Alberi secolari

Le sequoie del nordamerica

Esistono tanti alberi secolari che appartengono a tante specie diverse: ad esempio a nord di San Francisco si trova una vera e propria foresta composta da esemplari di grandi dimensioni e di notevole età. Le Sequoie di questa regione, infatti, hanno più di 2000 anni di vita, quindi esistevano già ai tempi di Giulio Cesare. L'altezza di questi alberi secolari supera i 100 metri, mentre il diametro al suolo degli esemplari supera spesso i 5 metri. Nel tronco di uno di questi colossi è stato aperto un passaggio nel quale può transitare tranquillamente una grande limousine. Questi alberi hanno tutti un nome: i più famosi sono la Vecchia Madre, il Gigante Grigio, le Tre Grazie (pesanti centinaia di tonnellate di peso) e i Due Gemelli, alti come grattacieli. Alla fine dell'Ottocento nella base di uno di questi giganti fu ricavato un vasto locale nel quale fu dato un concerto che riunì 40 spettatori, tutti seduti, un pianista e il piano.
Alberi secolari

The Raw Food World Estratto Naturale di Boswellia Serrata (56.6g)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,33€


Grandi alberi secolari esotici, i baobab

Alberi baobab Gli alberi secolari sono diffusi in tutto il mondo: molte specie sono esotiche e crescono in Africa. Ad esempio il Baobab raggiunge dimensioni veramente notevoli ed è estremamente apprezzato dalle popolazioni locali per le sue caratteristiche. Dal suo tronco si possono ricavare piroghe eccezionali, mentre le foglie servono per preparare una tisana contro la febbre alta. La polpa dei frutti viene invece usata per realizzare profumate saponette e bevande dissetanti. Fino a qualche decennio fa nel tronco cavo di questi alberi secolari venivano sepolti musicisti e poeti di particolare merito. Il nome di questa specie significa letteralmente albero dei 1000 anni, anche se questi esemplari possono vivere tre o quattro volte più a lungo. Si tratta di veri e propri giganti verdi, molto resistenti agli effetti della siccità.

  • frutta di stagione Coltivare varietà diverse di alberi da frutto nel nostro giardino, scegliendole in base ai gusti personali e con un diverso periodo di maturazione, consente di soddisfare il fabbisogno di frutta fresc...
  • Alberi frangivento La barriera di alberi frangivento è un sistema per proteggere le colture, e non solo, di antica tradizione.La protezione in zone molto ventose può essere eretta anche in altri materiali, come muri e b...
  • Potatura degli alberi La potatura degli alberi ad alto fusto è necessaria perché la loro crescita avvenga in modo armonico e perché sviluppino una chioma folta e tondeggiante. In genere lo sviluppo delle piante avviene in ...
  • Alberi latifoglie in autunno Gli alberi comunemente definiti latifoglie, e cioè dalle foglie larghe, sono più propriamente appartenenti alle Angiospermae. "Angiosperme" in greco significa seme protetto ed è questa la caratteristi...

Premium, a lunga durata, per 100 giorni – cespuglio fertilizzante, Fogliame Per Siepi per ogni della Vegetazione e ziergehoelze 1,5 kg per 40 Piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,89€


Alberi secolari: I più famosi e importanti presenti in Italia

Ulivo secolare Sul territorio italiano sono presenti diversi alberi secolari, appartenenti alle più disparate specie. Nella maggior parte dei casi si ha a che fare con Olivi e Larici, tuttavia sono rappresentati anche i Castagni e i Tassi. Il più vecchio degli alberi secolari è il cosiddetto Castagno dei cento cavalli: sorge a Sant’Alfio in provincia di Catania e ha 3000 anni. Invece il Larice di Ultimo (Frosinone) ha 2300 anni, mentre hanno 2000 anni il cosiddetto Olivo di Canneto a Fara Sabina e l'Olivastro di Luras a Sassari. Altri Olivi di notevole età sono quello di Sant’Emiliano, che sorge a Trevi e ha 1700 anni, e quello di Villa Minerva: ha 800 anni e sorge a Poggio San Remo in provincia di Imperia. Infine il Tasso di Fonte Avellana che cresce a Sella Sant’Abbondio ha un migliaio di anni, il Leccio delle Ripe nel territorio senese 900 anni, mentre il Rovere di Grandola e Uniti ha circa otto secoli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO