nelle strutture produttive o commerciali, spesso indicate con il termine generico di capannone. Si possono sfruttare i vantaggi della parete ventilata anche nel caso di abitazioni o altri edifici in fase di ristrutturazione. In particolare si tratta di una metodologia impiegata esclusivamente per le pareti perimetrali di un edificio, in alternativa alla copertura chiamata a cappotto. Il sistema prevede di preparare la copertura di una parete utilizzando tre diversi strati: dell'isolante, generalmente la lana di roccia; un'intercapedine d'aria; la copertura esterna. La parete esterna si fissa direttamente alla parete principale utilizzando delle barre in metallo, si tratta quindi in genere di rivestimenti a lastre, di materiale vario.
Schema di parete ventilata

Funmo Paint Runner Pro, rullo con serbatoio, strumento per angoli, pennello;set per dipingere le pareti di casa e in giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,66€


I vantaggi di una parete ventilata

Facciata ventilata Il motivo per cui in molte situazioni costruttive si sfrutta la parete ventilata è rappresentato dai molteplici vantaggi che garantisce. I muri esterni di un edificio infatti, se lasciati privi di rivestimento, tendono ad avere molteplici scambi termici con l'ambiente. Questo porta all'aumento delle spese per il riscaldamento e il raffrescamento, insieme con un minore comfort per chi vive all'interno dell'edificio. Le pareti ventilate consentono invece di limitare gli scambi termici, predisponendo una struttura al tempo stesso isolante e fonoassorbente. L'uso di questo metodo costruttivo consente anche di creare una perfetta barriera al vapore, che impedisce e corregge le infiltrazioni di umidità e le eventuali risalite di acqua dal terreno. All'interno dell'intercapedine d'aria si sfrutta il naturale effetto camino, che permette di diminuire il calore prodotto dall'irraggiamento solare in estate e l'assorbimento del freddo invernale.

  • Esempio di facciata ventilata La facciata ventilata consente di applicare alle pareti esterne di un fabbricato un particolare tipo di rivestimento applicato a secco. Si usano pannelli abbastanza spessi, che tuttavia non aderiscono...
  • Esempi di pareti divisorie mobili Le pareti divisorie mobili sono una soluzione progettuale molto usata negli ultimi anni nel settore dell'interior design. Il punto è che quando si affitta o si compra un'abitazione spesso non piace la...
  • Esempio di parete verde Le pareti verdi, spazi verticali su cui si coltivano piante e fiori, sono un'innovazione che attrae e che spinge i moderni designer a cimentarsi in opere vistose, peraltro molto apprezzate. In realtà,...
  • Pannelli divisori flessibili Per suddividere gli spazi interni di un'abitazione esistono diversi modi, più o meno impegnativi e costosi. I divisori mobili sono più economici e pratici rispetto alle classiche pareti in muratura e ...

mDesign Set da 2 Portaoggetti da parete - Pratico scaffale muro per tutti gli ambienti della casa - Robusto portaoggetti in plastica - bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,99€


Come si prepara una parete ventilata

Intervento di ristrutturazione La parete ventilata si predispone all'esterno della casa, sulle pareti in muratura o in calcestruzzo prefabbricato. Sulla muratura si fissano delle lastre di materiale isolante, in genere in lana di roccia. Tali lastre devono essere fissate con dei tasselli a disco che consentono di fermarle e di mantenerle in posizione, senza però schiacciarle in alcun punto della superficie. Si predispone poi una struttura metallica a barre ortogonali, che permette di posizionare delle lastre di rivestimento. Tra il rivestimento e lo strato isolante si lascia una intercapedine di aria, profonda alcuni centimetri, che sarà lasciata totalmente vuota. È proprio l'aria contenuta all'interno dell'intercapedine che svolge buona parte del compito di isolare l'edificio. Al suo interno infatti si generano dei moti convettivi che consentono un totale ricambio di aria nel corso del tempo, evitando però il contatto tra l'interno e l'esterno del locale.


Perché utilizzare le pareti ventilate

Parete ventilata Negli ultimi anni a livello costruttivo si sta facendo largo un impiego sempre maggiore di metodologie che consentono di isolare gli edifici dall'ambiente esterno. Le nuove costruzioni, o gli edifici ristrutturati, sfruttano spesso delle tecnologie che permettono di abbassare drasticamente le spese per il riscaldamento e di migliorare al massimo l'utilizzo dell'energia all'interno della struttura. Questo consente di ottenere due diversi vantaggi: da un lato l'edificio consentirà spese di gestione minime; dall'altro lato permetterà di rispettare al meglio l'ambiente, evitando di immettere nell'aria quantità eccessive di inquinanti. Le leggi a tal proposito sono abbastanza chiare, visto che si penalizzano le strutture costruttive realizzate con metodi antiquati, che non consentono la buona coibentazione degli ambienti, mentre si favoriscono gli edifici ben isolati, o anche quelli cosiddetti passivi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO